Elezioni, come si vota il 4 marzo con la nuova scheda elettorale

Collegi uninominali e collegi plurinominali, alle elezioni politiche il 4 marzo 2018 si voterà con il sistema misto introdotto dalla nuova legge elettorale, il Rosatellum, e secondo la ripartizione nei nuovi collegi elettorali. Tra norme e divieti ecco come non sbagliare

Elezioni, le modalità di voto

L'elettore nel segreto del seggio il 4 marzo 2018 può esprimere il proprio voto in quattro modalità

  • tracciando un segno sul rettangolo contenente il nominativo del candidato del collegio uninominale e un segno sul sottostante rettangolo contenente il contrassegno della lista nonché i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso è valido sia per il candidato uninominale sia per la lista.

candidato uninominale e lista-2

  • tracciando un segno solo sul nome del candidato nel collegio uninominale. Il voto è comunque valido anche per la lista collegata.

candidato uninominale-2

In presenza di più liste collegate in coalizione, il voto è ripartito tra le liste della coalizione, in proporzione ai voti ottenuti da ciascuna lista in tutte le sezioni del collegio uninominale.

candidato uninominale 2-2-2

  • tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale ai fini dell’elezione del candidato nel collegio uninominale ed a favore della lista nel collegio plurinominale.

lista-2

  • tracciando un segno sul contrassegno e un segno sulla lista di candidati nel collegio plurinominale della lista medesima. Il voto così espresso è valido a favore sia della lista sia del candidato uninominale. Attenzione: non si possono esprimere preferenze sui singoli candidati della lista proporzionale.

scheda nulla 1-2

Avvertenze: attenzione a non invalidare la scheda

La legge elettorale ha una stortura evidente: per l'elettore è molto facile commettere errori e rendere nulla la scheda. Per questo vale la pena ricordare di non apporre più di due segni sulla scheda elettorale pena l'annullamento della stessa.

scheda nulla-2

Inoltre, come già detto, se si traccia un segno sul rettangolo contenente il nominativo del candidato uninominale e un segno su un rettangolo contenente il contrassegno di una lista cui il candidato non sia collegato, il voto è considerato nullo, in quanto per l’elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica non è previsto il voto disgiunto.

Le modalità di voto sono riportate anche nella parte esterna della scheda elettorale.

Attenzione, i residenti nel Lazio e in Lombardia sono infatti chiamati ad eleggere non solo i propri rappresentanti in Parlamento, ma anche il nuovo governatore e i consiglieri regionali ma avviene con un sistema elettorale diverso: ecco come si vota in Lombardia e Lazio.

Italiani all'estero: come votare alle politiche del 4 marzo 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Elezioni, la guida al voto

Come si vota, i candidatii simbolii programmii sondaggi

Tutti gli articoli dello speciale elezioni

Elezioni regionali | Elezioni Lazio | Elezioni Lombardia

Potrebbe interessarti

  • Fa davvero male dimenticarsi di cambiare le lenzuola?

  • Tonno, come riconoscere quello di qualità (e quanto mangiarne)

  • Quando lo zenzero fa male

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

I più letti della settimana

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di sabato 15 giugno 2019

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 17 al 23 giugno 2019

  • Saldi estivi 2019, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 13 giugno 2019

  • Bollo auto, con la pace fiscale c’è il condono (e vale per 10 anni)

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 18 giugno 2019

Torna su
Today è in caricamento