Tutti parlamentari col M5s: via alla raccolta delle candidature

A Gennaio le parlamentarie: gli iscritti devono aderire alla nuova associazione presentata dal Movimento 5 stelle. Per autocandidarsi a deputato o senatore c'è tempo fino al 3 gennaio. Ecco il nuovo Statuto. il nuovo codice etico e il nuovo regolamento del M5S

Il Movimento 5 stelle in vista delle elezioni del prossimo 4 marzo ha presentato il nuovo Statuto e un nuovo Codice Etico con qualche novità rispetto al passato. Inoltre fino alle 12 di mercoledì 3 gennaio, gli iscritti possono presentare la propria autocandidatura per le parlamentarie, la selezione online per determinare i candidati portavoce M5s alla Camera e al Senato.

Come si legge sul blog pentastellato, tutti gli attuali iscritti per potersi candidare e per poter partecipare alle votazioni devono iscriversi alla nuova Associazione MoVimento 5 Stelle.

Di Maio apre agli esterni: "Iscrivetevi, vi candidiamo"

"Voglio fare un appello a tutti i cittadini di grande competenza ed esperienza, che sono stati esclusi dalla cosa pubblica perchè al loro posto venivano piazzati i burocrati di partito. Queste persone vedano nel MoVimento una possibilità di partecipazione irripetibile per cambiare il Paese". Lo ha scritto Luigi Di Maio nel post di accompagnamento alla pubblicazione sul blog di Beppe Grillo delle nuove regole del M5S".

"A queste persone chiediamo di iscriversi al MoVimento, condividerne il programma votato in Rete, rispettare le nostre poche e semplici regole (due mandati e a casa, non essere iscritti a partiti ecc), di impegnarsi a tagliarsi lo stipendio se eletti, di accettare tutti i punti del regolamento per i candidati e di mettersi al servizio di un sogno".

Luigi Di Maio è ufficialmente il capo politico del Movimento 5 Stelle. Il nuovo statuto recita, però, che "il Capo Politico può essere sfiduciato con delibera assunta a maggioranza assoluta dei componenti del Comitato di Garanzia e/o dal Garante", ovvero Beppe Grillo, "ratificata da una consultazione in Rete degli iscritti, in conformità a quanto previsto dal presente Statuto".

Le regole del nuovo statuto M5s

Alla Camera potranno essere eletti solo candidati con meno di 40 anni. Il regolamento prevede anche, come previsto dal Codice Etico, che ogni eletto debba "erogare un contributo mensile di euro 300 destinato al mantenimento delle piattaforme tecnologiche che supportano l’attività dei gruppi e dei singoli parlamentari".

Come si legge sul nuovo codice etico i candidati del Movimento 5 Stelle inoltre devono "rinunciare alla propria candidatura nel caso in cui, avuta notizia dell'esistenza di un procedimento penale a proprio carico, emergano elementi idonei a far ritenere la condotta lesiva dei valori, dei principi o dell'immagine del MoVimento 5 Stelle, a prescindere dall'esito e dagli sviluppi del procedimento penale accettando, ora per allora, le determinazioni che sul punto gli Organi dell'Associazione a cio' deputati riterranno di esprimere". 

Obbligo sì alla fiducia se il premier è del Movimento

Gli eletti in Parlamento del M5s sono tenuti "a votare la fiducia, ogni qualvolta ciò si renda necessario, ai governi presieduti da un presidente del consiglio dei ministri espressione del MoVimento 5 Stelle"

 Ammenda di 100 mila euro per espulsi

Chi lascia gruppi Il nuovo codice prevede una ammenda di 100 mila euro da pagare al Movimento 5 Stelle in caso di espulsione, abbandono o iscrizione ad altro gruppo per chi è eletto nelle file del M5s.

"In considerazione del fatto che gli oneri per l'attività politica e le campagne elettorali sono integralmente a carico del MoVimento 5 Stelle, ciascun parlamentare, in caso di: - espulsione dal Gruppo Parlamentare del MoVimento 5 Stelle e/o dal MoVimento 5 Stelle; - abbandono del Gruppo Parlamentare del MoVimento 5 Stelle e/o iscrizione ad altro Gruppo Parlamentare; - dimissioni anticipate dalla carica non determinate da gravi ragioni personali e/o di salute ma da motivi di dissenso politico; sarà obbligato a pagare al MoVimento 5 Stelle, entro dieci giorni dalla data di accadimento di uno degli eventi sopra indicati, a titolo di penale, la somma di 100.000,00 quale indennizzo per gli oneri sopra indicati per l'elezione del parlamentare stesso".

Inoltre in caso di espulsione dal Movimento il parlamentare è tenuto a dare le dimissioni dalle cariche elettive.

Il nuovo Statuto (Pdf) | Il nuovo codice etico (Pdf) | Il regolamento per le parlamentarie (Pdf)

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 27 febbraio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 22 febbraio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 25 febbraio 2020

  • Sgarbi: “Berlusconi mi ha raccomandato anche te”. E Barbara d’Urso furiosa lo caccia dallo studio

  • Lite Sgarbi-d'Urso, la stoccata di Selvaggia Lucarelli alla conduttrice

Torna su
Today è in caricamento