Reddito di cittadinanza, doccia fredda per il M5s

Dai sondaggi primo campanello d'allarme per Di Maio: secondo Euromedia il 61,5% degli italiani non ritiene che il sussidio di 780 euro farà bene alla crescita. E lo confermano anche le intenzioni di voto. L'atteso recupero sul Carroccio non c'è stato: se i 5 Stelle sono stabili la Lega continua a volare

Luigi Di Maio e Matteo Salvini

Primo campanello d’allarme dai sondaggi per il Movimento 5 Stelle. Benché i consensi in termini di voti siano secondo gli istituti di ricerca grossomodo stabili, sulle misure contenute nel Def qualche scetticismo tra gli italiani traspare. E stando ad una rilevazione di Euromedia per Porta a Porta è proprio il reddito di cittadinanza il provvedimento che desta più preoccupazione tra gli italiani.

La domanda che i sondaggisti hanno posto agli interpellati è la seguente: "Lei crede che il reddito di cittadinanza potrà aumentare l’occupazione, i posti di lavoro e rilanciare i consumi?". Le risposte non sono quelle che il M5s si aspettava: solo il 30,4% degli intervistati nutre infatti fiducia nella capacità del reddito minimo di far ripartire la crescita, mentre il 60% degli italiani la ritiene una misura poco o per nulla utile. Insomma, se non è una Caporetto poco ci manca.

Ecco nel dettaglio i risultati del sondaggio: 

Lei crede che il reddito di cittadinanza potrà aumentare l’occupazione, i posti di lavoro e rilanciare i consumi? Risposta:

Molto 9,1

Abbastanza 21,3

TOTALE POSITIVI 30,4

Poco 30,6

Per nulla 30,9

TOTALE NEGATIVI 61,5

Non sa/Non risponde 8,1

REDDITO DI CITTADINANZA-5

Diverso il discorso per la Flat tax che un po’ a sorpresa viene ritenuta una misura tutto sommato positiva dalla maggior parte degli intervistati:

Domanda. Flat tax: Lei quanto condivide una tassazione ridotta per lavoratori autonomi e partite IVA?

Risposta:

Molto 22,9

Abbastanza 33,8

TOTALE POSITIVI 56,7

Poco 19,1

Per nulla 14,9

TOTALE NEGATIVI 34,0

Non sa/Non risponde 9,3

Più in generale gli italiani sembrano abbastanza preoccupati dalla legge di bilancio che il governo si appresta a varare. Se infatti il consenso di Lega e M5s veleggia attorno al 60%, per quanto riguarda la Manovra le percentuali sono molto diverse: il 44,1% degli intervistati si dice infatti preoccupato e ritiene che il governo avrebbe dovuto essere più prudente, mentre il 43,4% pensa che sia stato giusto sforare gli obiettivi di deficit. Secondo Tecné invece i giudizi positivi (42%) prevalgono su quelli negativi (36%).

sondaggio tecne-2

Sondaggi, le intenzioni di voto: la Lega vola, stabile il M5s

Insomma, stando a queste rilevazioni Salvini batte ancora una volta Di Maio, se ci passate l’espressione. In termini di consensi, tuttavia, i due partiti di governo continuano ad andare forte. Secondo la media calcolata da YouTrend partendo dai dati di sette istituti di ricerca (EMG, Euromedia, Ixè, Noto, Piepoli, SWG, Tecnè), la Lega continua a crescere e guadagna addirittura lo 0,7% rispetto a due settimane fa. Il M5s perde invece lo 0,1% e si attesta al 28,5%, ormai distanziato di più di tre punti.

Per Di Maio non è certo una buona notizia: in molti infatti scommettevano che con le prime scadenze relative ai temi economici, i 5 Stelle avrebbero riconquistato visibilità e consensi a spese del Carroccio. Il pressing del Movimento per ottenere reddito di cittadinanza e pensioni di cittadinanza almeno per il momento non ha dato i frutti sperati. Quanto agli altri partiti non ci sono da registrare particolari variazioni: il Pd continua ad andare male e si attesta al 16,3% (-0,1 rispetto a due settimane fa), seguito da Fi all’8,9% e da Fratelli d’Italia al 3,4. 

Reddito di cittadinanza, ci sono due "brutte" notizie per chi ha diritto all'assegno 

Reddito di cittadinanza, assegni anche di duemila euro a famiglia: gli importi

Guarda anche

"Il presidente Ping": la gaffe di Di Maio in Cina

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • La mia opinione personale (che ovviamente non conta nulla) é che questa legge finanziaria non contenesse misure realmente ef@#?*%$ci per un rilancio dell'economia; ma questa, comunque, era il passo iniziale di un percorso a medio/lungo termine, che è stato stroncato. Ed anche l'attuale legge di bilancio, che sono stati costretti a rivedere, non è più quella di prima. Pertanto, se il piano di questo governo avrebbe funzionato in realtà non lo sapremo mai; restano solo le opinioni personali. Quello che sappiamo con certezza è che coloro che boicottavano questo governo ed i Cinquestelle in particolare, hanno raggiunto il loro scopo. E' stata un'azione congiunta di forze nazionali e sovranazionali, ma al momento i Cinquestelle sono perdenti. Va bene "molti nemici molto onore", ma così è "TROPPI nemici, immeritato disonore".

Notizie di oggi

  • Politica

    Legittima difesa, la Lega esulta per il via libera ma sono legittime anche le critiche

  • Economia

    Reddito di cittadinanza e quota 100, è il giorno del "decretone" che dovrebbe fare chiarezza

  • Cronaca

    E45 interrotta per rischio crollo, Anas: "Cantieri avviati, ecco gli itinerari alternativi"

  • Politica

    Battisti, il trofeo esibito: esposto della camera penale contro il ministro Bonafede

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 14 al 20 gennaio 2019

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 15 gennaio 2019

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 10 gennaio 2019

  • Benzina e diesel, ci sono brutte notizie per gli automobilisti: ecco i rincari

  • Fabrizio Corona: "Gli psichiatri mi dissero che Carlos non è un bambino come tutti, andai da Belen"

  • Estrazioni Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di sabato 12 gennaio 2019

Torna su
Today è in caricamento