Migranti, l'Europa trova una prima (debole) intesa: ma l'Italia non c'è

Botta e risposta tra Macron e Salvini. 14 dei 28 paesi dell'Unione europea hanno approvato la proposta franco-tedesca per la distribuzione dei migranti soccorsi nel Mediterraneo. Ma lo sbarco nel "porto più vicino" non va giù a Salvini, che ribatte: "L'Italia non prende ordini"

La Ocean Viking, la nave con la quale da giovedì 18 luglio la ong francese Sos Mediterranée e Medici senza frontiere sono tornati in mare per riprendere la ricerca e il soccorso di migranti davanti alle coste libiche Foto Msf/Sos Mediterranee

"Mi dispiace che qualcuno abbia deciso di non intervenire". Il presidente francese Emmanuel Macron si esprime così dopo la riunione sui migranti andata in scena ieri a Parigi e alla quale, tra gli altri, non ha preso parte il ministro dell'Interno Matteo Salvini. "L'unico modo" per ottenere risultati "è la cooperazione", dice Macron, che lancia un'appello "alla responsabilità" e ribadisce più volte che "bisogna rafforzare l'efficacia della solidarietà".

Migranti, Macron contro Salvini: "Sbarco nel porto più vicino"

L'Europa raggiunge una prima, debole, intesa. Macron ha spiegato che 14 dei 28 paesi dell'Unione europea hanno approvato la proposta franco-tedesca per la distribuzione dei migranti soccorsi nel Mediterraneo e ha sottolineato "la partecipazione attiva" di 8 paesi. E' solo un punto di partenza. Il presidente francese ha infatti ribadito che gli sbarchi debbano avvenire nel porto vicino più sicuro. Posizione che non va giù al titolare del Viminale, che però di fatto nei mesi scorsi ha deciso di non dialogare in alcun modo coi partner europei più importanti per il superamento del trattato di Dublino sulla ripartizione dei migranti tra più Paesi.

Le perplessità sull'intesa di ieri sono numerose: se l'accordo sui ricollocamenti tra paesi Ue è su base volontaria, in pratica è lo stesso che non ha mai funzionato fino a oggi. Le posizioni sono lontane. Da una parte Francia e Germania che mediano per una nuova redistribuzione tra i Paesi europei dei migranti soccorsi, fermo restando che questi ultimi devono sbarcare nel "porto più vicino": dall'altra Italia e Malta, fermamente contrarie al principio che le condannerebbe, nelle parole del ministro, "ad essere l'hotspot dell'Europa". Il porto sicuro più vicino resta il nodo della discordia. "Quando una nave lascia le acque della Libia e si trova in acque internazionali con rifugiati a bordo deve trovare rifugio nel porto più vicino. E' una necessità giuridica e pratica. Non si possono far correre rischi a donne e uomini in situazioni di vulnerabilità” secondo l'Eliseo. Il ministro dell'Interno italiano non concorda.

Salvini: "L'Italia non prende ordini"

 "L'Italia ha rialzato la testa, non prende ordini e non fa la dama di compagnia: se Macron vuole discutere di immigrati venga pure a Roma''. Lo dice il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini, commentando le dichiarazioni del presidente francese Emmanuel Macron. "La riunione sui migranti organizzata a Parigi è stata un errore di forma e di sostanza - sottolinea Salvini - Nella forma, perché convocata con poco preavviso e in modo assolutamente irrituale visto che siamo nel semestre di presidenza finlandese. Nella sostanza, perché ha ribadito che l'Italia dovrebbe continuare a essere il campo profughi dell'Europa. Avevo già detto no al mio omologo Castaner  settimana scorsa a Helsinki. Lo ripeto oggi, dopo che il vertice di Parigi voluto da francesi e tedeschi si è rivelato un flop ed è stato ampiamente disertato dai ministri europei".

Matteo Salvini ha quasi sempre disertato i consigli dei ministri dell’Interno Ue: una strategia che rischia di allontanare l'Italia dai partner europei più rilevanti. Scelta politica, legittima come possono esserlo tutte le scelte politiche. Il problema è che sul tema migranti la spinta propositiva del governo Lega-M5s è pressoché nulla, e non sembra esserci a Roma la volontà di trovare una soluzione europea trattando con Parigi e Berlino. Uno stallo che non può portare a nulla di buono. 

Libia, Macron: "Porre fine alla detenzione nei campi"

Inoltre Macron ha chiesto alle autorità libiche di "porre fine alla detenzione" di migranti e rifugiati in modo da permettere alle agenzie dell'Onu l'accesso alle persone "in transito" e facilitare il ritorno  volontario ai loro Paesi d'origine. Macron ha comunque ribadito che la cooperazione della Ue con la Guardia Costiera libica "ha provato la  sua efficacia". Macron ha definito "estremamente preoccupante" la situazione in Libia. Ha ricordato i  recenti bombardamenti dei campi di detenzione e lo stato di "moderna schiavitù" cui sono costretti migranti e rifugiati "molti" dei quali subiscono "abusi" da parte dei trafficanti di esseri umani.

Filippo Grandi, che guida l'agenzia Onu per i rifugiati, ha accolto positivamente la richiesta francese di porre fine alla detenzione dei migranti, affermando che i centri di detenzione sono "centri di abusi e sfruttamento, che sono al centro di questo business del traffico di esseri umani che tutti noi vogliamo combattere".

Migranti, nuovi arrivi su barchini e tir frigorifero: Salvini apre lo scontro con l'Ue

migranti mediterraneo ansa 2-2

Potrebbe interessarti

  • Falsi amici: 7 alimenti che pensi facciano dimagrire ma che invece fanno ingrassare

  • Come fare la valigia perfetta

  • I rimedi per liberarsi dei ragnetti rossi

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di oggi sabato 17 agosto 2019: numeri vincenti

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di oggi martedì 20 agosto 2019: numeri vincenti

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 19 al 25 agosto 2019

  • Virginia, figlia di Paola Ferrari, è tale e quale a mamma: la prima foto su Instagram

  • Temptation Island Vip 2019: data, coppie, conduttore e tutte le anticipazioni

  • Reddito di cittadinanza, lavora (in nero) con uno stipendio di 1.220 euro e prende il sussidio

Torna su
Today è in caricamento