Diciotti, sbarcano i minori ed è scontro nella maggioranza: "Salvini minaccia dimissioni"

Sono stati sbarcati nella notte i 29 minori a bordo. Duro scontro tra Fico e Salvini, che nonostante il pressing di Conte non rinuncia alla linea dura. L'ex premier Gentiloni: "Vergogna nazionale". La Commissione Ue ha convocato una riunione per venerdì

ANSA

Sono stati sbarcati nella notte i 29 minori a bordo della nave 'Diciotti' della Guardia costiera, ormeggiata nel porto di Catania. Sulla motovedetta restano ancora 148 migranti.

Diciotti, sbarcano solo i minori

Intanto sulla vicenda della 'Diciotti' è scontro nella maggioranza. Ieri il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini ha avuto un colloquio telefonico con il premier Giuseppe Conte, ma non ha rinunciato alla linea dura. "I bambini - ha detto ieri sera in una diretta Facebook - possono scendere adesso ed essere curati e accuditi, per gli altri se l'Europa esiste lo dimostri: almeno con il mio permesso non sbarca nessuno. Se vuole intervenire il presidente della Repubblica lo faccia, se vuole intervenire il presidente del Consiglio lo faccia, chiunque faccia qualcosa che va al di la di quello che ho detto non lo fa con il consenso del ministro dell'Interno e del vicepresidente del Consiglio. Abbiamo già dato".

Salvini ha avuto ieri anche un duro confronto a mezzo stampa con il presidente della Camera Roberto Fico, che aveva chiesto l'immediato sbarco dei migranti. "Tu - ha detto il titolare del Viminale - fai il presidente della Camera, io faccio il ministro dell'Interno di un governo che ha un programma e un contratto di governo ben preciso. Comincio a pensare che fare il presidente della Camera non porti proprio bene: Bertinotti, Boldrini, Fico...". A stretto giro la replica del presidente della Camera: "Buona notizia che il governo abbia deciso di far scendere i minori dalla Diciotti. Per me far il presidente della Camera significa fare sì che lo Stato non rinneghi mai principi fondamentali e dignità umana". Secondo Repubblica dopo aver respinto il pressing di Conte e del Colle per una soluzione, Salvini avrebbe anche minacciato le dimissioni: “Se mi sconfessate cade il governo”, avrebbe detto.

Salvini: "Fico è problema del M5S"

In mattinata Salvini torna a parlare: "Il mio obiettivo è il 'no way' australiano, e sulla Diciotti sono tutti immigrati illegali". Così il ministro dell'Interno Matteo Salvini torna sul caso della nave della Guardia costiera ferma al largo del porto di Catania con 177 persone a bordo alle quali è stato vietato di sbarcare. "Io non temo nulla - ha proseguito il vicepremier - ho coscienza a posto, lavoro benissimo con il premier Conte, c'è una perfetta sintonia. Ieri mi ha chiesto informazioni e io gliel'ho date mentre da ministro e da padre stavo dando indicazioni per far scendere i minori dalla nave Diciotti".

E sulla polemica con il presidente della Camera Roberto Fico. "Con Luigi Di Maio lavoro molto bene. Qualcun altro ha tanto tempo per parlare, penso al presidente della Camera, che ogni tanto dice e fa l'esatto contrario di altri esponenti M5s: è un problema che si risolveranno loro".
 

L'ex premier Gentiloni parla di "vergogna nazionale".

Toninelli: "Voltafaccia dell'Europa"

''Il voltafaccia che stanno portando avanti i paesi europei rappresenta un egoismo che non è più accettabile''. Lo afferma il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Danilo Toninelli, intervenendo a Radio24. Sulla necessità di far scendere al più presto le persone che si trovano a bordo della Diciotti ''sono assolutamente d'accordo con Fico'', secondo cui devono sbarcare subito, ''ma ricordo che Catania non è solo un porto italiano, è un porto europeo e sono confini dell'Europa'', dice Toninelli. ''Questa Europa, se vuole continuare ad esistere come unione di paesi, e quindi di diritti e di doveri, deve intervenire'', sottolinea il ministro. ''Così non può andare avanti, deve risolvere il problema migratorio tutta unita''.

I migranti ''devono essere ricollocati in altri paesi europei, siamo a un giro di boa, l'Europa è a un giro di boa. O inizia ad affrontare il problema migratorio complessivamente, come unione di paesi, o questa Europa va morendo''. I negoziati per la redistribuzione delle persone che si trovano sulla Diciotti, sottolinea Toninelli, vanno avanti ''da troppo tempo, non è più accettabile questo tempo. Non stanno arrivando risposte conclusive''. Inoltre gli accordi fatti in precedenza sul ricollocamento delle persone sbarcate in Italia ''non sono stati rispettati'' da alcuni paesi come la Germania, la Spagna e Malta. ''Sono impegni presi nel mese di luglio. Sono cattivissimi esempi dell'Europa'', conclude.

L'inchiesta della procura di Agrigento

La Procura di Agrigento ha aperto un'indagine per sequestro di persona e arresto illegale sul trattenimento a bordo della nave Diciotti dei migranti soccorsi dalla Guardia Costiera. L'inchiesta è a carico di ignoti. Le ipotesi di reato inizialmente previste potrebbero essere modificate in base a valutazioni normative ancora in evoluzione vista la complessità del caso. Qualora fossero individuate responsabilità da parte di esponenti del governo la palla passerebbe al tribunale dei ministri. Il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, ha condotto una visita di un'ora sulla nave. "La situazione a bordo è critica. Ci sono diversi casi di scabbia" ha detto dopo l'ispezione. Il magistrato è titolare dell'inchiesta sul trattenimento dei profughi a bordo della Diciotti. 

La Commissione Ue ha convocato una riunione, venerdì 24 agosto a Bruxelles, per concordare possibili soluzioni sulla questione dei porti di sbarco, per i migranti soccorsi. Alla riunione, organizzata dalla direzione generale Affari interni, sono invitati i consiglieri per gli Affari europei dei leader di Italia, Francia, Germania, Austria, Spagna, Portogallo, Lussemburgo, Olanda, Belgio, Malta e Grecia, e Irlanda. Si apprende da fonti a Bruxelles. La Commissione vuole uscire dall'emergenza e trovare soluzioni durature.

A Catania, sul molo della Diciotti, si sono recati ieri molti politici, da Martina a Civati. Leggi su CataniaToday

Guarda anche

Salvini a Bologna: in 5mila al Paladozza, diecimila nella piazza delle "sardine"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Lucia Borgonzoni e Matteo Salvini al Paladozza per l'evento ufficiale di apertura della campagna per le elezioni regionali. Dall'altro lato, un fiume di persone scese in strada: sono le 'sardine' di Piazza Maggiore. BolognaToday ha indagato gli umori degli schieramenti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, ecco cosa cambia davvero dal 1° gennaio 2020

  • Michelle Hunziker 'presenta' le figlie Celeste e Sole: tali e quali a mamma e papà (FOTO)

  • Bollette luce e gas, buone notizie per metà delle famiglie italiane

  • Prende il reddito di cittadinanza ma ha un bar: la sanzione è da capogiro

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 14 dicembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 12 dicembre 2019

Torna su
Today è in caricamento