Rifornimento self-service metano: la Commissione Europea dà il via libera

Da aprile il rifornimento autonomo per i proprietari di auto a metano potrebbe diventare realtà. Dopo l'ok dell'Europa si attendono le firme del Ministero dell'Interno e del Ministero dello Sviluppo Economico

Presto i proprietari di auto alimentate a metano potranno effettuare rifornimento da soli, proprio come avviene per i veicoli con motori a benzina o a gasolio. Una notizia che farà certamente piacere al milione circa di italiani possessori di vetture spinte dal gas naturale i quali attualmente devono obbligatoriamente contare sull'addetto della stazione di servizio per effettuare rifornimento (lo stesso avviene per le auto alimentate a GPL).

Metano self-service: via libera da aprile?

Ad annunciare che il self-service potrebbe presto diventare realtà sono Federmetano e metanoauto.com, che in un comunicato congiunto hanno annunciato la fine del periodo di consultazione in Commissione Europea riguardo lo schema di decreto che modifica il testo attualmente in vigore della norma inerente l’esercizio degli impianti di distribuzione stradale del gas naturale per autotrazione, che permetterebbe il rifornimento di metano in modalità self service. Il testo ha superato il vaglio europeo senza ulteriori osservazioni e variazioni e ora dovrà passare alla firma dei due ministeri competenti (Ministero dell’Interno e Ministero dello Sviluppo Economico) prima di essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Un iter che dovrebbe concludersi entro la fine di febbraio 2019 e che vedrà entrare in vigore la nuova norma dopo 30 giorni dalla data di pubblicazione.

Ecobonus: la lista di auto che godranno dello sconto

GPL self-service: la legge c'è, gli impianti no

Diversa la situazione per il rifornimento self-service di auto a GPL: per questo tipo di veicoli esiste già da novembre 2016 una norma (UNI 11647), che ha stabilito le disposizioni di sicurezza e i dettagli tecnici necessari al rifornimento autonomo. Nonostante la legge lo consenta, però, in Italia, dove pure esiste una rete di distributori GPL molto ampia e ben distribuita tra Nord e Sud, nessuna stazione di servizio consente il rifornimento self-service. Il motivo è che per mettere in pratica questo tipo di rifornimento, i proprietari di auto a GPL dovrebbero essere muniti di un tesserino che li identifichi e dotarsi di una scheda che contiene i dati anagrafici e la targa del veicolo, elementi necessari a far dialogare l’auto e la stazione di servizio. Oltretutto i titolari delle stazioni di servizio dovrebbero consegnare un dispositivo a radiofrequenza agli automobilisti (oltre a istruirli su come usare il bocchettone). In tal modo si consentirebbe l’erogazione solo al veicolo autorizzato, impedendo iniziative pericolose come il rifornimento di bombole destinate ad altri usi. Un procedimento complesso, che ancora non ha trovato attuazione nella pratica.

Potrebbe interessarti

  • I migliori scooter 125: modelli versatili e dai consumi ridotti con prezzi a partire da 2.200 euro

  • Alpine presenta la A110S, l’ultima nata della gamma A110

  • Hyundai e Kia puntano sulla guida autonoma investendo in Aurora

  • Auto elettriche: incentivi per l'acquisto di tutti i veicoli, microcar incluse

I più letti della settimana

  • Bollo auto, così cambia la tassa

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di sabato 15 giugno 2019

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 17 al 23 giugno 2019

  • Reddito di cittadinanza, l'ultima truffa: "Vivo da solo", scoperto e denunciato

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 13 giugno 2019

  • Bollo auto, con la pace fiscale c’è il condono (e vale per 10 anni)

Torna su
Today è in caricamento