Gilet a 5 stelle: missione Francia per Di Maio e Di Battista

Di Maio e Di Battista hanno incontrato a Parigi una rappresentanza dei gilet gialli per stringere alleanze in vista delle elezioni europee. "Siamo d'accordo praticamente su tutto"

Foto di Christophe Chalencon

Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista hanno incontrato a Parigi una rappresentanza dei gilet gialli capeggiati da Christophe Chalençon, uno dei volti mediatici di primo piano dei gilet gialli e tra i primi ad aver lanciato l'idea di una lista per le prossime europee.

I due esponenti del Movimento sono volati in Francia per stringere sulle alleanze in vista delle elezioni europee ormai alle porte. "Molte le posizioni e i valori comuni che mettono al centro delle tante battaglie i cittadini, i diritti sociali, la democrazia diretta e l'ambiente" spiega Di Maio, descrivendo un "clima di grande entusiasmo".

"Tra i presenti all'incontro oltre agli eurodeputati del MoVimento 5 Stelle Fabio Massimo Castaldo, Tiziana Beghin e Ignazio Corrao, e anche alcuni leader della lista Ric che ha come capolista l'infermiera trentunenneIngrid Levavasseur e che si presenterà alle prossime europee sotto il nome di 'Ralliement d'initiative citoyenne' che raggruppa una parte del movimento dei 'gilets gialli'.

Levavasseur-2

"Siamo praticamente d'accordo su tutto", ha detto Christophe Chalencon dall'Hotel de France di Montargis, nell'interland parigino, annunciando che la prossima settimana sarà a Roma insieme alla capolista Ingrid Levavasseur per un nuovo incontro con il leader dei 5 Stelle.

Chi è Christophe Chalencon

Christophe Chalencon, presentato dai media francesi nelle ultime settimane come uno dei leader dei cosiddetti "gilet gialli liberi", ha fatto parlare di sé per una serie di interviste in cui ha parlato di "guerra civile inevitabile".

In un post su Facebook del 23 dicembre, accompagnato dalla dicitura "il caos annunciato", aveva lanciato un appello alle dimissioni di Emmanuel Macron, al quale aveva aggiunto un secondo appello all'esercito. Chiedeva un "governo di transizione per sentire e ascoltare il popolo". 

Christophe Chalençon, 53 anni, fabbro originario dalla Provenza, si era candidato alle legislative nel 2017 per il partito Génération citoyens (GC) guidato dal giornalista e eurodeputato Jean-Marie Cavada. 

A differenza di altri leader dei 'gilet gialli' come Jacline Mouraud o Paul Marra che hanno creato movimenti politici ma che hanno scelto di non presentare alcuna lista alle Europee o di Priscillia Ludosky ed Eric Drouet, considerati come elementi più radicali, il Ric invece è sceso in pista per la prossima tornata elettorale. Per Levavasseur l'obiettivo di presentarsi alle elezioni, come ha spiegato recentemente ai microfoni della radio 'France Inter', "è rimettere il cittadino al centro della politica": "in questa fase stiamo raggruppando le varie rivendicazioni per poterle manifestarle".

L'iniziativa di Levavasseur, che prevede una selezione dei candidati attraverso il sito 'euroric.fr', è stata contestata anche da una parte del movimento complessivo dei 'Gilet gialli' che è contrario ad un movimento politico. "Non siamo apolitici. Noi siamo, diciamo all'avanguardia, quelli che si sono lanciati. Poi vedremo", sottolinea Levavasseur spiegando di "non essere né di estrema destra né di estrema sinistra" e di aver votato nel passato Verdi.

Nei progetti del capo politico pentastellato il M5S punta a diventare l'ago della bilancia della prossima legislatura Ue. E i gilet gialli - che da mesi tengono sotto scacco il governo di Emmanuel Macron con le loro proteste - possono rivelarsi un prezioso tassello del mosaico. Secondo alcuni sondaggi un movimento dei 'gilets gialli' alle elezioni europee potrebbe prendere intorno al 10-13%. Intanto Hayk Shahinyan, il direttore della campagna elettorale del Ric, ha già gettato la spugna appena cinque giorni dopo la discesa in campo.

Non sono mancate le polemiche per l'incontro di oggi: Mara Carfagna, deputata di Fi e vicepresidente della Camera, mette in evidenza alcune differenze, anche di stile.

"La nostra politica estera: Vladimir Putin e George W. Bush che si stringono la mano a Pratica di Mare. La loro politica estera: difendere un dittatore comunista come Maduro e incontrare i gilet gialli. L'Italia è rossa di vergogna".

Gilet gialli, a che punto è la protesta

Proprio oggi per la prima volta gilet gialli e sindacati hanno sfilato insieme a Parigi per una manifestazione di protesta contro la politica economica del governo. "A parte il colore dei gilet non vedo molte differenze", ha dichiarato Pierre Martinez, segretario generale del sindacato Cgt, citato da Le Figaro. Fra i manifestanti a Parigi c'è anche Jean Luc Melenchon, leader del partito della sinistra radicale France Inosumise.

La piattaforma dei sindacati ricalca in parte quella dei gilet gialli - aumento del salario minimo, riforma fiscale - e si accompagna a scioperi nei trasporti e il settore pubblico. Sempre oggi i deputati francesi dell'Assemblea nazionale hanno approvato in prima lettura la controversa legge anti 'casseur', che prevede una sorta di Daspo per i manifestanti violenti. Giudicata liberticida dalla sinistra, la legge è stata approvata con 387 voti favorevoli, 92 contrari e 74 astensioni. Fra gli astenuti, rileva Le Monde, vi sono 50 deputati del partito la Republique en Marche del presidente Emmanuel Macron.

Il testo, che potrebbe essere modificato nei prossimi passaggi parlamentari, autorizza i prefetti a vietare la partecipazione alle manifestazioni a persone che "costituiscono una minaccia per l'ordine pubblico" a causa del loro comportamento violento in precedenti atti di protesta. Inoltre arrivare ad una manifestazione con il volto coperto diventerà un reato che potrà essere punito con pene fino ad un anno di carcere.

Inizialmente proposta dal partito conservatore Les Republicains, ma sostenuta dal governo, la legge è stata approvata una prima volta in Senato di fronte alle ripetute violenze nelle manifestazioni dei gilet gialli. Il testo è però stato modificato dai deputati e dovrà quindi tornare nuovamente in Senato.

Elezioni, dove e quando si vota nel 2019 

Guarda anche

"Il presidente Ping": la gaffe di Di Maio in Cina

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • In Francia appoggiano i gilet gialli, in Italia approvano il Decreto Salvini... I CInque Stelle verranno seppelliti dalla loro stessa incoerenza.....

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il traforo del Gran Sasso chiude "a tempo indeterminato"

  • Cronaca

    Siri, gli Arata, la Lega e gli affari dell'eolico: quello che sappiamo dell'inchiesta per corruzione

  • Attualità

    Importo Rdc, in ospedale per stress l'operatrice della pagina Facebook Inps per la famiglia

  • Economia

    Pensione di cittadinanza, doppia beffa: cosa dice lo studio della Uil

I più letti della settimana

  • Reddito di cittadinanza, fioccano le "lamentele" per l'importo dell'assegno

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi giovedì 18 aprile 2019

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi martedì 16 aprile 2019

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi sabato 13 aprile 2019

Torna su
Today è in caricamento