Tanti fedelissimi e pochi "regali": ecco i ministri di Matteo Renzi

Gli uomini più fidati al posto giusto: Renzi ha già pronta la squadra di governo. Al Lavoro Marianna Madia, alle Riforme la Boschi. Alfano "salva" soltanto Lupi e Lorenzin

ROMA - Il grosso è fatto: il governo è praticamente di Matteo Renzi. La direzione nazionale del Pd di oggi lo ha sancito a chiare lettere. I ringraziamenti - di Matteo all'amico-nemico Enrico - sono arrivati. Le proposte per il futuro anche: "Ora serve una nuova fase per uscire dalla palude. Un impegno per un governo costituente da qui al 2018" ha chiuso il segretario Pd chiedendo di fatto un'investitura alla direzione Pd riunita al Nazareno. Il sindaco di Firenze avrà così finalmente la possibilità di "Fare" e "Cambiare verso", due cose che gli stanno molto a cuore. Ma con chi lo farà? Pochi i ministri che saranno riconfermati al loro posto, l'unica sicura sembra la Bonino agli Esteri. Tanti i volti nuovi, i "non politici" di professione. Tantissimi i fedelissimi di cui Renzi si circonderà perché "uscire dalla palude" senza tanti amici intorno potrebbe essere impresa davvero impossibile. 

INTERNO - Fra ministri che cambieranno poltrone e altri che "scompariranno" l'enorme domino di palazzo Chigi è più ingarbugliato che mai. All'interno, ora occupato da Angelino Alfano - il cui ruolo è tutto da decifrare - potrebbe andare Graziano Delrio, 53 anni e attuale ministro per gli Affari regionali con delega allo sport. 

ECONOMIA - A via XX settembre l'avvicendamento è scontato. Renzi e l'attuale ministro al Mef, Fabrizio Saccomanni, non si amano e il segretario Pd non ha mai risparmiato bordate al collega. Tanti i nomi in corsa per il dicastero dell'Economia: da Andrea Guerra, il 49enne patron di Luxottica, a Lorenzo Bini Smaghi, membro del comitato esecutivo della Bce, passando per Padoan, neo presidente Istat, Fabrizio Barca, già ministro per la coesione territoriale con Monti, e Lucrezia Reichlin, candidata a vice governatore della banca d'Inghilterra e una delle favorite. 

LAVORO - Per Giovannini, come per Saccomanni, poche le possibilità di conferma. Molto probabile, infatti, che Renzi affidi uno dei dicasteri a cui "tiene" di più - "Jobs Act" docet - a uno dei suoi fedelissimi. Lottano per la poltrona al ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Tito Boeri, già consulente Ocse e del Fondo monetario internazionale; Marianna Madia, la responsabile lavoro della segreteria nazionale del Pd; Debora Serracchiani, attuale governatrice del Friuli; e Guglielmo Epifani, ex segretario del Pd e della Cgil. 

RIFORME - Sempre più probabile la bocciatura dell'alfaniano Gaetano Quagliariello. Al suo posto in rampa di lancia Maria Elena Boschi, renziana di ferro e responsabile riforme della direzione Pd. 

ESTERI E CULTURA - Quello degli esteri, uno dei ministeri che non dovrebbero essere toccati dalla rivoluzione di Renzi: sembra non traballare infatti la poltrona di Emma Bonino. Alla Cultura, invece, si annunciano novità. Fuori Massimo Bray, dentro uno fra Alessandro Barrico, Matteo Orfini e l'ex nemico per la segreteria Gianni Cuperlo. 

DIFESA E GIUSTIZIA - Praticamente scontato l'addio ad Anna Maria Cancellieri, attuale ministro della Giustizia, che dovrebbe essere sostituita da Michele Vietti, vicepresidente del Consiglio superiore della Magistratura. Turnover anche alla difesa dove Mario Mauro rischia di dovere cedere il passo alla sua attuale sottosegretaria Roberta Pinotti. In alternativa pronta Federica Mogherina, responsabile europea della segreteria Pd. 

