Chi è Lucrezia Reichlin, possibile premier per il "governo di Mattarella"

Il nuovo presidente del Consiglio avrà il compito di gestire l'ordinaria amministrazione al posto di Gentiloni e di portare il Paese al voto. Incognita fiducia in Parlamento

Lucrezia Reichlin | Ansa

Chi sarà il prossimo premier? Un "governo neutrale", "di garanzia", che guidi il Paese fino a dicembre. Oppure, nel caso in cui non ci fosse la fiducia in Parlamento, elezioni subito: in estate (il 22 luglio è la prima data utile) o al massimo in autunno con tutti i rischi annessi. Questa è stata la decisione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella dopo il fallimento del terzo e ultimo giro di consultazioni. A questo punto cresce l'attesa per il nome del premier: a chi verrà affidato il delicato incarico? Sono diverse le ipotesi che stanno circolando nelle ultime ore.

Chi è Lucrezia Reichlin

E' possibile che per la prima volta nella storia della Repubblica sia una donna a guidare l'esecutivo. Secondo le voci di palazzo tra i favoriti del totonomi ci sarebbe Lucrezia Reichlin. Figlia di Alfredo Reichlin, partigiano ed ex deputato di Pci e Pds, e di Luciana Castellina, scrittrice e fondatrice de il Manifesto, Lucrezia Reichlin è nata a Roma nel 1954. E' un'economista che dal 2008 insegna alla London Business School. Studi in Italia e negli Stati Uniti, durante la presidenza di Jean-Claude Trichet ha ricoperto l'incarico di direttore generale alla ricerca alla Banca centrale europea (Bce) di Francoforte (è stata la prima donna a ricoprire questo ruolo).

Siede inoltre nel Consiglio di amministrazione di Unicredit ed è editorialista del Corriere della Sera. E' una strenua sostenitrice delle quote rosa. Il suo profilo, come quello di Elisabetta Belloni, ha quel respiro europeo che aiuterebbe l'Italia durante i vertici di giugno, evocati dal capo dello Stato nel discorso di lunedì.

Chi è Elisabetta Belloni, possibile premier per il "governo di Mattarella"

lucrezia reichlin 2 ansa-2

Il capo dello Stato potrebbe giocare la carta dell'incarico tra oggi e domani. Quindi il nuovo esecutivo dovrebbe giurare e presentarsi in Parlamento, ma il rischio che Camera e Senato non concedano la fiducia è alto, altissimo. Il Movimento 5 Stelle e la Lega, infatti, hanno più volte ribadito la propria contrarietà a qualsiasi ipotesi di governo "tecnico", rilanciando con forza l'idea del voto anticipato, addirittura a luglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiede il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere un albergo da 800mila euro

  • In arrivo 55mila lettere dall'Agenzia delle Entrate

  • Medico muore durante il turno di notte: aveva 28 anni

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 16 novembre 2019

  • Rompe il finestrino per rubare: nell'auto trova un vero tesoro

  • Concorsi, arriva la “raffica” di bandi: 2.600 nuove assunzioni 

Torna su
Today è in caricamento