Movimenti incontrano ministro Lupi: "Chi ha perso il lavoro non deve essere sfrattato"

Dopo il corteo del 19 ottobre si torna in piazza: a Roma presidio sotto al ministero delle Infrastutture dove si svolgerà l'incontro con il ministro Lupi. La richiesta: "Blocco degli sfratti per morosità incolpevole"

Non saranno bellissimi a vedersi. Le loro parole forse troppo radicali. Le loro pratiche sicuramente troppo conflittuali. Tutto questo rende "gli antagonisti" poco appetibili per il mondo mediatico mainstream. Meglio, quindi, bollarli con il termine messo poche battute fa tra virgolette. "Antagonisti". Quelli buoni. "Black bloc". Quelli cattivi.

Della manifestazione di sabato 19 ottobre e dell'accampata che ne è seguita si è detto, visto e scritto tanto. Chi ha voluto sottolineare il lato pacifico dell'onda di persone che ha invaso Roma. Chi ha cercato comunque la notizia negli scontri che ci sono stati tra le frange più calde dell'emisfero movimento.

Quello che però nessuno o quasi ha raccontato sono i motivi per i quali tra le 50 e le 70 mila persone sono scese in piazza a Roma, prima dormendo in piazza San Giovanni, poi sfilando fino a Porta Pia, infine accampandosi fuori il ministero dei Trasporti e Infrastrutture. 

Per un momento tralasciamo chi sono i protagonisti di questa tre giorni e limitiamoci a ragionare sugli obiettivi di quel corteo.

Obiettivi che, crisi in corso, sono di tutti. Trasversali. Multietnici. Senza età e senza appartenenza. Reddito e casa. Due diritti negati prima ancora che dalla crisi stessa dalle politiche italiane in termini di welfare. 

Oggi, martedì 22 ottobre, una delegazione di quel "movimento di movimenti" incontrerà il ministro Lupi e una delegazione dei sindaci italiani. Al centro dell'incontro: il tema degli sfratti. Il diritto all'abitare. Non certo un tema "di sinistra", "di estrema sinistra" o "antagonista". Un tema che attraversa tutta la società alle prese con la crisi.

"Non siamo politici e non vogliamo esserlo". Questo uno dei mantra del movimento. Unico asse di dialogo, quello con il sindacalismo di base. E visto che pur incontrando il ministro competente in tema di infrastrutture, trasporti e anche casa, movimento sono e movimento restano, in centinaia daranno vita a un nuovo #assedio in quel di Porta Pia. Contemporaneamente presidi si terranno in diverse città, da Milano a Bologna, da Bergamo a Torino.

L'INCONTRO - Al centro dell'incontro con il ministro Lupi e i sindaci, come detto, gli sfratti. L'asse di ragionamento è ovvio. Crisi. L'azienda chiude, fallisce o licenzia. Si perde il lavoro. Si perde il reddito. Non c'è sostegno al reddito. Non si può più pagare il mutuo o l'affitto. Si perde la casa. 

Così sul tavolo del ministro ci sarà proprio l'avvio di un percorso, "di cui Lupi deve farsi portatore", per una moratoria degli sfratti per morosità incolpevole, oggi circa il 90% del totale. Quest'anno non basta la solita proroga per gli sfratti solo per le categorie protette e gli over 75. Serve di più. "Bisogna destinare milioni di euro per sostenere le famiglie travolte dalla crisi ed evitare che, dopo il lavoro, perdano anche la casa". Solo dopo aver bloccato gli sfratti, destinando soldi pubblici a questo obiettivo, "si potrà iniziare a pensare a un piano per l'edilizia pubblica". Un piano che può, secondo i movimenti, essere finanziato usando i soldi pubblici stanziati per grandi opere ("inutili") e grandi eventi ("troppo costosi"). 

L'altro punto all'ordine del giorno è il blocco della vendita del patrimonio pubblico, caserme e depositi, "e il suo utilizzo per l'emergenza abitativa". In pratica i soldi dei risparmiatori italiani che finiscono nella Cassa Depositi e Prestiti non verrebbero utilizzati "per speculazioni immobiliari" bensì "per realizzare alloggi pubblici anziché acquistare immobili che sono pubblico per poi destinarli alla speculazione".

