Quirinale, dagli ebanisti alle auto blu: ecco le spese folli del Colle

Con i suoi 110 mila metri quadri è la seconda più grande residenza di un capo di Stato. E la più cara in assoluto, con un costo che sfiora i 230 milioni di euro

Con i suoi 110 mila metri quadri è il settimo palazzo più grande del mondo e la seconda più grande residenza di un capo di Stato (Barack Obama, per fare un esempio, deve accontentarsi dei 6 mila mq della Casa Bianca). Parliamo del Palazzo del Quirinale, dimora dal 1946 del Capo della Stato e, ancora prima, residenza estiva del pontefice e palazzo reale dei Savoia. Dal 1583, quando è stato costruito, ha ospitato 30 papi e 4 re. E 11 presidenti: a giorni si attende il dodicesimo inquilino. 

Uno sfarzo unico al mondo: alla sua costruzione e decorazione lavorarono maestri come Pietro da Cortona, Maderno, Giovanni Paolo Pannini e Guido Reni. Attualmente, ospita anche un ampio frammento d'affresco di Melozzo da Forlì. E poi ci sono gli arazzi, ben 261, dipinti, statue, carrozze, orologi, mobili, porcellane, molti dei quali arrivati fin qui da altre regge italiane. 

QUANTO COSTA - Un lusso che ai contribuenti costa caro. Con oltre 1200 stanze e 1720 impiegati, il costo globale del Quirinale è il più alto al mondo per un capo dello Stato e anche per un re. L’assegno personale del Presidente della Repubblica è di 239 mila euro l’anno, ma tra i suoi collaboratori ce ne sono ben nove che guadagnano addirittura più di lui.

Come il segretario generale della presidenza, Donato Marra, la cui indennità è stata recentemente tagliata da 352 mila euro lordi a 'soli' 300 mila. E poi ci sono i dipendenti: due persone solo per controllare gli orologi a pendolo, ebanisti, tappezzieri, una dozzina di addetti all’ufficio postale interno, 41 autisti e 35 auto blu. Nelle cucine una decina di cuochi, e 26 camerieri.Tutto per una spesa complessiva che sfiora i 230 milioni di euro.

I CAPI DI STATO IN EUROPA - Il confronto con gli altri Paesi europei ci vede nettamente svantaggiati. In Germania la presidenza della Repubblica costa 20 milioni di euro. A Buckingham Palace la regina Elisabetta se la cava con 60 milioni annui: un quarto dell’Italia. Il presidente francese, che ha compiti ben più importanti del nostro, riceve 90 milioni.

I TAGLI DI NAPOLITANO - E dire che "Re Giorgio" aveva promesso sobrietà. Negli ultimi anni, in effetti, i dipendenti sono passati da 2181 a 1720, ma - come spiega Il Sole 24 Ore - la diminuzione riguarda perlopiù l’impiego di forze dell’ordine - remunerate in gran parte dallo Stato e passate da 1255 a 819 unità. I dipendenti di Palazzo, al contrario, "sono diminuiti di 24 unità e di una sola gli uomini dello staff presidenziale. In compenso sono lievitati gli stipendi medi".