Avvocati in sciopero: "No alle liberalizzazioni"

Roma, Corte di Cassazione presa d'assedio da oltre duemila toghe

Oltre duemila avvocati provenienti da tutta Italia hanno manifestato sotto la Corte di Cassazione. Oggetto della protesta, la norma che consente l'ingresso dei soci di capitale negli studi professionali contenuta nel dl Liberalizzazioni e la richiesta di "una vera riforma della giustizia". Due motivazioni che hanno portato le toghe al primo di sette giorni di sciopero, mentre il 23 e 24 marzo l'appuntamento è a Milano per il congresso straordinario dell'avvocatura. 

Corte di Cassazione blindata - "Dobbiamo forzare il blocco dei poliziotti" urla un avvocato in piazza Cavour, a Roma. "Basta mostrare il tesserino, non possono lasciarci fuori". Chiedono di entrare nella sede della Corte di Cassazione.

In marcia, come Gandhi - "Noi come Gandhi, che era un avvocato, daremo vita tra un mese a una marcia, tutti gli avvocati in toga, perchè non accettiamo di essere trasformati in bottegai o imprenditori".

Risultato della protesta, la maggior parte delle inchieste in programma oggi nelle sezioni della Cassazione sono state rinviate. Addirittura la quarta e quinta sezione non hanno celebrato nessun processo. E siamo solo al primo giorno di sciopero...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni fruttiferi postali, il "brutto pasticcio" sui rimborsi

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 18 febbraio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • C'è posta per te, Maria De Filippi perde la pazienza: "Non ce la posso fa"

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 15 febbraio 2020

Torna su
Today è in caricamento