Ragazzino torturato e ucciso dalla folla: il video su Facebook

L'orrore in queste immagini parla da solo: si vede un 13enne legato a un palo e preso a bastonate. Il giovanissimo è stato ucciso e il suo corpo abbandonato in una zona isolata. La sua colpa: essere un "baby ladro". Ma dietro questa storia c'è l'incubo pedofilia

BANGLADESH - Sono immagini drammatiche, orrende e stanno facendo il giro del mondo. In questo video, pubblicato su Facebook, si vede un ragazzino di 13 anni - sospettato di un furto - legato a un palo e preso a bastonate dalla folla infuriata.

IL VIDEO - Il video, della durata di 15 minuti e che non vi mostriamo per intero, mostra il linciaggio del ragazzino e si chiude con la morte del giovane fra le risate dei suoi torturatori. La vittima si chiamava Samiul Alam Rajon. Il luogo dell'orrore - dalle prima informazioni - sarebbe la stazione dei bus di Sylhet, nel nord est del Paese.

LA VITTIMA - Il ragazzo è terrorizzato e invoca ripetutamente pietà ma i suoi aguzzini continuano a picchiarlo con un bastone anche quando cade a terra. Il tutto è accaduto l'8 luglio ed è avvenuto sotto gli occhi di diversi uomini che non sono intervenuti per salvare il giovane morto, secondo l'autopsia, per una emorragia cerebrale dovuta alle oltre sessante bastonate inferte contro il suo corpicino.

QUI IL VIDEO (ATTENZIONE, IMMAGINI FORTI)

LE PROTESTE E L'INCUBO PEDOFILIA - La morte di Samiul ha creato un moto di indignazione che ha oltrepassato i confini del Bangladesh grazie all'hastag #JusticeforRajon. Finora la polizia ha arrestato diverse persone, tra cui un certo Muhit Alam, 22 anni, che è direttamente coinvolto con il linciaggio e suo fratello, catturato in Arabia Saudita dove era scappato all'indomani del linciaggio. Ed è proprio grazie al video, diffuso dalle forze dell'ordine (foto sotto) che i primi colpevoli sono stati arrestati.

Immagine-70-31

INCUBO PEDOFILIA - Secondo i genitori di Rajon, dietro l'uccisione non ci sarebbe invece nessun furto bensì si nasconderebbe una storia di pedofilia. Si sospetta infatti che uno degli aggressor abbia accusato falsamente il ragazzo di aver rubato un risciò a motore dopo che quest'ultimo si era opposto alle sue richieste sessuali.

Potrebbe interessarti

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • Quando lo zenzero fa male

  • Tonno, come riconoscere quello di qualità (e quanto mangiarne)

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

I più letti della settimana

  • Saldi estivi 2019, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 18 giugno 2019

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 20 giugno 2019

  • Autostrade, rivoluzione pedaggi al via: che cosa cambia con il nuovo sistema

  • Temptation Island 2019: quando comincia, anticipazioni e coppie

  • Bollette luce e gas: novità da luglio (con messaggio per i clienti)

Torna su
Today è in caricamento