PALLA A LUPI - Ora sta al governo di larghe intese dare una risposta alla piazza del 19 ottobre. Se sarà positiva, se Lupi si farà portatore di queste esigenze lavorando con i sindaci a una proroga "vera" per gli sfratti, compresi quelli per morosità incolpevole, il dialogo potrà continuare. E i movimenti resteranno tali. Ma se il governo farà spallucce, i movimenti torneranno - per i media - "antagonisti", forse anche "black bloc", e dal presidio di Porta Pia, già stasera, sceglieranno le prossime tappe di mobilitazione. Due delle quali sono già date: dal 24 al 26 ottobre saranno a Firenze in occasione dell’iniziativa dell’Anci sul diritto di residenza; il 9 e il 10 novembre torneranno a Roma in un’assemblea per continuare la mobilitazione. In poche parole, "non daremo tregua al governo".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Avatar anonimo di gl
    gl

    Pensavo che con il mio post avrei fatto scatenare un putiferio e mi sarebbero stati tutti contro...invece vedo che parecchi hanno le palle piene di come stiamo andando a finire. Inoltre premetto che io non sono proprietario di alte case eccetto quella in cui abito, ma vedo che in molti casi gli affittuatari non pagano il canone e le spese se le devono spupazzare i proprietari (il che non mi sembra ssolutamente giusto!) e quelli non li smuove più nessuno anzi sono addirittura difesi da quattro scalzacani che fanno un c...o tutto il giorno !

  • L'Italia è veramente il paese dei paradossi.... la famiglia sopra casa mia non paga l'affitto da 18 mesi e ora hanno lo sfratto esecutivo, hanno un figlio di 2 anni lei è nuovamente incinta, sono in giro con 3 cellulari e si sono portati in casa anche il cognato, vengono aiutati regolarmente dalla parrocchia, sono talmente disagiati che lei non pulisce il passeggino del bambino ma semplicemente quando è sporca lo butta e ne inizia ad usare un altro (grazie alla generosità degli italiani), hanno scavalcato la graduatoria per l'asilo nido perché risultano morti di fame ,a naturalmente lui da qualche mese lavora in nero...

  • Avatar anonimo di ari anna
    ari anna

    se ne deve fare carico lo stato, i comuni , le istituzioni non i proprietari, questi fumano robba sbagliata,cambiassero fornitore

  • No è molto peggio gl, quello che vogliono dire è che una volta che ti sei infilato nella casa di proprietà di un'altro, gli paghi qualche mese di affitto e dopo ti dichiari "morto di fame" e automaticamente diventi proprietario dell'immobile, certo non lo potrai rivendere ma di sicuro ci vivrai per sempre fino a quando il vero proprietario rinuncia! Se poi sei un immigrato o sei di colore allora è automatico il passaggio di proprietà a tuo favore. Il mio consiglio è di affittare le case prima di tutto ai soli Italiani e dopo aver fatto mille verifiche patrimoniali e dopo aver fatto firmare 100 documenti che garantiscono il vero proprietario che se non viene pagato l'affitto TE NE DEVI ANDARE

    • Avatar anonimo di ari anna
      ari anna

      l'italia e' il paese delle banane, ho sempre detto e soprattutto scritto che chi viene da noi (...) persone che nn hanno nulla da perdere si fanno padroni, hanno diritti piu loro che noi a casa nostra, i diritti la gente se li deve meritare prima le regole civili e rispettare le leggi , le leggi che ci sono devono essere rispettate e FARLE rispettae, ma siamo al totale SBANDO, e sinceramente provo una grande vergogna a leggere tt ste notizie.dell'Italia e sull'Italia.

  • dargli da mangiare, magari farli chiavare con la moglie e la figlia. l'auto, le sigarette....... poi non sono politicizzati questi cortei, hanno delle bandiere rosse così a caso. lazzaroni e stranieri insieme, bello schifo.

  • Avatar anonimo di gl
    gl

    In caso di NON SFRATTO il proprietario dell'immobile cosa deve fare ? Pagare lui la IMU, le spese condominiali. le spese starordinarie , ecc, ma fino a quando ...vita natural durante ?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Antonio Megalizzi è morto: il ragazzo italiano ferito a Strasburgo non ce l'ha fatta

  • Mondo

    Dal 2003 a oggi sono 44 le vittime italiane di attacchi terroristici all'estero

  • Cronaca

    Morì cadendo dal balcone per sfuggire alla violenza: condannati i due studenti

  • Cronaca

    Topi e cibi scaduti nelle mense scolastiche, il ministro della Salute Grillo: "Un film horror"

I più letti della settimana

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 13 dicembre 2018

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di lunedì 10 dicembre

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 11 dicembre 2018

  • Tassa sulle auto, beffa in arrivo: il paradosso della nuova legge

  • Sondaggi, Salvini sorride "solo a metà": c'è un'inattesa brutta notizia per lui e per Di Maio

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto posticipate

Torna su
Today è in caricamento