Coronavirus: Rome business school, non prevediamo impatti, no interruzioni

La business school a maggior presenza internazionale in Italia con studenti provenienti da 150 Paesi

Coronavirus: Rome business school, non prevediamo impatti, no interruzioni

Roma, 25 feb. (Labitalia) - "Per noi il business va avanti as usual. Non prevediamo impatti da questa situazione e il nostro lavoro continuerà come al solito, senza interruzioni o sconvolgimenti". Lo dice all'Adnkronos/Labitalia Antonio Ragusa, dean e fondatore di Rome business school (Rbs), la business school a maggior presenza internazionale in Italia con studenti provenienti da 150 Paesi.


"Il nostro obiettivo - spiega - è quello di continuare ad arricchire il nostro portfolio di proposte formative e di garantire le migliori chance di apprendimento e successo professionale dei nostri allievi con un investimento economico ragionevole perché questo momento storico lo impone un po' in tutto il mondo".


"Siamo convinti - sottolinea Antonio Ragusa - che l’orizzonte a cui devono guardare giovani e giovani professionisti vada oltre i confini del proprio Paese o comunque fuori dalle proprie zone di comfort e che il valore aggiunto di un istituto come il nostro stia proprio in questo profilo internazionale che non a caso il mercato del lavoro dimostra di apprezzare sempre di più, segnalandoci ogni anno più di 2000 job posting. Per queste ragioni, ci auguriamo da quest’anno di veder crescere maggiormente anche la presenza di studenti dall’Italia per beneficiare di questa logica di scambio e integrazione tra mindset culturalmente differenti".


Fino a marzo è possibile partecipare alla sessione primaverile di ammissione ai master della Rome business school, da pochi mesi entrata a far parte del Planeta formación y universidades, il network internazionale creato da De Agostini e dal Gruppo Planeta dedicato alla formazione manageriale e universitaria con oltre 100.000 studenti nel mondo.


L’obiettivo di Rbs, come sintetizza anche lo slogan 'manager migliori per un mondo migliore', è formare imprenditori, professionisti e manager in grado di esprimere i più alti standard etici nel business e nella vita. Ma a partire da un’intuizione fondamentale: sviluppare competenze di eccellenza specificamente focalizzate per operare in un contesto internazionale e quindi con maggiori chance occupazionali garantendo allo stesso tempo un costo accessibile.


Oggi Rome business school registra un tasso di collocazione nel mondo del lavoro pari al 96% a un anno dal completamento degli studi; una rete di partnership con più di 30 realtà accademiche all’estero; 5 sedi secondarie nei principali continenti tra cui India, Egitto, Nigeria, Camerun e Myanmar; importanti accreditamenti internazionali e membership di profilo. L’offerta formativa si compone di 24 percorsi master ed mba a carattere full time, part time, on campus e online tutti tenuti rigorosamente in lingua inglese. Tra questi il master in Marketing & sales, l’International mba e i percorsi executive specialistici nelle aree marketing & sales e human resources per i quali sono previste fino a fine marzo diverse borse di studio. Si tratta di programmi di eccellenza, molti dei quali già entrati a far parte della classifica Best masters & mba ranking di Eduniversal, che ogni anno certifica i programmi delle migliori business school in 150 Paesi del mondo in 50 campi di studio.


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Coronavirus: Cnn, Usa si preparano a pandemia di 18 mesi

  • Coronavirus: Galli, 'un agghiacciante unico caso dalla Germania ci ha infettato'

  • Coronavirus: da asfalto a vitamina C tutte le fake smentite dagli esperti

  • L’esperto: "Smart working non replica ufficio con lavoratori remoti"

  • Coronavirus, studio su Cina: blocco frontiere serve ma non basta

Torna su
Today è in caricamento