Ergastolo per il killer con le corna: "Ci vediamo tutti all'inferno"

Caius Veiovis è stato condannato all'ergastolo per avere ucciso, fatto a pezzi e nascosto tre uomini. Dopo la condanna, ha sfidato i giudici: "Tanto ci vediamo tutti all'inferno". La storia del killer con le corna

Caius Veiovis in aula

ROMA - Non ha invocato giustizia, ma vendetta. Quando i giudici hanno letto la sua condanna, l'ergastolo, si è alzato e li ha minacciati. Occhi fissi e poche parole pronunciate con rabbia: "Ci vedremo tutti all'inferno". 

Così Caius Veiovis, "l'assassino con le corna", ha accolto la decisione di una Corte del Massachusetts di condannarlo alla pena massima. Veiovis, che si è fatto impiantare delle corna sotto pelle e si è tatuato "666" sulla fronte, era accusato di aver sequestrato, ucciso, fatto a pezzi e seppellito nel giardino di una casa privata a Becket tre uomini. In settimana, anche i suoi complici, Adam Lee Hall e David Chalue, erano già stati dichiarati colpevoli di omicidio.

Secondo la ricostruzione della Corte, il satanista avrebbe ucciso i tre per entrare nelle grazie proprio di Adam Lee Hall, uno dei massimi esponenti degli "Hell's Angels", una setta americana. Così, si era offerto di ammazzare David Glasser, un membro del gruppo che minacciava di denunciare i satanisti. Le altre due vittime, Edward Frampton e Robert Chadwell, sarebbero stati uccisi, invece, perché testimoni scomodi. 

Veiovis, tra l'altro, era già noto alla giustizia americana per aver essere stato condannato a sette anni e mezzo di carcere per lesioni aggravate. Nel 1999 si chiamava Roy Gutfinsk e già si definiva un satanista e un vampiro. In quegli anni faceva parte dei "Goths", la stessa setta satanica della sua ragazza, una sedicenne. Insieme, i due, avevano costretto una ragazza della setta a tagliarsi la schiena con un rasoio per leccare il suo sangue. 

Entrato in cella, Roy aveva rotto ogni legame con la religione cristiana e aveva cominciato una causa per cambiare il suo nome in Caius Veiovis. Quindi, una volta libero, si era fatto tatuare e impiantare le corna sulla fronte. Diventando così, l'assassino con le corna. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prende il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere 78 auto intestate

  • Aumenti in busta paga da luglio 2020: chi può sorridere per il bonus "pieno" di 100 euro

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 28 gennaio 2020

  • In arrivo il bonus Tari: come funziona lo sconto sulla bolletta dei rifiuti

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Roberta Girotto, mamma scomparsa: ritrovato il suo corpo nel fiume

Torna su
Today è in caricamento