Gaza senza acqua, luce ed igiene: "Peggio della guerra del 2014"

Le popolazioni della Striscia di Gaza stanno vivendo una crisi energetica, sanitaria ed economica peggiore di quella vissuta ai tempi del conflitto: la denuncia di Oxfam

Alcuni bambini a Gaza, 2017 (FOTO ANSA)

Nonostante la guerra sia finita da tre anni, la vita a Gaza è peggio del 2014. La crisi energetica che sta attanagliando i cittadini di Gaza è peggiore di quella vissuta all'epoca del conflitto. Oggi circa due milioni di persone non hanno quasi nessun accesso a servizi essenziali, come acqua corrente e servizi igienici e moltissimi altri hanno a disposizione solo due ore di luce elettrica al giorno.

L'allarme lanciato da Oxfam

Questo l'allarme di Oxfam che ha lanciato la campagna #LightsOnGaza per chiedere l'immediato ripristino della fornitura di elettricità a Gaza a tre anni dalla fine della guerra che in 50 giorni devastò la Striscia. Una crisi, iniziata quattro mesi fa,  a causa delle tensioni che hanno portato al taglio da parte di Israele del 40% dell'erogazione di elettricità sulla Striscia, su richiesta della stessa Autorità nazionale palestinese. Una situazione che sommata alla scarsità di carburante, alla crisi sanitaria e salariale rende impossibile la vita a uomini, donne e bambini di Gaza.

La popolazione, intrappolata all'interno della Striscia, è minacciata dalla diffusione di malattie causate dalla carenza di servizi igienici e sanitari. Subito dopo la guerra nel 2014, il 50% dei centri di trattamento delle acque reflue era stato distrutto. Adesso non ne funziona neanche uno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Peggio della guerra del 2014

Ad agosto 2014, 900mila persone necessitavano di acqua e servizi igienici, ora il numero è salito a due milioni. Dopo l'ultima guerra, l'80% della popolazione viveva con quattro ore di elettricità al giorno, oggi la maggioranza della popolazione deve accontentarsi di due. Il tutto nel contesto di una delle aree più densamente popolate del pianeta, dove si registra il più alto tasso di disoccupazione al mondo: oltre il 43%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il taglio dell'elettricità a Gaza rappresenta una misura illegale e punitiva contro un'intera popolazione, denuncia Oxfam che ne chiede la sospensione immediata auspicando che tutte le parti coinvolte garantiscano agli abitanti il ripristino del normale approvvigionamento di elettricità e carburante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Luca Pitteri, ex prof di Amici, ha sposato una allieva del talent (FOTO)

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 30 maggio 2020

  • SuperEnalotto, l'estrazione di oggi lunedì 1 giugno 2020

  • Coronavirus, ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 4 giugno 2020

  • Frontale devastante tra due moto: centauro muore sul colpo

Torna su
Today è in caricamento