Primarie Pd: ecco chi sono i candidati a guidare il Partito Democratico

Domenica 3 marzo gli elettori del Pd sono chiamati a votare i candidati a nuovo segretario del Partito Democratico. I profili del favorito Nicola Zingaretti, il laburista Cesare Damiano, il "pentastellato dialogante" Francesco Boccia e l'outsider Dario Corallo "neo rottamatore". In corsa anche l'ex ministro Marco Minniti e il segretario uscente Maurizio Martina

Il segretario reggente del Pd Maurizio Martina

Domenica 3 marzo 2019 gli elettori del Partito Democratico andranno alle urne per eleggere il nuovo segretario. Lo ha deciso la direzione del Partito Democratico che ha approvato il regolamento della consultazione.

Le primarie del Pd si arricchiscono di altri nomi e di altre proposte in vista di un Congresso che inizierà il 2 febbraio. Dopo la candidatura di Nicola Zingaretti, sono arrivate quelle di Cesare Damiano e Francesco Boccia, ma anche quella di un outsider, l'esponente dei giovani democratici Dario Corallo che si presenta come un nuovo 'rottamatore'Matteo Richetti, inizialmente in corsa per la segreteria, ha rinunciato per appoggiare la candidatura di Maurizio Martina. 

Dopo le iniziali resistenze, sono scesi in campo anche Marco Minniti (salvo poi ritirare la candidatura dopo il mancato appoggio di Matteo Renzi) e il segretario uscente Maurizio Martina. A 24 ore dalla chiusura della raccolta firme per il congresso è arrivata a sorpresa anche la candidatura in ticket di Roberto Giachetti e Anna Ascani

Congresso Pd febbraio 2019

Secondo l’art.9 dello Statuto del Pd il congresso del Partito Democratico si articola in due fasi: prima la Convenzione in cui votano gli iscritti del partito e poi le primarie. Ma la road map viene disciplinata da un regolamento che di volta in volta deve essere approvato dalla direzione nazionale con il voto favorevole della maggioranza assoluta dei suoi componenti.

Primarie Pd il 3 marzo 2019

Secondo lo Statuto del Pd (art.5), il Congresso e le primarie si svolgono ogni quattro anni, e il prossimo congresso del Partito Democratico inizierà il 2 febbraio 2019 come deciso dalla direzione del Partito democratico. In leggero ritardo visto che il precedente ha avuto luogo tra settembre e dicembre 2013, ma i dem scontano le tensioni della dirigenza nel "dopo Renzi". 

Sondaggi, le ultime notizie

Per essere ammesse alla prima fase del procedimento elettorale, le candidature a Segretario devono essere sottoscritte da almeno il 10% dei componenti dell’Assemblea nazionale uscente o da un numero di iscritti compreso tra i 1500 e duemila, distribuiti in non meno di cinque regioni. Risultano ammessi all’elezione del Segretario nazionale i tre candidati che abbiano ottenuto il consenso del maggior numero di iscritti purché abbiano ottenuto almeno il 5% dei voti e, in ogni caso, quelli che abbiano ottenuto almeno il 15% dei voti in almeno cinque regioni o province autonome. Alle ultime primarie votarono i tesserati e gli elettori che si dichiarano di riconoscere nella proposta politica del Pd e danno un contributo di 2 euro.

Le "truppe" si schierano: la maggioranza dei parlamentari con Minniti 

Tuttavia ancora il congresso non ha una data certa e c'è chi teme una resa dei conti tra le correnti possa arrivare addirittura dopo le elezioni europee di maggio 2019

Intanto l’imminente sfida per la poltrona da segretario non sembra appassionare gli italiani. Appena il 9% degli intervistati in un sondaggio di Demopolis sostiene di seguire il dibattito con interesse; uno su quattro ammette di informarsi, ma superficialmente. Il 66% non se ne interessa per nulla. Il dato, ovviamente, migliora analizzando il campione di chi vota il Partito Democratico: seguono con interesse il confronto 4 elettori su 10 del PD, più superficialmente il 43%.

Chi vince le primarie Pd

Secondo gli ultimi sondaggi la partita per la Segreteria dem vedrebbe il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, con un consenso tra il 39 ed il 33%, in vantaggio di circa 3 punti su Minniti, attestato tra il 36 ed il 30%. Gli altri candidati – Boccia, Richetti, Corallo e Damiano – sono tutti sotto la soglia del 10%.

I candidati alle primarie del Partito Democratico

Ma chi sono dunque i candidati alle primarie del Partito Democratico in vista del congresso di gennaio? Vediamo insieme i profili di Francesco Boccia, dell'esordiente Dario Corallo proveniente dei Giovani Democratici, del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e del laburista Cesare Damiano. Ci sono anche il segretario uscente Maurizio Martina e la candidatura in ticket di Giachetti-Ascani.

