Le auto elettriche fanno poco rumore: cosa cambierà

L'Unione Europea renderà obbligatoria dal prossimo 1° luglio la presenza sui veicoli di un dispositivo acustico che avvisi i pedoni della presenza di un veicolo

Foto di repertorio

Troppo silenziose, quindi pericolose: per questo motivo dal prossimo 1° luglio le auto elettriche dovranno emettere più rumore. Lo ha deciso l'Unione Europea che in un rettifica ufficiale ha preso questa decisione per  garantire la massima sicurezza agli utenti della strada, in particolare ai pedoni. In questo modo viene meno una delle caratteristiche peculiari di questo tipo di veicoli, considerando che la rettifica vale sia per i motori ibridi che per quelli elettrici. Le seconde si muovono sempre in silenzio, mentre le prime soltanto a basse velocità. 

Auto elettriche più rumorose con il sistema Avas

Come si potrà rendere più rumorose queste automobili? Sarà possibile grazie al sistema Avas, che sta per Audible Vehicle Alert System, uno strumento che verrà montato che dal 1° luglio 2019 dovrà essere presente su tutti i nuovi modelli venduti nell'Unione Europea. Per le auto già in commercio l’obbligo scatterà dal 2021. Come funziona? Semplicemente il sistema Avas emette un suono artificiale in grado di segnalare la presenza del veicolo anche a basse velocità. Il regolamento europea, ancora in fase di definizione, stabilisce che sotto i 20 km/h le auto ibride ed elettriche debbano avere un suono di almeno 56 decibel

Con il sistema Avas sarà possibile ottenere un suono dinamico, ossia in grado di aumentare in base alla velocità, senza annullare del tutto la capacità di questi veicoli di abbassare l'inquinamento acustico. Infatti, le auto con motore termico emettono un rumore che in media si aggira intorno ai 75 decibel, mentre per le auto ibride ed elettriche, anche con il nuovo sistema, il livello di rumore dovrebbe mantenersi inferiore. Ricordiamo che al momento la normativa sarà vincolante solo per le auto appena messe in vendita, ma entro il 2021 tutte i mezzi elettrici e ibridi che vorranno circolare in Europa dovranno adattarsi alla normativa europea.

Potrebbe interessarti

  • Bollo auto, scatta lo sconto (ma non per tutti): come funziona

  • Parco Valentino 2019: il Salone torinese pronto a stupire tra auto elettriche e guida autonoma

  • Nasce 2share Volkswagen, il noleggio condiviso da 5 Euro al giorno a testa

  • Fat bike: cosa sono e perché sono tanto divertenti

I più letti della settimana

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di sabato 15 giugno 2019

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 17 al 23 giugno 2019

  • Saldi estivi 2019, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 18 giugno 2019

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 13 giugno 2019

  • Bollo auto, con la pace fiscale c’è il condono (e vale per 10 anni)

Torna su
Today è in caricamento