GLI ALTRI MINISTERI - Per l'Agricoltura, posto vacante dopo le dimissioni di Nunzia De Girolamo, è pronto Oscar Farinetti, fondatore di Eataly. Come ministro alle sviluppo economico si fa sempre più forte la candidatura di Maurizio Martina, attuale sottosegretario alle politiche agricole. Per i rapporti col parlamento via Dario Franceschini - possibile prossimo Presidente della Camera con Boldrini nel governo - e dentro Roberto Giachetti. Conferme invece all'Ambiente con Andrea Orlando, alla Sanità, dove resiste Beatrice Lorenzin, e alle Infrastruttura dove Maurizio Lupi dovrebbe spuntarla sul sindaco di Bari, Michele Emiliano. 

Il pullman è pieno e pronto a partire: Palazzo Chigi aspetta. 

Guarda anche

Renzi, le prime parole dopo la vittoria: "Ora serve umiltà e responsabilità"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Le primarie sono l'alternativa al populismo" ha detto Matteo Renzi intervenendo al Nazareno e richiamando tutti a "umiltà e responsabilità. Le primarie hanno chiuso un percorso fatto di tanti litigi"

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di willi
    willi

    il terzo colpo di mano , fatto da chi esegue gli ordini della Merkel , e poi c'è ancora qualcuno che si lascia abbindolare da quattro personaggi svelti di lingua e bravi a presentarsi , che usa la bicic...letta per emergere dal traffico , pronto a battute , ma al lato pratico , almeno per il momento , non ha mostrato nulla di differente da quelli che lo hanno preceduto , cominciando con lo smentire le sue parole che tanto avevano illuso le persone già sfiduciate da personaggi che si autoproclamano da generazioni ,mantenendo la gestione del paese impossibile e la camera/senato una succursale del più vetusto gerontocomio ingordo, burocratico e insensibile alle necessità del paese ....

  • gli elettori del PD ci sono cascati per bene :-) si sono lasciati incantare dalla sua parlantina quando fa discorsi con le maniche di camicia fatte su.. Intanto, nei fatti, fa larghe intese con Berlusca e vuole Prodi come capo dello stato!! complimenti a chi l'ha votato, che bella frittata!!!! ora almeno l'avete capito......

  • .....ha truffato i due milioni di lettori PD CHE L'HANNO VOTATO dovrebbe essere sfiduciato da questi,truffatore e bugiardo!

  • E' UN BUGIARDO r dai bugiardi non ce da aspettarsi nulla di buono,mai al governo senza passaggio elettorale azz,mai due poltrone azz,mai con berlusconi azz sta con il delfino curioso alfano azz ci mancava il bischero fonzie italiano!

  • e .... Dalema dove ??? Renzi senza il leader maxximo non andrai da nessuna parte ...tempo tre mesi..e tutti a casa

  • ha dimenticato Capezzone..

Notizie di oggi

  • Politica

    Reato di tortura, molto rumore per nulla: "Perché è una legge pessima e impresentabile"

  • Politica

    Quando la tortura è reato, una legge che l'Italia aspetta da 28 anni

  • Mondo

    Sergio Zanotti, nuovo video dell'imprenditore italiano rapito in Siria

  • Mondo

    Filippine, gruppo filo-Isis irrompe in chiesa e prende in ostaggio sacerdote e fedeli

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali 2017: dove e quando si vota, tutte le informazioni

  • Alfano denuncia autori e conduttori di Gazebo: "Diffamato per tre anni con i soldi pubblici"

  • Elezioni comunali 2017 a Genova

  • Elezioni comunali 2017 a Palermo

  • Ivan Scalfarotto si è sposato a Milano: prima unione civile di un membro del governo

  • Elezioni comunali 2017 a Padova

Torna su
Today è in caricamento