Medicina: addio presbiopia, in futuro gocce nell'occhio per eliminarla

Un nuovo farmaco potrebbe arrivare nel 2023

Medicina: addio presbiopia, in futuro gocce nell'occhio per eliminarla

Basilea, 3 set. (AdnKronos Salute) - Dire addio alla presbiopia, la condizione fisiologica legata all’avanzare dell’età che non permette di mettere a fuoco da vicino, con alcune gocce di collirio al giorno. Potrebbe essere presto una realtà per milioni di persone 'over 50' che hanno a che fare quotidianamente con questo disturbo della vista corretto spesso con gli occhiali. Un nuovo farmaco della Novartis, per ora solo una sigla (Unr844), potrebbe arrivare nel 2023 dopo la fine dei trial ancora in corso. L’azienda farmaceutica ha fatto oggi a Basilea il punto con la stampa internazionale sulle nuove linea di ricerca e sviluppo a livello mondiale.


"La cura della presbiopia è un' area molto interessante perché coinvolge una popolazione molto ampia e sta dando risultati incoraggianti - ha spiegato Gaia Panina, direttore medico di Novartis Italia - questo nuovo farmaco, somministrato con gocce oculari che vanno a penetrare nel cristallino e ne ristabiliscono l’elasticità, ha un approccio semplice ma va preso più volte al giorno e per sempre. Siamo nelle fasi di sviluppo, potrebbe arrivare nel 2023".


In Evidenza

I più letti della settimana

  • Salute: famiglia 'batte' partner, rapporti tesi possono far ammalare

  • Ricerca, le persone con autismo hanno un cervello più simmetrico

  • 17enne dorme quasi 2 mesi, è la sindrome della Bella addormentata

  • Cambio di stagione? Consigli antistress per riordinare armadio

  • Università Telematiche: fra pregiudizi ed effettiva validità, il caso del Centro Formativo Universitario

  • Via il tumore con ago rovente, bimba torna a dormire dopo 2 mesi

Torna su
Today è in caricamento