Irlanda, svolta storica: trionfa il sì all'aborto

Con più del 66% delle preferenze, gli irlandesi hanno votato a favore dell'abrogazione dell'articolo 8 della Costituzione. Il premier Varadkar: "Un voto per il futuro"

Sì all'aborto in Irlanda (FOTO ANSA)

Adesso i dati sono ufficiali: il 66,4% degli irlandesi ha votato in favore della liberalizzazione dell’aborto in Irlanda, secondo i risultati definitivi sul referendum comunicati oggi. La vittoria del “Sì” era attesa ma è stata più ampia del previsto. La legge in vigore in Irlanda consente l’aborto soltanto in pochissimi casi, tra cui il rischio per la vita della madre.

Con l’abrogazione dell’articolo 8 della Costituzione irlandese l’interruzione di gravidanza sarà permessa entro le prime 12 settimane e tra la 12esima e la 24esima in circostanze eccezionali. Nel pomeriggio, dopo gli exit poll e i primi risultati, quando la vittoria del “Sì” sembrava già certa, il primo ministro irlandese Leo Varadkar ha commentato a RTE: “Quello che vediamo oggi è il culmine di una rivoluzione silenziosa che si è svolta in Irlanda negli ultimi 10 o 20 anni”.

L'aborto negato in Europa: ecco la mappa degli Stati dove è ancora vietato

"Un voto per le prossime generazioni"

"Credo che abbiamo votato per le prossime generazioni, abbiamo votato per la compassione quando prima c'era l'indifferenza, per l'assistenza medica quando prima chiudevamo un occhio". Lo ha detto il premier irlandese Leo Varadkar alle centinaia di persone che si sono riunite di fronte al Castello di Dublino per l'annuncio dei risultati ufficiali del referendum che, con un'amplissima maggioranza del 66,4%, ha liberalizzato l'interruzione di gravidanza in Irlanda.

Secondo i risultati ufficiali nel referendum, al quale ha partecipato oltre il 64% dei 3,1 milioni di aventi diritto al voto, il 33,6% ha invece votato per mantenere l'ottavo emendamento della Costituzione che di fatto vietava l'aborto, tranne nei casi di stupro o incesto.

"Con l'ottavo emendamento alle donne con gravidanza problematiche veniva di fatto detto: prendete l'aereo o la nave" per la Gran Bretagna, ha affermato il ministro della Sanità, Simon Harris. "Oggi invece noi diciamo, prendete la nostra mano", ha aggiunto riferendosi all'aiuto che verrà ora fornito in patria a queste donne.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Migranti, Conte all'Ue: "Quote di ingresso e centri di redistribuzione tra tutti i paesi"

  • Economia

    Governo, molto rumore per nulla: i conti non tornano su pensioni e condono fiscale

  • Elezioni

    Ballottaggi, italiani al voto: M5s in corsa solo in 7 Comuni, Centrodestra prova il "cappotto"

  • Sport

    Formula 1, Hamilton show in Francia: partenza disastrosa per la Ferrari, rimonta capolavoro

I più letti della settimana

  • Bollo auto, rivoluzione dietro l'angolo: cambiano i criteri di calcolo

  • Amici, anche Andreas Muller in ospedale: "E' dura ma vincerò"

  • Federica Pellegrini, il post dopo la notizia del matrimonio di Magnini

  • Emma, prova costume superata: bomba sexy in bikini

  • Max Giusti, bomba sulla Rai: "Mandato via all'improvviso"

  • Con 7 euro vincono un milione a testa, ma devono fare i conti con la tassa sulla fortuna

Torna su
Today è in caricamento