Chi è Francesco Boccia candidato alle primarie Pd

francesco boccia-2

Francesco Boccia durante l'assemblea nazionale del Partito Democratico, Roma 07 Luglio 2018 ANSA / LUIGI MISTRULLI

Francesco Boccia, 50 anni, pugliese, deputato dal 2008, si candida a 'coprire' l'area di quelli che nel Pd non vedono i 5 Stelle come il male assoluto: "Con M5S non è uno scandalo dialogare su alcune misure", ha detto l'esponente Pd vicino a Michele Emiliano che precisa: "Io non sono il candidato di nessuno". Boccia è uno dei più furenti detrattori della segreteria di Matteo Renzi: "La rottamazione ha fallito clamorosamente - spiega l'esponente della minoranza Dem - è stato un disastro culturale e politico".

Boccia è noto in particolare per la sua battaglia a favore della “web tax”, un’imposta che vorrebbe obbligare le grandi società di internet a pagare in Italia una parte maggiore dei loro guadagni, e per la sua avversione ai progetti dell’ex ministro Carlo Calenda sull’ILVA. Proviene dalla Margherita ed è stato a lungo uno dei più fedeli parlamentari di Enrico Letta.

Chi è Diego Corallo candidato alle primarie Pd

dario corallo-2

Alla rottamazione si richiama la candidatura del giovane Diego Corallo che nei toni torna a chiedere un azzeramento della nomenclatura del Pd. Romano, figlio di un cronista parlamentare, iscritto ai Giovani Democratici, Corallo ha lavorato per un paio d'anni nell'ufficio stampa di Martina quando era ministro delle Politiche Agricole.

"Prima di qualsiasi proposta e di qualsiasi slancio occorre dirci con chiarezza che è necessario un azzeramento di ciò che il Pd è stato fino a oggi".

Chi è Nicola Zingaretti candidato alle primarie Pd

martina zingaretti-2

Nicola Zingarettì e Maurizio Martina in una foto di febbraio 2018. ANSA/ANGELO CARCONI

Nicola Zingaretti primo a candidarsi a nuovo segretario Pd è anche l'esponente favorito nelle corsa alle primarie dem. "Il mio obiettivo -ha detto il presidente della regione Lazio - è richiamare un elettorato che non è andato solo ai 5 Stelle".

"Il mio obiettivo è innanzitutto parlare a una nuova generazione che ha creduto nell'istanza di innovazione, anche contenuta in questi movimenti, ma che in realtà ha ricevuto una delle più drammatiche pugnalate alle spalle della storia della repubblica".

Governatore del Lazio per due mandati, Nicola Zingaretti, 52 anni, può vantare la maggiore esperienza in campo amministrativo dopo essere stato anche presidente della provincia di Roma. Non è particolarmente noto fuori dal Lazio – almeno non come il fratello Luca, attore popolarissimo e volto del commissario Montalbano – Nicola Zingaretti proviene dalla sinistra del partito, è un ex dirigente dei Democratici di Sinistra (DS) ed è sostenuto dalla vecchia minoranza del partito, l’area oggi guidata da Andrea Orlando di cui un tempo faceva parte anche Pier Luigi Bersani. Le sue posizioni non radicali gli consentono l’appoggio anche della parte più moderata e centrista del partito che fa riferimento a Dario Franceschini e Paolo Gentiloni.

Chi è Cesare Damiano candidato alle primarie Pd

cesare damiano-2

Cesare Damiano alla direzione del Pd, Roma, 23 luglio 2018. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Cesare Damiano è l'esponente più di sinistra tra i candidati alla segreteria del Partito Democratico. Ex DS ed ex ministro del Lavoro nel secondo governo Prodi, il "laburista dem" ha 70 anni ed è stato a lungo dirigente sindacale della FIOM e della CGIL. Molto critico nei confronti della segreteria di Matteo Renzi e ha chiesto spesso l’abolizione del Jobs Act e una diminuzione dell’età pensionabile introdotta dalla legge Fornero.

"Sono pronto a ritirarmi nel caso in cui Zingaretti prenda forti impegni di discontinuità con il passato più liberale del partito".

Chi è Marco Minniti candidato alle primarie Pd

marco minniti ansa-3

Domenico Luca Marco Minniti, reggino classe 1956, figlio di un generale dell'Aeronautica Militare, muove i primi passi in politica nel PCI per poi approdare nei Democratici di Sinistra. È stato ministro dell'interno nel governo Gentiloni, già sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con D'Alema, Letta e Renzi, sottosegretario alla difesa con Amato, vice ministro dell'Interno con Prodi. Vive sotto scorta dal 1997 per via delle minacce della 'Ndrangheta.

Minniti ha voluto precisare di non essere il candidato renziano e, parlando degli oltre 550 sindaci che hanno firmato un appello per sostenere la sua candidatura chiedendo "una guida forte e autorevole", ha spiegato che in questi anni il Pd ha sbagliato a non rispondere a due grandi sentimenti: la rabbia e la paura. 

Marco Minniti ha sciolto la riserva all'indomani dell'avvio della fase congressuale del Partito democratico iniziata con l'Assemblea nazionale.

