Alfano chiude il caso Riccardi

Post su facebook del segretario Pdl: "niente sfiducia". Bloccata la mozione promossa da 46 senatori berlusconiani

Rientra il caso Riccardi. Merito di facebook e di un post del segretario del Pdl Angelino Alfano.

"Niente sfiducia a Riccardi" ha spiegato il delfino di Berlusconi. "Ho parlato con Nitto Palma, Gasparri e Quagliariello e già informato il presidente Monti. Istituzionalmente comunicato anche al presidente Schifani. Per me no problem. Con lui caso chiuso… Ovviamente spero che non ci regalino un bis". 

Finisce qui la polemica innescata da una frase carpita due giorni fa a margine di un evento al Senato in cui il ministro alla Cooperazione Andrea Riccardi, parlando con i ministri Severino (Giustizia) e Balduzzi (Saluti), definì la decisione di Alfano di non partecipare al vertice con i partiti indetto da Monti "schifo della politica"

La reazione del Pdl di ieri si è palesata con una raccolta firme di 46 senatori, capeggiata dall'ex ministro della Giustizia e senatore Pdl Nitto Palma per presentare una mozione di sfiducia individuale nei confronti di Riccardi.

Oggi, grazie a facebook, tutto sembra tutto rientrato. Sempre, come ha chiosato Alfano, "che non ci regalino un bis…".

Guarda anche

Nuovo governo, Alfano cambia idea: "Niente voto anticipato"

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

"Dal nostro punto di vista è importante una chiusura rapida della crisi, siamo per chiudere subito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A 12 anni va in ospedale per il mal di pancia: scoprono che è incinta di sette mesi

  • Oroscopo Paolo Fox, le previsioni della settimana dal 20 al 26 gennaio 2020

  • Enzo Iacchetti sul rapporto con Ezio Greggio: "Tra noi un tacito accordo di buona convivenza"

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Sanremo 2020, la furia di Claudia Gerini contro Amadeus: "Comportamento inaccettabile"

  • Vive con il cadavere del fratello, morto da tre mesi, ai piedi del letto

Torna su
Today è in caricamento