Renzi rottama i sindacati: "Scandalosi su Pompei e Alitalia"

Il premier a gamba tesa sui sindacati: "Nessuno mette in discussione il diritto all'assemblea sindacale o allo sciopero. Sono diritti sacrosanti. Ma c'è anche bisogno di buon senso e di ragionevolezza"

ROMA - Nuovo attacco del premier all'indirizzo dei sindacati. Prendendo spunto dalla recentissima cronaca fatta anche di scioperi e assemblee improvvise, Matteo Renzi ha definito "scandalose" le iniziative sindacali che in questi giorni hanno bloccato l'ingresso dei visitatori a Pompei e molti voli Alitalia all'aeroporto di Fiumicino. Un'assemblea sindacale convocata a sorpresa ha ritardato di due ore l'ingresso dei turisti nel primo caso - episodi analoghi hanno riguardato il Colosseo e il Museo di Villa Borghese - mentre uno sciopero dei piloti Alitalia ha creato disagi ai passeggeri nel secondo caso.

Ma il presidente del Consiglio ha assicurato: "Continueremo a lavorare... Nonostante loro". Per Renzi "fa male" vedere che "dopo tutto il lavoro fatto per salvare il sito e quindi i posti di lavoro a Pompei, un'assemblea sindacale blocca all'improvviso migliaia di turisti sotto il sole. Oppure vedere che dopo le nottate insonni per coinvolgere Etihad e evitare il fallimento di Alitalia, gli scioperi dei lavoratori di quell'azienda rovinano le vacanze a migliaia di nostri concittadini".

"FARE IL MALE DI POMPEI" - Il premier ha poi chiarito che, "per evitare le polemiche di domani, nessuno mette in discussione il diritto all'assemblea sindacale o allo sciopero. Sono diritti sacrosanti. Ma - ha sottolineato - c'è anche bisogno di buon senso e di ragionevolezza, di responsabilità e di rispetto". Renzi ha sostenuto, riferendosi in particolare al sito archeologico campano, che "in un momento come questo tenere migliaia di turisti venuti da tutto il mondo sotto il sole per un'assemblea sindacale a sorpresa significa volere il male di Pompei. Significa fare il male di Pompei. Io non ce l'ho con i sindacati. Ma se continua così - ha ammonito - dovremo difendere i sindacati da se stessi. L'assemblea di ieri a Pompei, in quelle modalità, in quelle forme, è semplicemente scandalosa. Continueremo a lavorare per Pompei, nonostante loro".

I VETI DEI SINDACATI - "Provo una rabbia incontenibile quando vedo le scene di Pompei", aveva commentato in precedenza Renzi nella rubrica di lettere su L'Unità, dove sempre in tema di rapporti sindacali aveva scritto: "Quando è possibile noi siamo in prima linea al fianco dei sindacati, come ieri con la risoluzione della vicenda Whirlpool. Ma se su alcune cose non siamo d'accordo non lasciamo a loro il diritto di veto. Se siamo convinti, andiamo avanti". E ancora: "Troppo spesso il nostro Paese si è bloccato per colpa dei veti". Secondo il premier, se la riforma del lavoro fosse stata realizzata quando l'hanno fatta Germania e Gran Bretagna, con Schroeder e Blair, "saremmo un Paese molto più competitivo adesso. Invece non è stato possibile e abbiamo dovuto aspettare il nostro governo nel 2015. Ma proprio per questo non abbiamo permesso ai sindacati di bloccare il progetto: era legittimo non pensarla allo stesso modo ma era un dovere per noi decidere e andare avanti".
 

Guarda anche

Renzi silura Bankitalia e Consob: in tour affronta i contestatori delle banche venete

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni, assegno più leggero a gennaio: "Errore dell'Inps, che cosa fare"

  • Oroscopo Paolo Fox, le previsioni della settimana dal 13 al 19 gennaio 2020

  • Aumenti in busta paga da luglio 2020: chi può sorridere

  • Gf Vip, bacio tra Pago e Adriana Volpe. Il marito tuona: "Grande Bordello"

  • Busta paga più ricca da luglio: cambia anche il bonus Renzi, gli 80 euro diventano 100

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

Torna su
Today è in caricamento