Chi è Maurizio Martina candidato alle primarie Pd

maurizio martina-2

Maurizio Martina, 40enne bergamasco, ha avuto il compito di traghettare il Partito Democratico dopo le dimissioni da segretario di Matteo Renzi dal 7 luglio al 17 novembre 2018. Perito agrario è stato Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali nei Governi Renzi e Gentiloni. Politicamente cresciuto nella sinistra giovanile e nei Ds è stato Consigliere della Regione Lombardia, oggi deputato, è uno dei promotori della nascita della nuova corrente all'interno del PD Sinistra è cambiamento.

Martina si è candidato a guidare il Partito Democratico con l'idea di accontonare la stagione renziana rispolverando un vecchio mantra della sinistra: la necessità di un partito unito e plurale. Lo slogan scelto? "Fianco a fianco".

"Ci candidiamo, al plurale, con l'idea di portare al Pd persone che hanno voglia di lavorare insieme e pensare al futuro dell'Italia".

Candidatura in ticket per Roberto Giachetti e Anna Ascani 

(Per loro è corsa contro il tempo per raccogliere le firme)

Chi è Roberto Giachetti

Membro del Partito Democratico e del Partito Radicale Transnazionale, Roberto Giachetti ha una lunga storia di militanza politica. Romano classe 1961, fino dagli anni '80 ha la tessera del Partito Radicale per poi aderire ai Verdi. Già capo di gabinetto di Francesco Rutelli sindaco di Roma, segue Rutelli nei Democratici e poi nella Margherita con cui viene eletto per la prima volta alla Camera dei Deputati. Viene confermato alle elezioni politiche del 2006 nelle liste dell'Ulivo e alle elezioni politiche del 2008 nelle liste del Partito Democratico dove entra come sostenitore di Walter Veltroni. Nel 2016 ha perso al ballottaggio la sfida con Virginia Raggi per l'elezione a sindaco di Roma. 

Chi è Anna Ascani

Umbra classe 1987, Anna Ascani, è stata eletta deputata dopo essersi presentata come capolista in Umbria per il Partito Democratico alle ultime elezioni politiche, è dal 2017 responsabile del Dipartimento Cultura del PD, nel 2016 è stata indicata da Forbes tra i trenta personaggi under 30 più influenti della politica europea

E Matteo Renzi?

L'ex segretario ed ex premier Matteo Renzi si tiene lontano dal dibattito sulle Primarie e sul Congresso del Partito Democratico. Da più parti si fanno insistenti le voci che danno il senatore di Rignano pronto a lanciare un nuovo partito "libdem" sull'onda dei movimenti civici creati dopo l'ultima Leopolda.

In un mese i comitati "Ritorno al futuro" hanno raggiunto oltre 3000 iscritti suddivisi in 400 realtà territoriali: a marzo terranno il primo evento nazionale, forse troppo tardi per le europee, ma con un tempismo perfetto per oscurare le primarie del Pd.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (11)

  • Io tifo per Martina!!!!

  • ahahahah, che nomi sono? Cos'e' Zelig?

  • Non e meglio che guidi una Mini Car? Si quelle macchinette senza patente. Ma al circuito!

  • Posto che chiunque (non all'interno del PD - nel mondo), sarebbe più dignitoso di Martina, potete così scegliere dovoe collocarvi: Boccia se volete stare al centro, Damiano se volete tornare ad essere una "sinistra". Eleggere uno degli altri... tanto vale che lasciate Martina; se siete in cerca di qualche miglioramento è sufficiente che cambiate gli autori che gli scrivono i testi...

  • P D .. Partito Divertente .. Ma si dai, qualcuno che vi da ancora quache voto lo trovate.. Pero' Martina lasciatelo parlare.. ed anche Renzi.. che non spariscano dallo schermo, mi piace sentire i loro interventi puntualmente fuoriluogo e assistere alle loro figure di M***A immancabili :-)

    • Tra loro - PD - e tu capo partito del Partito delle Lagne ( da tastiera e italiano a convenienza )....Anche le figure di Toninelli,...

      • eh?

        • eh?

        • Eh?

        • eh?

  • Ah, perche' Martina guida il partito? Non me ne ero accorto.Io vedo che si occupa solo di fare figure di @#?*%$ ogni volta che apre bocca.Mi sembra che viva su un pianeta di figure di @#?*%$.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Mercatini nel mirino del terrorismo: Strasburgo è l'ultima della serie

  • Mondo

    Attentato a Strasburgo, l'italiano ferito è Antonio Megalizzi: "E' in coma"

  • Politica

    Berlusconi prova a spaccare il governo: "Dialogo con senatori M5s"

  • Economia

    Manovra, l'Italia taglia il deficit per scongiurare la procedura di infrazione

I più letti della settimana

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 6 dicembre

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di lunedì 10 dicembre

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 11 dicembre 2018

  • Tassa sulle auto, beffa in arrivo: il paradosso della nuova legge

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto posticipate

  • Canone Rai 2019: chi ha un pc non deve pagare, ma attenzione alle date

Torna su
Today è in caricamento