La guerra del gas tra Mosca e Kiev

Il colosso dell'energia russa ha deciso di spostare il termine del regime di pagamento anticipato per le forniture di gas a lunedì 16 giugno e ha proposto uno sconto che però l'Ucraina giudica insufficiente

Un piccolo "passo in avanti" a Bruxelles da parte di Gazprom nei confronti di Kiev, ma gli ucraini non sembrano troppo entusiasti. Il colosso dell'energia russa ha deciso di spostare il termine del regime di pagamento anticipato per le forniture di gas a lunedì 16 giugno. Lo ha detto il capo della Gazprom Aleksei Miller. "La parte russa ha fatto un passo in avanti al fine di proseguire i negoziati, che sono stati condotti negli ultimi giorni molto intensamente" ha commentato. Ma la delegazione di Kiev non sembra affatto entusiasta, e ha definito "inaccettabile", praticamente un guanto di sfida, quanto proposto oggi dalla Russia: uno sconto di 100 dollari sui 485 che ora Kiev dovrebbe pagare per ogni 1.000 metri cubi di metano acquistato.

In base alle parole del premier ucraino Arseni Yatseniuk, i colloqui tra Russia e Ucraina sul gas, con la partecipazione della Commissione europea e tesi a risolvere il conflitto tra le parti, sono ripresi oggi. Iniziati in ritardo a causa dell'arrivo non abbastanza tempestivo della delegazione russa. "I russi ci hanno fatto un'offerta per ridurre i prezzi del gas di 100 dollari, il cosiddetto sconto" ha detto il premier ucraino. "Voglio subito precisare ufficialmente che noi queste trappole russe le conosciamo bene" ha aggiunto ribadendo poi: "la nostra proposta era e rimane lo stessa: il cambiamento nel contratto".



Kiev insiste sulla necessità di ridurre il prezzo a 268,5 dollari per ogni 1.000 metri cubi, nonché le richieste di esenzione dalla formula take-or-pay del contratto standard e l'abolizione del divieto per la riesportazione del gas.

I colloqui tra Gazprom e Naftogaz mirano a raggiungere un accordo su un piano per il rimborso del debito sul gas e sul prezzo. Attualmente, l'Ucraina si trascina i "vecchi" debiti con Gazprom per il gas non pagato a novembre-dicembre per 1,45 miliardi di dollari. Inoltre, Kiev non ha pagato le consegne di aprile-maggio. Il loro costo totale è di 3 miliardi dollari basati sul prezzo attuale di contratto pari a 485 dollari per ogni 1.000 metri cubi, in vigore dal primo aprile dopo la sospenzione di tutti gli sconti, voluta dal premier russo Dmitri Medvedev.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, ecco cosa cambia davvero dal 1° gennaio 2020

  • Bollette luce e gas, buone notizie per metà delle famiglie italiane

  • Prende il reddito di cittadinanza ma ha un bar: la sanzione è da capogiro

  • Michelle Hunziker 'presenta' le figlie Celeste e Sole: tali e quali a mamma e papà (FOTO)

  • Estrazioni Lotto oggi e SuperEnalotto: i numeri di sabato 7 dicembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 12 dicembre 2019

Torna su
Today è in caricamento