E' Salvini il leader (social) del centrodestra: "Pronto a sfidare Matteo Renzi"

Il web incorona il numero uno della Lega: "Si è costruito nel tempo un fortino di elettori digitali da far invidia anche al nostro primo ministro. Senza di lui il centrodestra su internet non esiste"

Matteo Salvini

Il leader del Carroccio Matteo Salvini si candida come il Trump italiano: è lui il candidato di destra pronto a sfidare Matteo Renzi, secondo una ricerca del "il socialpolitico.it". "Il leader della Lega - si legge in una nota - si è costruito nel tempo un fortino di elettori digitali da far invidia anche al nostro primo ministro, che non è uno propriamente allergico al tema.

"La prova di forza di Salvini sui social, associata alla dote della vittoria di Trump, trova riscontro nella sua capacità di monopolizzare l'attenzione dei media più tradizionali. Negli ultimi sette giorni Salvini è stato il terzo politico italiano più visibile sui media online. Senza Matteo Salvini - prosegue la ricerca - il centrodestra su internet non esiste. Il Berlusconi pensiero viene confermato dal web, dove la popolarità del segretario leghista prevale su quella degli altri papabili leader della coalizione chiamata a rappresentare l'unica alternativa credibile al Pd di Matteo Renzi".

Su Facebook il leader del Carroccio è addirittura il secondo politico italiano più influente: prima di lui c'è neanche troppo distante Beppe Grillo. Matteo Salvini è seguito da 1.626.096 utenti, cresce con una media settimanale di circa 11mila nuovi fan e sono 554.321 le persone che parlano di lui su questo social network.

Per capire quanto siano importanti questi dati bisogna vedere il confronto con Matteo Renzi. Il primo ministro italiano è molto distante da Salvini: ha "soltanto" 924.417 fan, cresce con una media settimanale di circa 7mila nuovi fan e le persone che parlano di lui sono 93.419. Matteo Salvini, come intuibile, cavalca sulla rete in modo opportunistico i temi legati all'immigrazione. La maggior parte dei suoi post sono messaggi o video molto critici in cui viene data enfasi alla retorica "gli italiani prima". Quello che è un po' meno conosciuto è che su Facebook sono nate molte pagine che si rifanno a questi argomenti rilanciando la narrazione, a volte palesemente falsa, di immigrati clandestini privilegiati a discapito degli italiani. L'indotto che queste fanpage portano a Matteo Salvini in termini di coinvolgimento con gli elettori digitali è molto alto. Nei suoi ultimi cento post il leader ha ottenuto una media di 8.211 mi piace, 1.396 commenti e 1.800 condivisioni. Tra l'altro è interessante rilevare come il massimo livello di engagement raggiunto da Salvini coincida con la data dell'elezione del candidato repubblicano.

FACEBOOK - Su Facebook un abisso separa la popolarità di Salvini da quella di Stefano Parisi. Il leader della Lega, grazie a post estremamente virali che non lesinano tematiche nazional-popolari, viaggia a gonfie vele. La sua pagina fan ha totalizzato sinora oltre 1 milione e 600 mila like. Parisi ha, invece, raggiunto appena 37 mila e 400 mi piace. Meglio di lui fanno sia Giovanni Toti (circa 53.800) che la Meloni (611.000). Non solo: Salvini è anche il leader che più fa discutere. Gli ultimi 100 contenuti pubblicati dalla sua fanpage hanno raggiunto un engagement medio pari a 11.345. L'ex ad di Fastweb, invece, non riesce nemmeno a superare quota 270. Meglio di Toti (249) ma peggio di Meloni (5.125).

TWITTER - Su Twitter solo Giorgia Meloni riesce a insidiare la popolarità di Salvini. Il profilo del successore di Umberto Bossi ha agguantato quasi 315 mila follower, quello della leader di Fratelli d'Italia circa 311 mila. Lontanissimo Parisi (8.870 follower) staccato nettamente anche da Toti (29.972). Insomma l'ex candidato sindaco di Milano ha una limitata capacità attrattiva nei confronti del pubblico social. Dato che viene confermato anche dai reweet. Gli ultimi 100 tweet di Parisi sono stati mediamente condivisi da altri utenti 5,8 volte. La migliore, in questo campo, è Meloni, con 124 reweet medi. La seguono Salvini (65,3) e Toti (11,4).

GOOGLE - Il basso livello d'interesse del web nei confronti di Parisi si riverbera anche nelle ricerche online. Prendendo come parametro la scala da 1 a 100 utilizzata da Google Trend per calcolare il volume di questo tipo di interazioni, notiamo che Salvini, nell'ultimo mese, ha totalizzato un volume medio di ricerche pari a 34. Dopo di lui troviamo ancora una volta Giorgia Meloni (27). Seguono, molto distanziati, Parisi (5) e Toti (3). Nel giorno della manifestazione di Firenze Salvini è stato nella classifica degli argomenti più discussi della Twitter-sfera italiana per più di 8 ore, risultando a fine giornata il politico italiano più menzionato. 

Guarda anche

In giro per Milano spuntano tanti "baby-Salvini": la nuova opera di Cristina Donati Meyer

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Ci piacerebbero dei politici che lavorano per risolvere i problemi del Paese e della povera gente, francamente di cosa mangiano e di quanto sono simpatici e sarcastici, non ce ne importa granché", scrive l'artista

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Perché la richiesta di autonomia delle Regioni può mettere in crisi il governo

  • Politica

    Diciotti, conto alla rovescia per il processo a Salvini: decide la Rete

  • Attualità

    Pedofilia, verso il vertice di Papa Francesco: "Così la Chiesa deve combattere gli orchi"

  • Cronaca

    Rogo nella tendopoli dei braccianti, Salvini: "Sgombereremo le baracche"

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dall'11 al 17 febbraio 2019

  • Isola dei Famosi 2019: cast, concorrenti, puntate e tutte le anticipazioni

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi giovedì 14 febbraio 2019

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi martedì 12 febbraio 2019

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi sabato 9 febbraio 2019

  • Sanremo 2019, la Rai rischia una multa da 5 milioni di euro: “Voto del pubblico ribaltato”

Torna su
Today è in caricamento