C'eravamo tanto... odiati: tra Di Maio e Salvini ormai volano gli stracci

"Amici" fino a pochi mesi fa, ora è gelo. Di Maio a Salvini: "Eravate al governo, potevate fare la legge di bilancio ma avete scelto gli interessi di partito invece degli interessi del Paese". Il leghista: "È confuso, va a Washington e Pechino mentre le aziende chiudono"

Foto Ansa repertorio

A leggere quel che si dicono oggi, senza più filtri, sembra quasi incredibile che fino tre mesi fa fossero alleati di governo. Non è passato molto tempo da quando si definivano "amici" a vicenda. Ora le cose sembrano essere molto diverse tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

"Noi abbiamo abbassato le tasse e abbiamo impedito che aumentasse l'Iva", il cui incremento "sarebbe costato 600 euro in più a famiglia. Però chi dall'opposizione dice 'dobbiamo andare al governo perché stanno aumentando le tasse' prima di tutto dice una bugia, ma poi dico alla Lega: voi ci stavate al governo, potevate fare la legge di bilancio quest'anno e avete scelto gli interessi di partito invece degli interessi del Paese. E' comodo dirlo dall'opposizione". Così a 'Unomattina' il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, capo politico del M5S, il quale, riferendosi sempre agli ex alleati di governo, aggiunge: "Dovevano trovare 30 miliardi per la flat tax, che non c'erano, tant'è vero che io non sto sentendo più la Lega parlare di flat tax".

Salvini, l'attacco a Di Maio: "E' confuso"

Poche ore prima il leader del Carroccio aveva attaccato il capo politico del Movimento 5 stelle.  "Di Maio è un po' confuso, sarà per il fuso orario, va a Washington e Pechino mentre le aziende italiane chiudono" ha detto Salvini a "Non è l'Arena", replicando di nuovo alle accuse del capo politico del M5S sui bond di ArcelorMittal che avrebbe acquistato la Lega. "Quei titoli la Lega non li ha più da quasi cinque anni", ha ribadito Salvini.

Proprio quetso tema tiene banco nel M5s. "I partiti non dovrebbero aver paura di fare chiarezza sui propri conti e su come ‘investono’ i loro soldi. Eppure quello che sta accadendo nelle ultime ore appare emblematico. Dalla vicenda ‘Moscopoli’ agli investimenti internazionali, non ultimi i 300 milioni di bond di Arcelor Mittal di cui si  legge in queste ore, è evidente che ci sono tante domande, lecite, che vengono rivolte al leader della Lega Salvini, che però continua a fuggire. Ma cosa c’entra un partito con i bond di una multinazionale, al di là del periodo in cui ciò è avvenuto? Ma soprattutto e’ opportuno per un partito politico  fare determinati ‘tipi’ di  investimento?". Lo dichiara in una nota Anna Macina, portavoce del MoVimento 5 Stelle e capogruppo della commissione Affari Costituzionali alla Camera dei Deputati.

Elezioni Regionali Emilia Romagna: M5s in dubbio

Sulle prossime elezioni regionali in Emilia Romagna, "in questa settimana avremo riunioni importanti": lo ha detto il leader del M5s, Luigi di Maio, rimarcando che "dove siamo pronti ci dobbiamo presentare, dove abbiamo delle difficoltà, non c'è nessun problema a dirlo ai cittadini". Di Maio ha tenuto a ricordare che "il movimento è entrato nelle istituzioni regionali e nazionali da sei anni, non di più, siamo una forza politica giovane, per cui in alcuni territori possiamo avere qualche difficoltà". Non è certa quindi la presenza del M5s sule schede elettorali in Emilia Romagna nel 2020.

Il voto in Emilia continua a essere il sottofondo (rumoroso) del dibattito politico, e così sarà fino al giorno delle regionali. Salvini spera infatti in una crisi di governo e in elezioni politiche dopo le elezioni in Emilia Romagna. "Penso di si, probabile, non lo escludo, me lo auguro. Noi siamo pronti. Questi al governo si fanno male da soli, fanno tutto da soli anche se non facessimo nulla, anche se non ci fossero le regionali, ma noi ci diamo dare fare. Vedrai che sorpresa in Emilia-Romagna. Ma vi rendete conto che i 5 stelle ancora discutono se presentarsi o no? Se non presentano liste qui e in altre Regioni scompaiono dalla faccia della Terra". Lo spiega il leader della Lega, Matteo Salvini, in un colloquio riportato oggi dalla "Stampa".

Toscana, altra regione "rossa" verso le elezioni 2020: la Lega cerca il colpaccio

Guarda anche

Salvini a Bologna: in 5mila al Paladozza, diecimila nella piazza delle "sardine"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Lucia Borgonzoni e Matteo Salvini al Paladozza per l'evento ufficiale di apertura della campagna per le elezioni regionali. Dall'altro lato, un fiume di persone scese in strada: sono le 'sardine' di Piazza Maggiore. BolognaToday ha indagato gli umori degli schieramenti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Loredana Bertè: "Abbiamo nascosto in soffitta Mimì per un anno"

  • Bollo auto, due novità importanti in arrivo dal 1° gennaio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e SuperEnalotto: i numeri di sabato 7 dicembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e SuperEnalotto: estratto il 5+1 da mezzo milione. I numeri di martedì 3 dicembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 5 dicembre 2019

  • Michelle Hunziker 'presenta' le figlie Celeste e Sole: tali e quali a mamma e papà (FOTO)

Torna su
Today è in caricamento