Prescrizione, Italia Viva vota con le opposizioni per cancellare la "Bonafede"

La proposta di legge presentata dal deputato di Forza Italia Enrico Costa - su cui oggi la commissione giustizia ha emesso parere negativo - approderà all'esame dell'aula della Camera il 27 gennaio

Il senatore Matteo Renzi, in Aula del Senato

La commissione Giustizia della Camera ha approvato l'emendamento presentato dal Movimento 5 stelle che vuole sopprimere la proposta di legge a prima firma Enrico Costa in merito alla prescrizione dei processi.

L’emendamento M5s è passato per un voto, 23 sì contro 22 no: decisivo il voto espresso dalla presidente Businarolo. Una sostanziale parità nel voto in commissione dovuta anche alla scelta di Italia Viva che - in contrasto con gli alleati di governo Pd e Leu - ha confermato di contro il proprio appoggio alla proposta di legge presentata dal deputato di Forza Italia, trovandosi così a votare con le opposizioni (Forza Italia, Lega, Fdl).

Prescrizione, la proposta di legge di Enrico Costa (Fi)

La proposta di legge presentata dal deputato di Forza Italia Enrico Costa - su cui oggi la commissione giustizia ha emesso parere negativo - approderà all'esame dell'aula della Camera il 27 gennaio come ha stabilito oggi la conferenza dei capigruppo di Montecitorio.

La Pdl mira a sopprimere le modifiche in materia di prescrizione del reato introdotte dalla riforma del ministro Alfonso Bonafede e in particolare dalla legge n. 3 del 9 gennaio 2019 che sospende il corso della prescrizione dalla data di pronuncia della sentenza di primo grado. Norma che - secondo i firmatari della proposta di legge Costa - abolendo la prescrizione dopo una sentenza di primo grado comporta un allungamento della durata dei processi.

Prescrizione, ultime notizie

Non sono mancate le polemiche piovute in particolare sulla presidente della commissione giustizia Francesca Businarolo (M5S), che a dispetto dell'uso, ha espresso il proprio voto portando alla bocciatura della proposta Costa.

È stato lo stesso responsabile della giustizia di Forza Italia a rilanciare la sfida: "Vedremo come finirà il 27 gennaio quando la mia proposta approderà in aula".

"Per noi è comunque un risultato politico significativo sia perché abbiamo evidenziato il tema, sia le divisioni nella maggioranza".

La riforma Bonafede che cosa prevede

Dal 1 gennaio 2020 è diventata legge la cosiddetta Riforma Bonafede che - inserita nella cosiddetta legge “spazzacorrotti” e approvata durante il precedente governo Lega-M5s - ha modificato le norme in merito alla prescrizione dei processi. La legge numero 3 del 8 gennaio 2019 ha infatti introdotto anche per l’ordinamento penale lo stop alla decorrenza dei termini. La novità di maggiore rilievo riguarda l’interruzione dei termini di prescrizione dopo la sentenza di primo grado, sia in caso di assoluzione che di condanna.

La riforma che ha prima fatto litigare M5s e Lega e ora M5s e Italia Viva, vede distanti avvocati penalisti e magistrati: i primi hanno fortemente criticato la norma e parlano di “processi interminabili”, mentre l’Associazione nazionale magistrati è più favorevole alla nuova legge.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • Il marito di Mara Venier dopo le accuse: "Il successo dà fastidio, prenderemo decisioni"

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 22 febbraio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 25 febbraio 2020

  • Patrizia Mirigliani: "Ho denunciato mio figlio, non avevo scelta"

Torna su
Today è in caricamento