Minniti difende il corridoio umanitario con la Libia: "Guardia alta senza militarizzare l'Italia"

"Se avessimo aspettato che l'Europa trovasse una soluzione per l'immigrazione avrebbero prevalso i populisti". Lo dice il ministro degli interni che rivendica l'impegno italiano contro il terrorismo e l'iniziativa militare in Niger

"Coloro che scappano dalla guerra non arriveranno con i gommoni degli scafisti, ma con gli aerei degli Stati democratici in cooperazione con le organizzazioni umanitarie. Aver aperto per la prima volta un corridoio umanitario tra la Libia e l'Italia costituisce un gigantesco passo in avanti". Così il ministro dell'Interno Marco Minniti al Corriere della Sera.

"Se avessimo aspettato l'Europa, come chiedeva qualcuno, non avremmo avuto alcun risultato concreto e avremmo ceduto ai populisti. Vorrei ricordare il clima di quest`estate: l`Austria minacciava di schierare i carri armati e bloccare la frontiera del Brennero con danni gravissimi per la nostra economia".

In merito alla diminuzione degli sbarchi, "non sono soddisfatto, fino a che ci sarà anche una sola vittima noi continueremo a lavorare, però rivendico che nessuno prima di noi era riuscito a raggiungere un simile risultato", afferma il titolare del Viminale.

"E quando dico noi penso al nostro Paese. È una vittoria dell`Italia che ormai tutti ci riconoscono. Siamo riusciti a governare i flussi perché siamo stati i primi a credere che un accordo con la Libia rappresentasse una svolta. E abbiamo avuto ragione. Quando abbiamo firmato l`accordo con Sarraj ci hanno accusato di essere scesi a patti con un signor nessuno".

Lotta al terrorismo: 105 espulsioni nel 2017

Nel 2017 sono stati espulse dall'Italia per motivi di sicurezza 105 persone, tra cui cinque imam, con un aumento del 62% rispetto al 2016 quando le espulsioni erano state 66. Lo ha reso noto il ministero dell'Interno. In aumento anche il numero di estremisti arrestati per motivi religiosi (36 contro 33) e dei foreign fighters monitorati (129 rispetto a 116 dell'anno precedente, +11%). Dei combattenti jihadisti monitorati, 42 sono deceduti e 24 sono rientrati in Europa.

Minniti rivendica l'impengo nella lotta al terrorismo: "Noi teniamo la guardia alta e lavoriamo per un controllo straordinario del territorio senza militarizzazione, garantendo la vivibilità dei luoghi".

"L`Italia non può permettersi di abdicare alla sua caratteristica di valorizzazione del proprio patrimonio. Quest`anno abbiamo avuto un boom di presenze e contiamo nel 2018 di avere risultati ancora migliori. Non sottovalutiamo alcun rischio". 

Per Minniti inoltre è prioritaria missione militare italiana in Niger. "Ci sono decisioni che devono essere prese tempestivamente e l'invio dei militari in quell'area è prioritario". Il ministro dell'Interno sostiene l'esigenza della nuova missione militare italiana nel cuore dell'Africa, in Niger, per fronteggiare il terrorismo internazionale e la tratta di esseri umani. 

"Pur a Camere sciolte ci sarà un percorso condiviso con il Parlamento. Per noi è strategico contribuire al controllo di quelle frontiere. E poi c'e' un'emergenza legata alla sicurezza. Quell'area puo' diventare il luogo dove ricostruire una base fondamentalista, un passaggio cruciale per i terroristi diretti in Europa"

Guarda anche

Attentato Barcellona, Minniti: "Attenzione altissima, ma livello minaccia non cambia per l'Italia"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Che faccia, ma la vergogna?

  • Possibile che sia veramente convinto di quello che dice,e non si renda conto delle cagate che fanno?"Populisti" uniti,facciamoglielo capire almeno alle elezioni...e se non bastasse passiamo al piano B....

Notizie di oggi

  • Politica

    Accordo Pd-5 Stelle, cosa dicono i numeri

  • Politica

    Di Maio soffoca il dissenso dei 5 stelle e propone al PD di "cancellare" Berlusconi

  • Cronaca

    Terrorismo, arrestato migrante a Napoli: "Dovevo lanciarmi con l'auto sulla folla"

  • Citta

    Orrore a Vieste, 25enne assassinato sotto casa: torna l'incubo della mafia del Gargano

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2018, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Bollo auto, c'è la svolta: esenzione per tre anni (ma non per tutti)

  • "Cerchiamo personale, si arriva a 1800 euro di stipendio: non troviamo nessuno"

  • Lotto, puntata folle (da 50 euro): giocatore fa terno e sbanca

  • In pensione a 61 anni e 7 mesi, il tempo sta per scadere: chi ha diritto al beneficio

  • Amici, Heather Parisi: "Qualcuno fermi questo gioco al massacro prima della tragedia"

Torna su
Today è in caricamento