Elezioni, come si vota il 4 marzo con la nuova scheda elettorale

Collegi uninominali e collegi plurinominali, alle elezioni politiche il 4 marzo 2018 si voterà con il sistema misto introdotto dalla nuova legge elettorale, il Rosatellum, e secondo la ripartizione nei nuovi collegi elettorali. Tra norme e divieti ecco come non sbagliare

Alle elezioni politiche 2018 domenica 4 marzo si voterà con la nuova legge elettorale, il Rosatellum, e secondo la ripartizione nei nuovi collegi elettorali

Facsimile scheda elettoraleSenato | Camera

I candidati concorrono in un sistema misto: l’assegnazione di 232 seggi alla Camera e di 116 seggi al Senato è effettuata in collegi uninominali, in cui è proclamato eletto il candidato più votato. L’assegnazione dei restanti seggi delle circoscrizioni del territorio nazionale (386 e 193, rispettivamente per la Camera e per il Senato) avviene con metodo proporzionale in collegi plurinominali in cui sono proclamati eletti i candidati della lista del collegio plurinominale secondo l’ordine di presentazione, nel limite dei seggi cui la lista abbia diritto.

Alle elezioni debutta la scheda antifrode: cos'è e come funziona 

Elezioni 2018, come si vota?

I cittadini italiani che hanno compiuto 18 anni alla data del 4 marzo 2018 possono recarsi ai seggi elettorali dove riceveranno una scheda per la Camera e, se l'elettore ha più almeno 25 anni di età, una scheda per il Senato.

Chi vince le elezioni? La diretta

Speciale elezioni | Tutti i sondaggi

Sulla scheda l'elettore troverà i nomi dei candidati nel collegio uninominale di appartenenza e il contrassegno di ciascuna lista o coalizione di liste che lo appoggiano. Accanto ai simboli (contrassegni) delle liste sono riportati i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale, i cosiddetti listini proporzionali indicati dai partiti.

Il voto è espresso tracciando un segno sulla scheda:

si può votare facendo un solo segno

  • votando un candidato al collegio uninominale;
  • votando il partito e lista dei candidati nel collegio plurinominale;

si può votare facendo due segni

  • votando un candidato al collegio uninominale e scegliendo una delle liste che lo appoggiano. Importante: affinché il voto venga considerato valido entrambi i segni devono essere fatti nell’area della scheda che spetta a un’unica coalizione.

Attenzione, si può scegliere anche solo il candidato all’uninominale o solo una delle liste, ma il voto sarà comunque “trascinato” rispettivamente anche sulle liste o sul candidato. (Il modo in cui vengono eletti Deputati e Senatori è complesso, in questa scheda chiariamo le idee su cosa siano i collegi uninominali e plurinominali e come la legge elettorale stabilisca il computo dei seggi).

Non è ammesso il voto disgiunto: non si può votare una lista diversa da quelle che appoggiano il candidato che abbiamo scelto. Inoltre non si possono esprimere preferenze sui singoli candidati della lista proporzionale.

Perché tutti i partiti parlano del 40% come numero magico

Per riassumere, l'elettore che vuole votare per un programma elettorale di un partito o coalizione ma non si riconosce nel candidato che il partito ha scelto per il collegio uninominale, può rinunciare al voto o votare un’altra coalizione. (Qui potete trovare i principali candidati città per città).

Viceversa, se l'elettore ha deciso di votare per un candidato ma non si riconosce in uno dei partiti che lo appoggiano, può apporre due croci, scegliendo uno specifico partito della coalizione che appoggia il nome prescelto (attenzione, deve appartenere alla stessa coalizione).

Non è chiaro come si vota? Eccolo spiegato in maniera più dettagliata

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

scheda elettorale-3

Elezioni 2018, la guida al voto

Come si vota, i candidatii simbolii programmii sondaggi

Tutti gli articoli dello speciale elezioni

Elezioni regionali | Elezioni Lazio | Elezioni Lombardia

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Migranti, Conte all'Ue: "Quote di ingresso e centri di redistribuzione tra tutti i paesi"

  • Economia

    Governo, molto rumore per nulla: i conti non tornano su pensioni e condono fiscale

  • Elezioni

    Ballottaggi, italiani al voto: M5s in corsa solo in 7 Comuni, Centrodestra prova il "cappotto"

  • Sport

    Formula 1, Hamilton show in Francia: partenza disastrosa per la Ferrari, rimonta capolavoro

I più letti della settimana

  • Bollo auto, rivoluzione dietro l'angolo: cambiano i criteri di calcolo

  • Amici, anche Andreas Muller in ospedale: "E' dura ma vincerò"

  • Federica Pellegrini, il post dopo la notizia del matrimonio di Magnini

  • Emma, prova costume superata: bomba sexy in bikini

  • Max Giusti, bomba sulla Rai: "Mandato via all'improvviso"

  • Con 7 euro vincono un milione a testa, ma devono fare i conti con la tassa sulla fortuna

Torna su
Today è in caricamento