Volontaria italiana di 23 anni rapita in Kenya

La giovane rapita è Silvia Costanza Romano, di Milano. La procura di Roma ha aperto un fascicolo per sequestro di persona a scopo di terrorismo

Foto Kahawatungu.com

Una volontaria italiana di 23 anni, Silvia Costanza Romano, di Milano, è stata rapita in un attacco a un villaggio in Kenya. A entrare in azione un gruppo di uomini armati, vicino Malindi nel sudest. Lo riferisce la polizia locale. Si sospetta che si tratti di un'azione condotta da militanti di Al-Shabaab, gruppo islamico radicale con base in Somalia. Nell'attacco avvenuto a Chakama Town sarebbero rimasti feriti anche alcuni bambini.

Il rapimento sarebbe avvenuto ieri sera intorno alle 20 ora locale, nella contea di Kilifi.  Il motivo dell'attacco non è ancora chiaro. La volontaria, a quel che si apprende, lavora per un'organizzazione di assistenza che opera nella contea. Durante l'attacco gli uomini "hanno sparato all'impazzata" prima di prelevare la giovane.  L'italiana è stata prelevata nella casa da lei affittata nella zona commerciale di Chakama. Quando è arrivata la polizia sul luogo gli armati avevano già attraversato il fiume Galana, racconta ancora un testimone.

La procura di Roma ha aperto un fascicolo per sequestro di persona a scopo di terrorismo. Titolare del fascicolo è il pm Sergio Colaiocco. Della vicenda si occupa il Ros dei carabinieri che ha ricevuto delega investigativa dagli inquirenti per raccogliere informazioni dal Kenya. L'unità di Crisi della Farnesina si è immediatamente attivata e lavora nel massimo riserbo.

Testimoni: "Sono andati a colpo sicuro"

"Il rapimento della volontaria italiana è avvenuto in una parte del Kenya dove non ci sono centri commerciali (riferimento alle prime notizie che parlavano di un attacco a un centro commerciale, ndr) , al massimo un negozietto dove si vendono fagioli e dove soprattutto non succede mai niente del genere - ha spiegato all'Ansa Lilian Sora, presidente di Africa Milele Onlus, che si occupa di aiutare i bimbi meno fortunati nelle zone più difficili dell'Africa.

"A quanto ci hanno raccontato le persone che abitano nel villaggio - ha aggiunto - sono arrivati quattro o cinque individui armati che hanno lanciato un petardo, facendo sollevare la sabbia e hanno sparato più volte. Poi sono andati, a colpo sicuro, nella casa dove era la nostra volontaria, probabilmente perché lì sapevano che c'era una italiana, anche se non so spiegarmi il motivo di quello che è successo. In quel momento era da sola - ha concluso Sora - perché altri erano partiti e altri ancora arriveranno nei prossimi giorni".

Ieri l'ultimo contatto con la volontaria

"Il nostro ultimo contatto con lei risale a ieri pomeriggio. Siamo sconvolti, non avevamo mai avuto problemi di nessun tipo in quella zona" dice all'Adnkronos la presidente di 'Africa Milele Onlus'.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A settembre Silvia Costanza Romano aveva lanciato sulle piattaforme di crowdfunding  una petizione per l’acquisto di un serbatoio per il recupero dell’acqua piovana dal tetto della ludoteca del villaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollette, la (bella) sorpresa della fase 2 e questa volta vale per tutti

  • Luca Pitteri, ex prof di Amici, ha sposato una allieva del talent (FOTO)

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 26 maggio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Katia e Ascanio 15 anni dopo, ecco l'irresistibile ritratto di famiglia con i figli

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 28 maggio 2020

Torna su
Today è in caricamento