Governo Lega 5 stelle, risiko Parlamento: in Senato maggioranza a rischio

Quanti sono i voti in Parlamento su cui possono contare Salvini e Di Maio? Il governo giallo-verde ha un problema con il Senato. Ecco perché Silvio Berlusconi, fresco di riabilitazione, potrebbe dettare il passo del nuovo governo

Il "contratto di governo" tra Movimento 5 stelle e Lega tiene banco nel mondo politico ma i conti si faranno in Parlamento. Se infatti il programma del "governo del cambiamento" dovrà prima passare il vaglio del Quirinale - come ha fatto sapere Mattarella - e poi quello del voto online degli attivisti pentastellati - come assicurato da Casaleggio - sarà a Montecitorio e a Palazzo Madama il vero momento della verità per Salvini e Di Maio.

Di Maio e Salvini chiamano Mattarella

Il nuovo governo è ancora in cerca di un premier "di sintesi", un politico e non un tecnico, capace di essere "terzo" rispetto a Lega e 5 stelle, ma ancor più in grado di assicurare una tenuta nei passaggi parlamentari quando deputati e senatori dovranno votare la fiducia al nuovo esecutivo. 

E se alla Camera dei Deputati la maggioranza giallo-verde è in forte maggioranza, al Senato la pattuglia di Lega e Movimento 5 stelle possono contare di un margine minimo di soli 7 senatori.

Quanti voti hanno M5s e Lega

La maggioranza parlamentare su cui possono contare Salvini e Di Maio è 'risicata': Lega e 5 stelle insieme hanno 352 Deputati e 169 al Senatori. Basta un passo falso per andare sotto al Senato.

Qui entrano in gioco le alleanze variabili e i voti del centrodestra che, non mettendo il veto all'accordo Lega-5stelle, può teleguidare il Carroccio alleato con una realpolitik che intreccia la politica nazionale con gli accordi nelle amministrazioni locali. Silvio Berlusconi e i senatori di Forza Italia potrebbero fare il buono e cattivo tempo della XVII legislatura: l'ex Cavaliere, fresco di riabilitazione da parte del Tribunale di sorvegliana, potrebbe rientrare in Parlamento già in autunno e far valere tutto il suo carisma. 

Schermata 2018-04-19 alle 11.38.22-2

Come ci ricordava Sartoria Politica la storia politica ci insegna che ci sono sempre dei deputati e senatori, chiamati responsabili pronti ad appoggiare l'esecutivo.

XIII legislatura: cade Romano Prodi e per far nascere il primo governo di Massimo D’Alema vengono alla luce due nuovi gruppi parlamentari: l’Udr e il PdCI. 
XV legislatura: Romano Prodi ha un problema con la maggioranza: nasce l’Italia di Mezzo e i numeri tornano a posto. 
XVI legislatura: Silvio Berlusconi vacilla, nasce così Iniziativa Responsabile (poi Popolo e Territorio) di Razzi e Scilipoti che raccolgono il consenso di 29 deputati.
XVII legislatura: Enrico Letta vede sfumare la quota di fiducia e si costituisce il Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano con 26 parlamentari; Renzi ha poi lo stesso problema e arriva Ala, Alleanza Liberalpopolare-Autonomie, che mette nuovamente a posto il pallottoliere.

maggioranze in parlamento-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, vinti 59 milioni di euro nell'estrazione di oggi martedì 7 luglio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 4 luglio 2020

  • Mangiano e scappano senza pagare: ma la figuraccia di quattro amici è "epocale"

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 9 luglio 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Stato di emergenza Covid, si va verso la proroga: ecco le conseguenze

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento