Turismo: estate all’insegna di musica, cultura e trekking a Salisburgo


Salisburgo, 13 ago. (Labitalia) - E' una delle mete classiche dell'estate, per gli amanti della musica ma non solo. Salisburgo, la città di Mozart, che ospita fino al 31 agosto la 99ma edizione del Festival di Musica Classica (199 rappresentazioni in 16 luoghi diversi della città), infatti, con il suo centro storico patrimonio dell’Unesco, è anche un punto di partenza per andare alla scoperta del Salisburghese, un Land avventuroso dall’enorme patrimonio naturalistico, che affascina tutti coloro che decidono di regalarsi un soggiorno tra le maestose cime delle Alpi, come assicura l'Ente Turistico del Salisburghese.


Ad arricchire il palinsesto dell’estate 2019 anche la 40ma edizione del Jazz Festival, che avrà luogo dal 22 al 25 agosto nella scenografica cornice di Saalfeden. Tra le montagne e la natura incontaminata, tipica di questa regione del Salisburghese, si potrà assistere a una 4 giorni di concerti con artisti della scena internazionale, all’insegna della musica jazz e del divertimento.


E se quest’anno il Festival di Salisburgo è un evento che unisce arte, musica ed esplorazione, i riflettori sono già puntati sull’attesissima edizione 2020, a esattamente cento anni dal primo Salzburger Festspiele, evento che ha visto andare in scena la prima dell’amatissimo Jedermann, e che sarebbe diventato uno degli appuntamenti più importanti dedicato alla musica e all’opera lirica nel mondo.


“Il Festival di Salisburgo è parte integrante della storia e dell’identità di questo Paese”,­ ha dichiarato Wilfried Haslauer (Landeshauptmann), presidente del distretto di Salisburgo. L’edizione dell’anno prossimo sarà un’occasione per riflettere sulla nascita e sullo sviluppo della kermesse e apre nuove prospettive sul futuro del Festival. Vera chicca dell’edizione 2020 sarà la mostra 'Great World Theatre - The Salzburg Festival Centenary', dal 25 aprile al 31 ottobre presso la Neue Residenz. Un appuntamento frutto della cooperazione tra il Museo di Salisburgo e il Festival di Salisburgo, che offre una retrospettiva sulla storia del Festival in questi cento anni di successi: un festival che non solo funge da motore artistico della città, ma che contribuisce a fare di Salisburgo un importante polo d’attrazione culturale nel mondo.


Gli amanti dell’arte e della musica quest’anno possono, dunque, senza dubbio fare capolino nella città di Mozart ed esplorare gli aspetti creativi di Salisburgo, la città barocca, passeggiando lungo nuovi itinerari tematici. L’itinerario della città nuova conduce dalla stazione centrale lungo il Giardino di Mirabell fino al ponte Staatsbrücke; optando per l’itinerario panoramico si passeggia sul monte Mönchsberg fino al distretto del Festival, mentre l’itinerario sul lungofiume Salzach si snoda fino alla zona meridionale del centro storico.


Lungo questi percorsi si può andare alla scoperta dell’architettura moderna e di gallerie situate fuori dagli itinerari più consueti. Sono l’ideale per i visitatori appassionati d’arte e di fotografia, in quanto caratterizzati da più punti panoramici e suggerimenti di bar e caffè particolari, in cui concedersi una piacevole sosta.


Mentre tutti coloro che amano scoprire nuovi sentieri escursionistici e nuovi modi per vivere appieno il territorio potranno scegliere di avventurarsi in questo Land gioiello delle Alpi, e scegliere il percorso più̀ adatto in base ai propri gusti per un'esperienza all'insegna dell'avventura e del divertimento. Perfetta per soggiorni di breve e di lunga durata, l'offerta di sentieri ed escursioni nel Salisburghese è̀ davvero vastissima, ideale sia per professionisti del trekking, che amatoriali.


Per Salisburgo transita il Cammino di Santiago, che nel suo tratto austriaco si estende per 800 km; il cammino segue il corso del Danubio e raggiunge la frontiera fra la Baviera e il Salisburghese. Chi non vuole intraprendere un sentiero troppo impegnativo, può̀ optare per un’escursione nei pressi di Richterhöhe am Mönchsberg, a 4 km da Salisburgo.


I veri amanti del trekking non potranno perdersi l’escursione al monte Gaisberg, massiccio a est di Salisburgo appartenente alle montagne della regione del Salzkammergut, oppure potranno lasciarsi sedurre dal Monte Kapuzinerberg. Infine, gli amanti della gastronomia potranno unire i piaceri del trekking a quelli della buona tavola grazie al Sentiero delle Malghe: una via panoramica lunga 350 km che comprende 120 malghe e collega alcune località alpine del Pongau Salisburghese.


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Doggy bag? Gli italiani si vergognano a portare a casa gli avanzi

  • Digitale terrestre, butteremo 10 milioni di tv

  • Al via a Milano ‘Artigiano in fiera’, Egitto paese d’onore

  • Aids: malattia inventata o truffa? Dottori anti-bufala fanno chiarezza

  • Nuovo segnale digitale, butteremo 10 milioni di tv

Torna su
Today è in caricamento