Scontro tra M5s e Pd sui droni: stanziati 766 milioni di euro per 10 velivoli per la Difesa

Il programma della Difesa prevede l'acquisto entro il 2032 di dieci sistemi di aeromobili a pilotaggio remoto che porterebbe l'Italia come terzo paese al mondo per numero di droni. Per Liberi e Uguali sono soldi sottratti a investimenti per il sociale

La commissione Speciale della Camera ha cominciato oggi ad esaminare i provvedimenti pendenti del governo e subito Pd e Movimento 5 stelle si sono scontrati sulle spese militari. Il botta e risposta è arrivato sullo schema di decreto per l'acquisto di droni, relatore il deputato del Movimento 5 stelle Davide Crippa.

Il decreto ministeriale del programma pluriennale della Difesa prevede l'acquisto entro il 2032 di dieci sistemi di aeromobili a pilotaggio remoto per un costo complessivo di 766 milioni di euro.

Il capogruppo Pd Francesco Boccia, al termine della seduta, attacca: "Abbiamo preso atto dalla relazione di Crippa che il Movimento 5 stelle è favorevole ai programmi della Difesa per una spesa militare di oltre 5 miliardi di euro". 

"Il Movimento 5 stelle vuole acquistare i droni e questa è una una notizia"

Il pentastellato novarese Davide Crippa non ci sta e risponde: "La mia relazione racconta quel che c'è scritto nell'atto, da qui a dire che ci sarà l'espressione di un parere positivo per l'acquisto dei droni ce ne passa...".

Come riportato nella relazione che ricordiamo, è sottoposta al vaglio della commissione speciale, l'unica commissione attiva del Parlamento complice lo stallo sulla nomina del governo, gli oltre 700 milioni di euro sono soldi già stanziati che si trovano in un capitolo dell'ultima legge di bilancio e prevede un programma di acquisto di droni valido fino al 2032.

M5s: "Italia terzo paese al mondo per numero di droni"

"Io ho chiesto a tutti i gruppi di mandare le proprie osservazioni perchè ci sono aspetti che devono affrontati: si tratta di un impegno di oltre 700 milioni di euro e deve essere valutato", sottolinea Davide Crippa . "Questo acquisto porterà il nostro paese ad essere il terzo al mondo per numero di droni".

I 5 stelle puntano il dito contro la ministra Pinotti: "Questo programma d'acquisto gioca una funzione elettorale vista la zona di provenienza della ministra Pinotti e il ruolo della Piaggio Aero con gli stabilimenti di Albenga".

Fassina, LeU: "Soldi droni sottratti a interventi per il sociale"

Stefano Fassina di Liberi e Uguali, componente della commissione speciale di Montecitorio, punta il dito verso un aspetto particolare del finanziamento del programma droni: "larga parte dei 766 milioni di spesa previsti vengono non dal bilancio del Ministero della Difesa, ma dal bilancio del Ministero dell'economia"

"Sono sottratti a investimenti per mobilità sostenibile, sicurezza stradale, riqualificazione e accessibilità delle stazioni ferroviarie; infrastrutture relative alla rete idrica; ricerca; difesa del suolo, dissesto idrogeologico, risanamento ambientale e bonifiche; edilizia pubblica, compresa quella scolastica; prevenzione del rischio sismico; investimenti per la riqualificazione urbana e per la sicurezza delle periferie; eliminazione delle barriere architettoniche. È questo il cambiamento promesso dal M5S agli elettori?"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, ecco cosa cambia davvero dal 1° gennaio 2020

  • Bollette luce e gas, buone notizie per metà delle famiglie italiane

  • Michelle Hunziker 'presenta' le figlie Celeste e Sole: tali e quali a mamma e papà (FOTO)

  • Prende il reddito di cittadinanza ma ha un bar: la sanzione è da capogiro

  • Estrazioni Lotto oggi e SuperEnalotto: i numeri di sabato 7 dicembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 12 dicembre 2019

Torna su
Today è in caricamento