homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcameravideo-camerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companies

L'allarme dell'Europol: l'Isis prepara "attacchi su vasta scala" in Europa

Nel mirino dei miliziani jihadisti ci sarebbe ancora una volta la Francia, come rivela il rapporto dell'agenzia che si occupa della lotta al crimine dell'Unione europea. La notizia poco dopo la diffusione del video dell'Isis con le nuove minacce contro l'Occidente

Le milizie dello Stato Islamico starebbero organizzando "attacchi su vasta scala" in Europa, dopo le stragi di Parigi: lo ha reso noto l'Europol, l'agenzia con sede all'Aia che si occupa della lotta al crimine dell'Unione europea, divenuta operativa il primo luglio 1999.

L'Isis "ha sviluppato delle nuove capacità di combattimento tali da condurre una campagna di attacchi terroristici su vasta scala in tutto il mondo, e in particolare in Europa" ha spiegato il responsabile di Europol, Rob Wainwright, parlando in conferenza stampa dopo l'apertura di un nuovo centro antiterrorismo all'Aia per presentare il rapporto dell'Europol sulle modalità di azione dell'Isis. Secondo il documento gli attacchi in preparazione riguarderebbero in particolare la Francia e sarebbero diretti verso obiettivi "soft" per provocare anche il massimo effetto mediatico.

Intanto, all'alba, un marocchino di 25 anni, radicalizzato e residente a Luzzi, nei pressi di Cosenza, è stato arrestato dai poliziotti della Digos, coordinati dallo Sco, il Servizio centrale antiterrorismo. Il giovane è indagato per i reati contemplati dalla nuova legislazione antiterrorismo, con particolare riferimento alla fenomenologia dei cosiddetti "foreign fighters".

Le indagini sono iniziate a luglio 2015. Il ragazzo il 10 luglio scorso aveva raggiunto la Turchia, ma è stato fatto rientrare in Italia dopo che le autorità turche, d'intesa con gli uomini dell'antiterrorismo italiano, ne avevano evidenziato la pericolosità respingendolo per motivi di "sicurezza pubblica". Al momento del controllo, oltre al passaporto marocchino con cui è stato identificato, era in possesso di un unico bagaglio a mano (zaino multitasche) contenente un pantalone di tipo militare con le tasche laterali, una camicia, biancheria intima, un tappeto da preghiera, un libro in lingua araba, una pubblicazione dei Fratelli Musulmani sui comportamenti che deve tenere un buon musulmano secondo il Corano, due telefoni cellulari e 800 euro in contanti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • In primis chi diffonde queste notizie anche se con una piccolissima probabilità che si verifichino, merita l'ergastolo. In secundis non è normale angosciare inutilmente le persone con simili scenari apocalittici, invece di nasconderle e rendere le persone più consapevoli di certe situazioni e per concludere se non si combatte il cancro all'origine è molto probabile che possa vincere. Mi auguro invece che le persone siano guardinghe, astute e "pronte" all'occorrenza. A buon intenditore poche parole.

  • E' solo illusione

  • Spero che non abbiano la sciagurata idea di compiere un massacro in Italia perché gli Italiani non perdonerebbero e dovranno fare le valige in molti.

    • Caro Marco, tu sogni. In Italia speriamo che non lo facciano perché comunque sarebbero come sempre considerati " future risorse, discriminati, ma portatori di cultura". Ecco cosa succederebbe in Italia.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Terrorismo, la mappa degli obiettivi in Italia: cinema, bar e luoghi di culto

  • Politica

    "Espulsi due terroristi", Alfano mette al bando gli imam fai-da-te

  • Mondo

    Zaini vietati in spiaggia: in Francia "misura di sicurezza" al massimo livello

  • Mondo

    "Vi faccio saltare in aria": algerino in fuga da un ospedale psichiatrico semina il panico in Germania

I più letti della settimana

  • Afghanistan, kamikaze si fa esplodere durante una manifestazione: "Almeno 50 morti"

  • Attentato in un centro commerciale a Monaco: il killer morto suicida era un 18enne tedesco di origini iraniane

  • Doppio attentato kamikaze in Siria: una strage

  • Malato di Aids pagato per fare sesso "purificatore" con le bambine

  • Parigi, violenze nella banlieue Nord: dieci arresti 

  • Polonia, arrestato uomo con esplosivo a poche ore dall'arrivo del papa

Torna su
Today è in caricamento