Nuovo test missilistico di Pyongyang: si riunisce il Consiglio di sicurezza Onu

Kim Jong-un ha lanciato un missile nel mar del Giappone proprio mentre il premier nipponico Shinzo Abe era in Florida a colloquio con il presidente americano Donald Trump

Dopo il nuovo lancio del missile nordcoreano, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite si riunirà oggi d'urgenza su richiesta degli Stati Uniti, del Giappone e della Corea del Sud. Lo ha annunciato la presidenza ucraina. La riunione inizierà alle 23 ora italiana.

"Gli Stati Uniti, il Giappone e la Repubblica di Corea hanno chiesto consultazioni urgenti sul lancio di un missile balistico da parte della RPDC (la Corea del Nord, ndr) del 12 febbraio", ha dichiarato un portavoce della missione americana alle Nazioni Unite.

L'agenzia stampa nordcoreana KCNA ha qualificato come un "successo" questo lancio di un "missile terra-terra di media e lunga gittata Pukguksong-2" e il numero uno nordcoreano, Kim Jong-Un, ha espresso la sua "grande soddisfazione". Il missile ha percorso circa 500 chilometri prima di inabissarsi nel Mar del Giappone, secondo il ministero sudcoreano della Difesa.

Il lancio del missile, il primo dalle elezioni americane a novembre, è considerato come l'espressione della volontà di Pyongyang di testare le reazioni del neopresidente americano Donald Trump e dei Paesi della regione. Trump, che aveva suo ospite in Florida il premier giapponese Shinzo Abe, ha ribadito il sostegno "al 100% degli Stati Uniti al Giappone", loro alleato nella regione. Abe, dal canto suo, ha definito il lancio del missile un gesto "intollerabile".