Coronavirus, patente e revisione auto scadute (o in scadenza): cosa succede

Con gli uffici chiusi per l'emergenza sanitaria dovuta al coronavirus, ecco le disposizioni previste dal decreto Cura Italia in merito alla scadenza di documenti come la patente di guida e la revisione auto

A causa dell'emergenza sanitaria in atto nel Paese dovuta al coronavirus molti uffici del settore automobilistico come quelli della Motorizzazione civile e le agenzie di pratiche auto sono chiusi fino a data da destinarsi.

Questo aspetto comporta inevitabili ripercussioni dal punto di vista burocratico, ad esempio l'impossibilità di rinnovare patenti e revisioni scadute o in scadenza. A tal proposito scopriamo cosa prevede il decreto Cura Italia emanato dal Governo.

Patente scaduta, cosa fare con l'emergenza coronavirus

L’articolo 104 del D.L. 17 marzo 2020, n. 18 stabilisce testualmente "che la validità ad ogni effetto dei documenti di riconoscimento e di identità di cui all’articolo 1, comma 1, lettere c), d) ed e), del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, rilasciati da amministrazioni pubbliche, scaduti o in scadenza successivamente alla data di entrata in vigore del presente decreto è prorogata al 31 agosto 2020. La validità ai fini dell’espatrio resta limitata alla data di scadenza indicata nel documento. Per gli effetti del combinato disposto dell’articolo 1, comma 1 e dell’articolo 35 comma 2 del decreto legislativo 28 dicembre 2000, n. 445, la patente di guida dei veicoli è considerata equipollente alla carta d’identità meglio definita proprio all’articolo 1 comma 1 lettera d) del citato decreto legislativo n. 445/2000. In altri termini le norme in questione prorogano fino al 31 agosto 2020 la validità e gli effetti dei documenti stabilita dall’articolo 104 del decreto legge in disamina. Di conseguenza le patenti di guida scadute (anche se da tempo remoto) o in scadenza dopo l’entrata in vigore della norma in questione, ovvero dopo il 17 marzo 2020, sono da ritenersi valide fino al 31 agosto 2020 a tutti gli effetti, ovvero sia come titolo abilitativo alla guida dei veicoli che come documento di identità".

Revisione auto scaduta durante l'emergenza coronavirus

L’articolo 92, comma 4 del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 in osservazione stabilisce che "è autorizzata fino al 31 ottobre 2020 la circolazione dei veicoli da sottoporre entro il 31 luglio 2020 alle attività di visita e prova (revisione) ai sensi degli articoli 75, 78 e 80 del codice della strada. Per gli effetti di tale disposizione, salvo ulteriori diverse indicazioni, debbono intendersi prorogate al 31 ottobre 2020 tutte le revisioni che sulla carta di circolazione hanno una scadenza fino alla data del 31 luglio 2020. La norma entra in vigore con la pubblicazione del provvedimento sulla Gazzetta Ufficiale e pertanto le violazioni accertate prima del 17 marzo 2020 debbono essere regolarmente contestate ed una loro riconduzione nell’ambito della sospensione sarà rimandata alle decisioni degli organi preposti alla gestione dell’eventuale contenzioso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La testimonianza di Heather Parisi dalla Cina: "Oggi possiamo uscire, ma vietati tavoli al bar"

  • Belen contro Barbara d'Urso: l'affondo durante una diretta su Instagram

  • Coronavirus, come sono cambiati i trasporti pubblici durante l'epidemia

  • Fabio Cannavaro dalla Cina: "Oggi è finita la quarantena, ecco la mia testimonianza"

  • Coronavirus, a Rimini guarisce anziano di 101 anni: è nato durante l'epidemia di spagnola

  • Giuliana De Sio dopo il coronavirus: “Uno straccio di donna che però sta guarendo”

Torna su
Today è in caricamento