"Stavo per diventare prete, poi ho sentito altri istinti": la confessione di Antonio Di Pietro

"Chissà, magari facendo il prete avrei fatto qualcosa di più utile rispetto a quanto fatto da magistrato", dice l'ex leader dell'Italia dei valori intervistato da Radio Cusano Campus

"Ho fatto tre anni il seminarista, poi invece della tonaca ho deciso di mettermi la toga". Antonio Di Pietro da ragazzo voleva diventare prete. La "vocazione" della magistratura, evidentemente, però ha vinto sul richiamo spirituale, come ha raccontato lui stesso ai microfoni di Radio Cusano Campus.

Intervistato da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, conduttori della trasmissione radiofonica ECG, Di Pietro racconta di quando era bambino e i genitori lo iscrissero ai seminari. Lui voleva diventare prete, ma poi ha scelto la toga al posto della tonaca, mentre la sorella ha proseguito ed è diventata una suora:

Io ero in seminario, quando ho lasciato la campagna a dieci anni i miei genitori mi hanno fatto fare il seminarista, avrei dovuto fare il prete. Per un periodo della mia vita ho pensato che sarei diventato sacerdote, ne vado orgoglioso, in quel periodo ho imparato a rispettare le regole. Poi ho cambiato strada perché diventando adolescente ho iniziato a sentire altri istinti. Mia sorella ha fatto la suora. Era una tradizione familiare quella di mandare alcuni propri figli a servire la Chiesa.

Da confessore sarebbe stato duro come lo era da pm? "Beh, in chiesa si chiede perdono per i propri peccati, da pm è diverso - risponde Di Pietro - Chissà, magari facendo il prete avrei fatto qualcosa di più utile rispetto a quanto fatto da magistrato, magari in qualche missione. Mi è sempre rimasta questa voglia di vivere in collettività".

Guarda anche

Alcoa e Ilva, Di Pietro attacca: "E' un governo di asinoni, non di professori"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Le dure parole del leader dell'Italia dei Valori nei confronti del governo Monti sulla questione degli stabilimenti sardi

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Like
    Like

    I primi ti fan passare per un Giudizio Universale, i secondi solo per quello della Legge locale, entrambi credono di essere indispensabili e più giusti degli altri uomini e donne tanto da ergersi a Verità, ma sovente prendono fischio per fiasco e si vendono agli avvocati del diavolo.

  • mi sa che la carne è stata debole

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Migranti, ora l'Italia lancia l'Sos: "Il limite della sostenibilità è stato raggiunto"

  • Citta

    "Sì, ho scritto io quello striscione contro i migranti". Il grido di rabbia di una mamma sola

  • Cronaca

    "Domenico Diele è socialmente pericoloso, insofferente alle regole"

  • Cronaca

    Chiara Appendino indagata per i fatti di Piazza San Carlo: "Atto dovuto"

I più letti della settimana

  • Il Pd affonda ai ballottaggi, torna il centrodestra: espugnata Genova

  • Espugnata l'ex Stalingrado d'Italia: a Sesto San Giovanni trionfa la destra

  • Berlusconi: "Nel mio governo Salvini agli Interni, Montezemolo agli Esteri"

  • Perché i pm di Milano chiedono un nuovo processo per Berlusconi

  • Terremoto Pd, in centinaia restituiscono le tessere e anche Prodi litiga con Renzi

  • Belluno, candidato consigliere finisce ai domiciliari per spaccio

Torna su
Today è in caricamento