Cecconi cambia idea: il deputato M5s cacciato da Di Maio non si dimette

Cecconi aveva annunciato un 'passo indietro' durante la campagna elettorale ed aveva parlato di un documento sottoscritto dal notaio con cui sosteneva di voler rinunciare alla candidatura

Andrea Cecconi durante la votazione del Presidente della Camera, Montecitorio, Roma, 23 marzo 2018. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

 "Presentare le dimissioni sarebbe un gesto inutile e fine a se stesso". Andrea Cecconi non si dimetterà da deputato, come annunciato con un post su Facebook a febbraio dopo essere finito sotto i riflettori per le mancate restituzioni dei rimborsi come invece stabilisce per i parlamentari lo statuto del Movimento 5 stelle.

Cecconi inizierà la legislatura nel Gruppo misto in attesa del giudizio dei probiviri del Movimento 5 stelle.

Eppure Cecconi aveva annunciato un 'passo indietro' durante la campagna elettorale ed aveva parlato di un documento sottoscritto dal notaio con cui sosteneva di voler rinunciare alla candidatura. Un pezzo di carta che, si sapeva sin dall'inizio, non aveva efficacia da un punto di vista legale.

"Quel pezzo di carta non aveva valore - continua- Ma è stato comunque un gesto nobile. Abbiamo chiesto anche alla Corte d'Appello se potevo rinunciare alla proclamazione ma la risposta è stata negativa. Non posso rinunciare alla proclamazione. Presentare le dimissioni in Aula sarebbe un gesto fine a se stesso perché sappiamo che gli altri partiti voterebbero contro".

"Se decidono per un reintegro ritorno nel Movimento 5 stelle altrimenti rimango nel Gruppo misto appoggiando il Movimento dall'esterno - spiega alla agenzia Dire Cecconi - Non mi interessa avere rapporti con altri partiti".

"Non è in discussione la mia adesione a qualsiasi altro gruppo. Gli attivisti? Chi conosce la mia storia e il lavoro fatto a sostegno del Movimento credo mi abbia perdonato. Per un errore, ricordo che non si tratta di un reato, non si buttano via 10 anni di appartenenza". Non proprio tutti lo hanno perdonato. Tra le fila dei 'grillini' marchigiani c'e' anche chi, vedi la senatrice Donatella Agostinelli, avrebbe preferito che Cecconi si dimettesse.

"Non mi infastidisce il suo giudizio- replica-. Quello che realmente mi da' fastidio in questi giorni è il non poter partecipare alle scelte del Movimento 5 stelle e alle riunioni. Spero di essere reintegrato ma se così non sarà rimarò nel Gruppo misto e continuerò a lavorare per il territorio per affrontare le problematiche dei cittadini a cominciare proprio dalla sanità". 

Deputati e Senatori: chi sono i parlamentari eletti

Diretta Senato | Diretta Camera

Tutti i parlamentari eletti in: Abruzzo | Basilicata | Calabria Campania Emilia Romagna | Friuli Venezia Giulia | Lazio | Liguria | Lombardia Marche | Piemonte | Puglia | Sardegna | Sicilia | Trentino Alto Adige | Toscana Umbria | Veneto | Molise | Valle d'AostaEstero

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • Il marito di Mara Venier dopo le accuse: "Il successo dà fastidio, prenderemo decisioni"

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 22 febbraio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 25 febbraio 2020

  • Heather Parisi: "La mia vita in Cina nell'inferno del Coronavirus. Qui si lavora da casa, i prodotti sono razionati"

Torna su
Today è in caricamento