Germania, il primo incontro tra Merkel e Hollande

I due capi di Stato hanno voluto mostrare la solidità del rapporto franco-tedesco, ma non mancano le divergenze su temi come la crescita e il patto fiscale

Non ha avuto neanche il tempo di abituarsi ad essere chiamato presidente della Repubblica che François Hollande è dovuto partire per la Germania a incontrare la cancelliera Angela Merkel. Mentre volava verso un Berlino un fulmine ha colpito l'aereo presidenziale, quasi a voler mostrare la tensione che vi era nei cieli europei. Quello di ieri era un colloquio molto atteso in tutta l'Unione dopo che Nicolas Sarkozy, il premier più atlantista che sia mai salito all'Eliseo, ha lasciato il campo al suo avversario socialista.

I due capi di Stato hanno parlato privatamente per un'ora prima di concedersi ai giornalisti. Non ci sono stati grandi colpi di scena. I due capi di Stati hanno ribadito le proprie posizioni su quanto rigurda la crescita e l'Europa, cercando di fiaffermare la solidità del rapporto che lega la Germania e la Fancia, senza però mostrare debolezze.

Il rapporto Berlino-Parigi - La Merkel ha detto che Francia e Germania sono “coscienti della responsabilità che hanno” nei confronti dell'Europa, e proprio per questo hanno “il dovere” di lavorare insieme. Le ha fatto eco Hollande, che ha auspicato “una relazione equilibrata tra la Francia e la Germania, che rispetti le loro sensibilità politiche”, come riporta il quotidiano Le Monde

La Grecia – I due capi di Stato hanno mostrato una convergenza di vedute per quanto riguarda la crisi ateniese. “Vogliamo che la Grecia rimanga nell'eurozona”, ha dichiarato la cancelliera, ed entrambi si sono detti pronti a discutere su “nuove misure di crescita” in grado di aiutare il Paese, che tra meno di un meso dovrà affrontare nuove elezioni. 

La crescita – Come ci si poteva aspettare, i punti di disaccordo tra i due riguardano la crescita, anche se la Merkel ha accusato la stampa di aver mostrato delle “divergenze più grandi di quanto non lo siano realmente”, come riporta Euronews. “La questione che si pone oggi è sapere cosa si intende per crescita. E' un concetto generale. C'è bisogno che la popolazione percepisca la crescita”, ha dichiarato la cencelliera tedesca. “Troveremo sicuramente un terreno comune nonostante i punti di vista differenti”, ha poi concluso la Merkel. 

Patto fiscale ed eurobond - “L'ho detto nella campagna (elettorale, ndr) e lo ripeto ancora oggi come presidente della Repubblica, che volevo rinegoziare quello che è stato deciso (il patto fiscale, ndr) per integrarlo in una dimensione di crescita” ha dichiarato Hollande. “Il metodo che ci sembra migliore è quello di mettere l'argomento sul tavolo in occasione dell'incontro informale del 23 maggio, compresa la questione degli eurobond”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni fruttiferi postali, il "brutto pasticcio" sui rimborsi

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 18 febbraio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • C'è posta per te, Maria De Filippi perde la pazienza: "Non ce la posso fa"

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 15 febbraio 2020

Torna su
Today è in caricamento