homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companies

Brasile, stupri aumentati del 157% dal 2009 al 2012

Nella sola Rio de Janeiro nel 2012 le aggressioni sessuali sono state in media 16 al giorno. Le istituzioni incoraggiano le donne a denunciare le violenze, che spesso sono commesse all'interno della famiglia o da conoscenti

I numeri sembrano parlare chiaro, negli ultimi tre anni in Brasile c'è stato un aumento esponenziale degli stupri. Dal 2009 al 2012 l'aumento è stato del 157%. Sono dati riportati dai quotidiani brasiliani, in primis O Globo.

Nella sola Rio de Janeiro nel 2012 le aggressioni sessuali sono state in media 16 al giorno. 5.312 persone sono state stuprate in Brasile nei primi sei mesi del 2012. Nella stragrande maggioranza dei casi (il 90%) le vittime sono donne.

Secondo il Ministero della sanità l'aumento degli stupri va spiegato con la modifica del codice penale di tre anni fa. Le istituzioni incoraggiano le donne a denunciare le violenze, che spesso sono commesse all'interno della famiglia o da conoscenti. Prima della riforma legislativa del 2009 infatti si considerava come stupro la sola “penetrazione vaginale provata”, mentre la penetrazione anale veniva considerata un “attentato al pudore”, ricorda il quotidiano O Globo.

"Le donne con la modifica del codice penale hanno avuto più coraggio nel denunciare gli stupri, si sono sentite meno in colpa ed è evidente dalle statistiche”, dicono le autorità dell’organismo statale della lotta contro le violenze sulle donne, citate dal giornale. Oggi sono 12.704 le persone detenute in Brasile per stupro – 99.2% sono uomini -, 8.005 quelle per attentato al pudore e altre 665 per abusi su minori.

"In Brasile - spiega un funzionario - non c'è la mobilitazione che c'è stata recentemente in India, ma un altro tipo di mobilitazione, sui social network". Un caso emblematico: un gruppo di musicisti non è stato più messo sotto contratto da nessuna etichetta dopo la mobilitazione portata avanti sui social network da una ONG. I musicisti in questione avevano violentato due adolescenti dopo un concerto a Bahia nell'agosto 2012.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Caso Regeni, stop alle forniture per gli F-16: nuovo scontro diplomatico tra Italia ed Egitto

    • Cronaca

      Rivolta cinese contro i controlli dell'Asl: sassaiola contro la polizia

    • Politica

      L'odissea dell'ex grillino: "Voglio lasciare il Senato ma non mi fanno dimettere"

    • Asso di denari

      Brexit, i fondi sovrani "lasciano" Londra e puntano gli Stati Uniti

    I più letti della settimana

    • Attentato kamikaze all'aeroporto di Istanbul, è strage: almeno 28 morti

    • Paura sul volo Singapore-Milano: in fiamme il motore dell'aereo

    • India, 17enne reagisce allo stupro ed evira il suo aggressore

    • Scambiato per pedofilo, ucciso dal branco: tradito da app per incontri

    • Iraq, l'annuncio ufficiale: "Fallujah completamente liberata dall'Isis"

    • Genocidio armeno, la Turchia contro Papa Francesco: "Mentalità da crociato"

    Torna su
    Today è in caricamento