"A scuola di sesso anale in università" ma è una provocazione: cosa è successo a Colonia

Il corso per migliorare le proprie prestazioni e avere una vera e propria "specializzazione accademica" sembra essere stato qualcos'altro. Tra politica e xenofobia, ecco cosa è successo nell'università tedesca che ha fatto il giro del web

Vi sembrava strano? In effetti avevate ragione: non ci sarà nessun corso di "sesso anale" all'università di Colonia, in Germania. Neanche un workshop, nonostante tutto sembrava già avviato e in corso dal 3 giugno. La notizia in poco tempo ha fatto il giro del mondo grazie al web e ha creato diverse reazioni, sollevando un lunga serie di polemiche. 

Una di queste riguardava gli studenti musulmani dell'università: alcuni si sono sentiti offesi perché il sesso anale è malvisto dalla loro religione e per questo il corso sarebbe stato annullato all'ultimo. Ma a fare pubblicità a un corso sicuramente bizzarro c'era anche l'Afd, un partito tedesco xenofobo. Da qui il sospetto che fosse una provocazione politica che avrebbe innescare (e in effetti lo ha fatto) una polemica da porter, a posteriori, strumentalizzare. 

Ora non c'è più neppure la pagina Facebook dove veniva spiegati i dettagli del corso. Alcuni studenti sono rimasti delusi per l'atteggiamento oscurantista dell'università di Colonia che in un primo momento aveva avvallato l'incontro, e poi – dopo il vespaio politico – ha pensato bene di inserire la retromarcia e annullare tutto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Sebbene l'ano sia usato per la defecazione, in realtà non è così sporco come si pensa, dopo aver fatto un bidet. La defecazione è un processo naturale disposto da Dio per il corretto funzionamento del nostro corpo, perciò la concezione dell'area anale come sporca è solo un nostro limite concettuale. Se l'idea di entrare in contatto diretto con quest'area lo disgusta, il maschio può indossare un preservativo come protezione. Ci sono molte buone ragioni per fare sesso anale. La prima ragione è pratica: i rapporti vaginali possono condurre a gravidanze non desiderate. Se è vero che il Signore ci esortò ad essere fruttiferi e moltiplicarci: la gravidanza fuori del matrimonio può avere conseguenze drammatiche e alterare la vita di tutti quelli che ne sono coinvolti. Con il sesso anale si scongiura questo rischio. In secondo luogo, ad una giovane donna che non ha mai avuto rapporti sessuali, praticare il sesso anale permette di preservare la verginità (cioè, mantenere l'imene intatto) fino al matrimonio. Non c'è più grande dono che una sposa possa dare al marito, che offrirgli la propria verginità nella loro prima notte di nozze. Dunque, il sesso anale permette ad ambo i partner di riservare l'atto sessuale più intimo e potente, il rapporto vaginale viso a viso, per il loro coniuge. Infatti questo tipo di rapporto sessuale dovrebbe essere riservato per il partner della vita. Quindi, care lettrici di Today, non esitate ancora a concedere questo sano sfogo ai vostri fidanzati, li renderete felici e anche voi non mancherete di apprezzare la gioia che il sesso anale vi potrà dare. Lieto di esservi stato di aiuto, che il Sacro Cuore di Gesù vi accompagni, Enzo

Notizie di oggi

  • Politica

    Parlamento in ferie, tutti d'accordo: maxi ponte pasquale per deputati e senatori

  • Economia

    Reddito di cittadinanza e bonus per chi assume: cortocircuito nel mondo del lavoro

  • Politica

    Perché il Pd ha presentato una mozione di sfiducia contro il governo

  • Politica

    Sondaggi, un elettore del Movimento 5 stelle su due non rivoterebbe Di Maio

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi sabato 20 aprile 2019

  • Reddito di cittadinanza, fioccano le "lamentele" per l'importo dell'assegno

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi giovedì 18 aprile 2019

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi martedì 16 aprile 2019

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

Torna su
Today è in caricamento