Di Maio a La7, gogna social contro Alessandra Sardoni: "Sei patetica e faziosa"

La giornalista si prende la licenza di fare qualche domanda al vicepremier. I fan dei 5 Stelle la coprono di insulti

Uno screenshot della diretta

Raffica di insulti contro la giornalista di La7 Alessandra Sardoni. La sua colpa? Essersi presa la licenza di fare qualche domanda al vicepremier Luigi Di Maio, ospite questa mattina di Omnibus su La7. E dire che al capo politico del M5s è stato "concesso" di parlare da solo, senza la presenza ingombrante di altri ospiti in studio. Ma di questi tempi ci vuole ben altro per placare le ire del popolo pentastellato che da quando è al governo, paradossalmente, si sente sempre più assediato dai media e dai 'poteri forti'.

E così , sotto il video della diretta condiviso da Di Maio su Fb, è partita una vera e propria ridda di offese nei confronti della giornalista, che tra le altre cose si è permessa di chiedere al vicepremier lumi sulle coperture economiche. "Cioè questa una giornalista del piffero vuole correggere Di Maio sui punti del governo?! E vuole avere la presunzione di sapere le cose prima e meglio di un ministro e leader politico? Ridicola! Schifo d’informazione", scrive Stefano.

"Questi giornalisti sono impreparati (in maiuscolo, ndr) ed improvvisano domande senza avere un discorso realistico da seguire.." è l’opinione di Gabriella. Ma c’è di peggio. "Ecco... già la prima incazzatura del giorno..." scrive un altro. Che poi rincara la dose: "Sardoni sei talmente patetica... raccontare i fatti per quello che sono, proprio non è da te...".

E ancora: "Sardoni sempre faziosa (…)" dice un utente invitando la giornalista a cambiare registro con il M5s perché "l’Italia sta cambiando". C’è chi, con una certa eleganza, descrive la Sardoni come "un’oca" e chi invita a "scrivere tutti sul suo profilo" perché "è troppo faziosa" e "non si può sentire".

In pochi minuti il post colleziona una quantità impressionante di insulti: "Questa è un’altra alleata di quei ladroni che ci hanno rubato fino a oggi". "Ma da dove e uscita questa faccia di cavallo". "Giornalista? Pari mia suocera!". "Che tipa... I giornali forse è meglio se li vendi e basta. Grande Di Maio!".

"Mandate a casa questi giornalisti vergognosi", incalza Marina. "Sembra che vivano in un'altra nazione (...) ma non si vergognano, bisogna che ci incacchiamo cari cittadini, abbiamo il diritto di informazioni corrette e non di parte, ma dove stavi sardina quando se so magnati tutto?". 

Insulti social contro Gaia Tortora: "Qui le regole le facciamo noi"

Qualche settimana fa la gogna social era toccata a Gaia Tortora, collega della Sardoni a La7, rea di aver dato parola all’ex direttore del Mattino, Alessandro Barbano, voce critica verso il nuovo governo legastellato. Alle critiche di chi la accusava di non aver dato spazio ad esponenti di Lega e M5s, la giornalista aveva risposto che "le regole le stabiliamo noi. O i loro esponenti partecipano al dibattito confrontandosi con gli altri ospiti o ne facciamo a meno". Ma a guardare molti talk il suo appello sembra caduto nel vuoto. Sono i giornalisti a doversi adeguare al nuovo andazzo. E non sempre basta ad evitare la gogna. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni fruttiferi postali, il "brutto pasticcio" sui rimborsi

  • Bollette luce e gas, buona notizia per metà degli italiani

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 13 febbraio 2020: centrato un 5+1 da mezzo milione

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 18 febbraio 2020

  • C'è posta per te, Maria De Filippi perde la pazienza: "Non ce la posso fa"

Torna su
Today è in caricamento