Zanzibar: due 18enni sfregiate con l'acido nel paradiso delle vacanze

Non sono in pericolo di vita ma la gravità delle lesioni riportate ha richiesto il loro trasferimento all'ospedale di Dar-es-Salaam

Due ragazze britanniche sono state attaccate con l'acido ieri sera a Zanzibar, un'aggressione ancora inedita contro gli stranieri sull'arcipelago turistico autonomo a maggioranza musulmana della Tanzania. Lo ha annunciato la polizia locale. "La polizia a Zanzibar ha lanciato una caccia all'uomo" per rintracciare gli aggressori delle due ragazze diciottenni, ha aggiunto il numero due della polizia locale, Mkadam Khamis. Le due giovani non erano turiste, come inizialmente ipotizzato, ma volontarie presso un ente assistenziale.

Le ragazze sono state avvicinate mentre camminavano per strada a Stone Town da due individui a bordo di un ciclomotore che le hanno colpite anche al torace e alle mani. Non sono in pericolo di vita ma la gravità delle lesioni riportate ha richiesto il loro trasferimento all'ospedale di Dar-es-Salaam, città principale della Tanzania.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Referendum 4 dicembre, i risultati: exit poll e dati reali. Aggiornamenti in diretta

    • Politica

      Gli scenari post-voto: Mattarella arbitro, ma a decidere sarà solo il premier

    • Politica

      Referendum, accuse incrociate tra Sì e No: "Violato il silenzio elettorale"

    • Mondo

      Austria, il verde Van der Bellen è il nuovo presidente: sconfitta l'estrema destra

    I più letti della settimana

    • Colombia, precipita aereo con squadra di calcio a bordo: è strage

    • Indonesia, aereo scompare dai radar: "E' caduto in mare"

    • Perché il sequestro di Sergio Zanotti in Siria è considerato anomalo

    • Tutti contro Lapo: sarcasmo e giudizi sui social sul "caso Elkann"

    • E' morto Jim Delligatti, l'inventore del Big Mac

    • Donna uccide madre, fratello e tre figli: poi si suicida

    Torna su
    Today è in caricamento