Migranti, l'Italia si preoccupa: "Se chiudono la rotta balcanica, 400mila in arrivo"

La maggioranza dei ministri dell'Interno dell'Ue ha chiesto alla Commissione europea di attivare le procedure previste per prorogare i controlli alle frontiere. L'Italia guarda con preoccupazione alla possibile chiusura della rotta balcanica. Centinaia di migliaia di migranti potrebbero riversarsi verso Ancona e Bari: "Potremmo dover accogliere 400 mila persone"

La maggioranza dei ministri dell'Interno dell'Ue, riuniti in un Consiglio informale oggi ad Amsterdam sotto la presidenza di turno olandese, ha chiesto alla Commissione europea di attivare le procedure previste dall'articolo 26 del Codice delle frontiere di Schengen, che permette, a certe condizioni, di prorogare dagli attuali sei mesi a due anni le misure di ripristino temporaneo dei controlli alle frontiere interne dell'area di libera circolazione, quando queste misure siano state adottate da uno o più Stati membri a causa di una "minaccia grave per l'ordine pubblico o la sicurezza interna". Sei Stati membri dell'Ue (Germania, Austria, Danimarca, Svezia, Francia, Slovenia) e un settimo paese membro dello spazio Schengen ma non dell'Ue, la Norvegia.

La condizione principale affinché questa proroga fino a due anni sia possibile è che la Commissione abbia prima constatato, in uno o più Stati membri e con un rapporto di valutazione specifico, "gravi carenze nello svolgimento dei controlli alle frontiere esterne" che determinino, anche in questo caso, "una minaccia grave per l'ordine pubblico o la sicurezza" in seno allo spazio Schengen. "Gli Stati membri hanno invitato la Commissione europea a preparare le basi giuridiche e pratiche per la continuazione delle misure temporanee introdotte alle frontiere interne, in base all'articolo 26 del Codice di Schengen", ha riferito il ministro olandese dell'Interno, Klaas Dijkhoff, parlando alla stampa al termine della riunione, da lui presieduta.

La valutazione sull'esistenza di eventuali "carenze gravi" nei controlli alle frontiere esterne di Schengen in Grecia è già in corso da parte della Commissione, e dovrebbe essere completata prima dell'inizio di maggio, quando scadranno i sei mesi di durata massima dei controlli temporanei alle frontiere interne dai sette paesi che li hanno reintrodotti finora. Se la Commissione accerterà le "carenze gravi" in Grecia, e se Atene non sarà riuscita nel frattempo a porvi rimedio, l'Esecutivo comunitario potrà presentare una proposta di raccomandazione al Consiglio Ue che solleciti il mantenimento dei controlli temporanei già reintrodotti alle frontiere interne fino a due anni in totale, sommando tre ulteriori proroghe di sei mesi. La decisione sulla raccomandazione in Consiglio Ue può essere presa a maggioranza qualificata.

Va sottolineato che non si tratta, come certe semplificazioni di stampa hanno lasciato intendere nei giorni scorsi, di una "sospensione di Schengen", ma di una misura prevista dalle stesse regole di Schengen (il "codice"), proprio per salvaguardare lo spazio di libera circolazione in caso di crisi ai suoi confini esterni, attivando temporaneamente una sorta di "seconda linea" solo ad alcune delle frontiere interne.

Il ministro dell'Interno Alfano guarda il bicchiere mezzo pieno: "Schengen è salva. Per ora. Abbiamo poche settimane per evitare che si dissolva tra gli egoismi nazionali". Con l'inizio della primavera, scrive oggi la Stampa, potrebbero rivedersi masse di profughi alle porte dell’Europa. E se la sospensione per 2 anni chiesta dai Sei sembra una catastrofe, ancora peggio potrebbe essere se altri chiudessero la rotta balcanica. Il rischio è che da Grecia e Croazia centinaia di migliaia di migranti potrebbero riversarsi verso i porti di Ancona e Bari. A quel punto dovremmo prepararci ad accogliere 200 o 300 o 400 mila persone.  

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • Che si chiuda anche la rotta italica. Tornassero a combattere per la loro patria , per la loro terra , per le loro famiglie. Facile scappare....voltagabbana

    • ...e se proprio vogliono restare, che almeno presentassero il certifi.cato di battesimo!

  • Avatar di Axl
    Axl

    si aspetta che si mobilitano altri stati, qui e' fatto tutto apposta far riversare (e tenere) tutto all'italia e alla grecia, paesi con coste che non si vogliono difendere. purtroppo non contiamo nulla

  • Ma capite cosa signi@#?*%$ l'arrivo di altri 400 mila migranti?? Più disagio, più spese, più pensieri e preoccupazioni, più soldi da scippare all'europa, ma soprattutto la possibilità di distogliere l'attenzione da questo governo illeggittimo.

  • è un problema mondiale...ripeto mondiale e devono essere coinvolti tutti dagli stati uniti, alla russia, la cina, i paesi del golfo, troppo comodo combinare i casini ( vedi gli idioti bush sr e jr, blair e il nano marito della bruni)

  • che mondo di @#?*%$........... il genere umano dovrebbe scomparire e lasciare il pianeta agli animali........

    • Il mondo è già in mano agli animali...vedasi commenti di questo articolo.

  • secondo me, dobbiamo adeguarci come Ungheria e Slovacchia, ed anche alla svelta, frontiere controllate e rete tirata subito con Austria e Slovenia, ma SUBITO!

  • Vedo molto dura la situazione. Con la sospensione di Scheghen e il governo Renzi poco interessata a gestire la situazione realmente, qui da noi arriveranno tantissimi immigrati illegali nei prossimi mesi e finché c'è un attacco terroristico, nulla cambierà. Ci sono già troppi immigrati maschi e giovani in città da noi a Trieste. Cosa cavolo faranno? Non c'è futuro per i nostri giovani, cosa pensiamo di fare con questi che non parlano la lingua e hanno nessun possibilità di integrarsi? Follia totale.

Notizie di oggi

  • Politica

    Referendum, Renzi si dimette: "Il no ha vinto, andiamo via senza rimorsi"

  • Politica

    Referendum 4 dicembre, i risultati: exit poll e dati reali. Aggiornamenti in diretta

  • Politica

    Referendum, accuse incrociate tra Sì e No: "Violato il silenzio elettorale"

  • Mondo

    Austria, il verde Van der Bellen è il nuovo presidente: sconfitta l'estrema destra

I più letti della settimana

  • Referendum 4 dicembre, si vota: notizie e aggiornamenti in diretta

  • "Bocelli vota Sì: si fida ciecamente?": la gaffe del 'cantante militante' grillino

  • Referendum, il 4 dicembre si vota la riforma della Costituzione: la guida

  • Referendum 4 dicembre: i dati sull'affluenza aggiornati alle 19

  • L'incognita affluenza sul referendum: notizie e aggiornamenti in diretta

  • Referendum, che cosa cambia se vince il "Sì" e cosa succede se vince il "No"

Torna su
Today è in caricamento