menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companies

Siria, c'è l'accordo: "cessate il fuoco" in sette giorni e aiuti umanitari subito

A Monaco di Baviera è stato trovato un accordo per un "cessate il fuoco" in Siria entro sette giorni, per consentire l'accesso degli aiuti umanitari alla popolazione civile. Intanto la Nato valuta per la prima volta la possibilità di aderire direttamente alla coalizione anti-Isis

Le trattative sono durate tutta la notte: a Monaco di Baviera è stato trovato un accordo per un "cessate il fuoco" in Siria entro sette giorni, per consentire l'accesso degli aiuti umanitari alla popolazione civile.

"Siamo arrivati a un accordo per una cessazione delle ostitità in tutto il Paese nell'arco di una settimana" ha dichiarato il capo della diplomazia americana John Kerry in conferenza stampa al termine di una riunione del Gruppo internazionale di sostegno di oltre cinque ore a Monaco. Stati Uniti e Russia indicheranno le "modalità" dell'applicazione del cessate il fuoco, ha precistao il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov.

Questa tregua riguarderà tutte le parti "ad eccezione dei gruppi terroristi Daesh e Al Nusra", ha precisato Kerry. "Abbiamo anche deciso di accelerare ed ampliare la fornitura di aiuti umanitari fin da adesso" a una serie di città assediate, ha aggiunto John Kerry, citando Deir Ezzor, nell'Est della SIria, dove le forze del regime sono assediate dallo Stato islamico.

Oggi a Ginevra si riunirà un gruppo di lavoro sotto l'egida dell'Onu per dare applicazione al dossier umanitario e "farà dei rapporti settimanali". I negoziati intersiriani, sospesi a causa dell'offensiva del regime appoggiata dall'aviazione russa, "riprenderanno appena possibile", ha detto ancora Kerry, e lo faranno "senza ultimatum né precondizioni", ha sottolineato Lavrov.

USA-RUSSIA - Gli Stati Uniti accusano la Russia di aver "esacerbato" il conflitto in Siria con il suo sostegno alle forze governative, mentre è in corso il tentativo internazionale di trovare una soluzione alla crisi. "È il sostegno russo al regime del presidente siriano Bashar al-Assad, di questi ultimi mesi, e più recentemente durante l'assedio di Aleppo, ad aver esacerbato e intensificato il conflitto" ha dichiarato il portavoce del dipartimento di Stato, Mark Toner, dopo che il primo ministro russo, Dmitri Medvedev, ha detto in un'intervista che un'offensiva terrestre in Siria potrebbe provocare "una nuova guerra mondiale".

NATO - L'Alleanza Atlantica "sta studiando la possibilità" di partecipare direttamente alla Coalizione internazionale contro il gruppo terroristico del cosiddetto Stato islamico (Isis o Daesh), secondo quanto ha affermato oggi a Bruxelles il segretario di Stato alla Difesa Usa Ashton Carter, dopo la prima riunione dei ministri della Difesa dei 49 paesi della stessa Coalizione, ospitata al quartier generale della Nato a Bruxelles. I 28 paesi membri della Nato partecipano tutti alla Coalizione internazionale, ma a titolo individuale, mentre l'Alleanza in quanto tale aveva finora sempre evitato un suo impegno diretto.

Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • L'eurafrica è stata ripopolata, la guerra puo finire.

Più letti della settimana

  • Rassegna

    Incontra una donna e sua cugina per fare sesso a tre: "Entrato in casa sono scappato"

  • Citta

    Palermo, incidente in moto: morto l'operatore Rai che riprese la strage di Capaci

  • Media

    Amici, Virginia Raffaele affonda Anna Oxa: "Non ha mai finto di divertirsi"

  • Cronaca

    E' allarme tonno in olio di oliva, ritirato dai supermercati Simply 

Torna su