Climatizzatore in auto: quando ricaricare l'aria e pulire il filtro anti batteri

Come riconoscere quando è il momento di ricaricare l'aria condizionata ed evitare la formazione di germi nell'impianto

Il climatizzatore è sicuramente tra gli optional più apprezzati a bordo delle automobili. In particolare durante la stagione estiva, grazie ad esso è possibile ottenere una refrigerazione dell'abitacolo molto veloce.

Per far sì che l’impianto dell’aria condizionata funzioni al meglio, una volta entrati nell'auto è necessario aprire qualche minuto i finestrini per consentire il cambio dell’aria, subito dopo l’aria va tenuta accesa col riciclo per 5 minuti. Eseguite queste due operazioni si può finalmente godere dell'aria fresca.

Quando e come ricaricare il gas refrigerante

Una cosa da tenere sempre a mente - in particolare quando si utilizza molto spesso il climatizzatore - è che, periodicamente bisogna ricaricare il gas refrigerante che si trova nel circuito del condizionatore. Sintomo del gas che si sta esaurendo sarà il calo di efficienza dell'impianto di climatizzazione. E' possibile ricaricare l'aria condizionata con i kit fai da te disponibili online o nei negozi di accessori e ricambi per auto. Ad ogni modo, per avere la certezza che l'operazione di ricarica venga eseguita correttamente è consigliabile rivolgersi ad un'officina. Ricaricare l’aria condizionata può costare in media una cifra compresa tra i 70  e i 100€.

Fermo in auto con l'aria condizionata accesa: multato

Fltro dell’aria condizionata: cos’è e quando va cambiato

A volte l’aria condizionata dell’automobile potrebbe avere un odore poco gradevole, in tal caso il problema potrebbe essere legato al filtro antipolline, detto anche filtro dell’aria condizionata. Il compito di tale dispositivo è quello di filtrare l’aria prima del suo raffredamento. Una componente fondamentale poiché l’impianto di refrigerazione facilita la proliferazione di batteri e germi responsabili dei cattivi odori. Solitamente, prima di ricorrere alla sostituzione del filtro antipolline è sufficiente utilizzare dei prodotti specifici che eliminano i cattivi odori ed igienizzano i vari elementi del circuito dell’impianto. Il filtro antipolline teoricamente va sostituito una volta l’anno oppure ogni 12-15.000 km percorsi e sostituirlo costa circa 30€.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Heather Parisi: "La seconda quarantena a Hong Kong? Ecco come stanno davvero le cose"

  • Morta Susanna Vianello, figlia di Edoardo e Wilma Goich

  • Coronavirus, dagli alimenti alle banconote: a cosa stare attenti quando facciamo la spesa

  • Coronavirus, l'appello disperato di Linda da Londra: "Ci lasciano morire soli a casa come animali"

  • Coronavirus, perché i contagi restano stabili: "Il paradosso del plateau"

  • Coronavirus, medico muore a 61 anni. L'ultimo post su fb: "Non uscite, è l'unica arma che avete"

Torna su
Today è in caricamento