Un parroco toscano ha querelato Salvini e la candidata alle regionali Susanna Ceccardi

Don Biancalani intende sporgere querela anche contro tutti coloro che hanno pubblicato commenti diffamatori in calce ai post di Salvini e Ceccardi.

Il leader della Lega Matteo Salvini in una foto di archivio Facebook

Don Massimo Biancalani, parroco di Vicofaro a Pistoia, dove gestisce una comunità di accoglienza di migranti, ha presentato questa mattina una querela nei confronti del leader della Lega Matteo Salvini e dell'europarlamentare della Lega Susanna Ceccardi, candidata del centrodestra alla presidenza della Regione Toscana.

Il reato che viene ipotizzato nell'atto depositato nella cancelleria della Procura di Pistoia, come riferisce l'AdnKronos, è quello di diffamazione aggravata a mezzo stampa: Don Biancalani, nella querela redatta dall'avvocato Elena Baldi dello studio legale pistoiese associato Malucchi e Baldi, spiega che la diffamazione a mezzo stampa riguarda alcune dichiarazione pubblicate nei giorni scorsi su Facebook e Twitter da Salvini e Ceccardi a seguito dell'arresto per spaccio di un giovane migrante ospite a Vicofaro che avrebbe utilizzato il confessionale della parrocchia come 'nascondiglio'.

Nella querela il parroco spiega che le frasi e le espressioni utilizzate dai due esponenti politici tendono soltanto "ad ingenerare pregiudizio ed a provocare danno attraverso allusioni e falsità". La pubblicazione dei post, secondo la querela, ha poi moltiplicano gli interventi degli utenti sui social dove don Biancalani sarebbe "offeso e diffamato come parroco, come insegnante di scuola e come uomo". Poi i commenti non sono stati rimossi dai titolari delle pagine Facebook e don Biancalani intende sporgere querela anche contro tutti coloro che hanno pubblicato commenti diffamatori in calce ai post di Salvini e Ceccardi.

"La mia esperienza di accoglienza, con i tutti suoi limiti, è volta a risolvere un problema - spiega don Biancalani all'AdnKronos - che è effetto anche dei cosiddetti decreti Salvini che spingono verso la marginalità, sulla strada una parte dell'umanità. Noi siamo una realtà simbolo nel mondo ecclesiale e spesso finiamo sotto i riflettori. Non capiscono i motivi che spingono Salvini e Ceccardi a denigrare la mia persona e a dire cose false"

"Io vorrei anche tollerare, sopportare - aggiunge il sacerdote - ma c'è un limite a tutto: non accetto che mi si dipinga come un colluso, quando io cerco solo di fare del bene per un'umanità spinta ai margini".

Vicovaro, che cosa è successo

Matteo Salvini su Facebook aveva condiviso la notizia dell'arresto per spaccio di un giovane migrante ospite a Vicofaro che avrebbe utilizzato il confessionale della parrocchia come 'nascondiglio'. Il leader della Lega aveva aggiunto questa frase a commento: "Chissà se anche questo pusher era stato portato in piscina dal don".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo il preannuncio della querela Salvini aveva detto: "Saremo noi a querelare il 'don', per tutelare il buon nome dei parrocchiani e degli uomini di Chiesa che non vogliono essere accostati a episodi di criminalità, illegalità e sfruttamento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, vinti 59 milioni di euro nell'estrazione di oggi martedì 7 luglio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 4 luglio 2020

  • Alena Seredova: "Buffon mi ha fatto gli auguri per la nascita di Vivienne"

  • Mangiano e scappano senza pagare: ma la figuraccia di quattro amici è "epocale"

  • Rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: esplode focolaio di coronavirus

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento