Il Movimento 5 stelle ha perso sei milioni di voti (ecco dove sono finiti)

Solo meno della metà di chi aveva votato nel 2018 i 5 stelle ha confermato il proprio consenso. Salvini è riuscito a "fidelizzare" la quasi totalità dei suoi elettori e a sottrarre all'alleato di governo ben un voto su quattro

I risultati delle elezioni, come abbiamo visto, danno un chiaro vincitore: la Lega con Salvini al timone passa dal milione di voti del partito regionalista del 2014 ai 9 milioni di consensi spalmati in tutta Italia. Confermato anche il tend positivo per il Centrodestra: se la Lega ha vinto anche alle elezioni suppletive in Trentino eleggendo a Montecitorio Martina Loss e Mauro Sutto, si conferma l'enplein alle elezioni regionali anche in Piemonte dove Alberto Cirio, eurodeputato uscente di Forza Italia sostenuto da Lega e Fratelli d'Italia vince la sfida al Governatore uscente Sergio Chiamparino.

Il Partito Democratico regge nelle città, e se è impietoso il confronto con gli undici milioni di voti ottenuti nel 2014 sotto la direzione di Matteo Renzi, la neosegreteria conciliante di Nicola Zingaretti riesce a conservare i 6 milioni di voti raccolti nel 2018 aggregando i consensi fuoriusciti a sinistra dopo la scissione di Mdp. Risultato confermato anche dalle affermazioni nelle elezioni comunali: vittorie per il centrosinistra Nardella a Firenze, Giorgio Gori a Bergamo, Decaro a Bari. Il centrodestra conferma Romizi a Perugia.

Fatto salvo lo schiacciamento di un centro liberista, quello di +Europa, che finisce vittima della sua natura ondivaga, lo sconfitto di questa tornata elettorale è senza ombra di dubbio il Movimento 5 stelle di Luigi Di Maio. E se tra i pentastellati è già iniziato il fuoco amico contro il "capopolitico e vicepremier e due volte ministro", fa scalpore l'emorragia di consensi che ha colpito il Movimento che perde anche la guida dei Comuni di Livorno e Civitavecchia.

Se il comportamento dei delusi dal Movimento 5 stelle aveva in passato ampliato il partito dell’astensione, l’avvenimento più rilevante di questa tornata elettorale è il riversamento dei voti pentastellati verso la Lega.

Un anno di governo gialloverde che ricordiamo ha prodotto -tra le altre cose- una stretta sui migranti, la sperimentazione del pensionamento anticipato con quota 100 e l'introduzione del Reddito di Cittadinanza, ha dato l’accesso alla Lega a un enorme bacino di nuovi elettori grazie ad una vera e propria campagna elettorale permanente capace di dettare l’agenda mediatica e di governo.

Risultato elezioni: i flussi di voti

salvini zingaretti di maio ansa-3

Interessante notare i flussi elettorali come evidenziano i primi dati di Youtrend e Swg.

Come rilevato dai sondaggi pubblicati da Youtrend per Skytg24 il Movimento 5 Stelle è arretrato pesantemente perdendo poco meno di 6 milioni di voti.

Se infatti Salvini è riuscito a "fidelizzare" la quasi totalità degli elettori (90%) che gli avevano accordato la fiducia alle ultime elezioni politiche del 4 Marzo 2018, il leader della Lega è riuscito anche a sottrarre all'alleato di governo ben un elettore su quattro: 26,4% degli italiani che avevano votato nel 2018 il Movimento 5 Stelle si è spostato sulle posizioni della Lega.

Non solo: il colpo ferale al Movimento 5 Stelle arriva dalla disaffezione del suo elettorato: solo meno della metà di chi aveva votato nel 2018 i 5 stelle ha confermato il proprio consenso: un elettore su 10 si è spostato sul Partito Democratico, mentre il 17% ha deciso di rimanere a casa.

Ultima nota per Fratelli d'Italia: Giorgia Meloni è stata capace in una tornata elettorale carattarizzata da un elevato astensionismo, di mobilitare i propri elettori e conquistarne anche da Forza Italia. Lo stesso può dirsi del Partito Democratico di Nicola Zingaretti che ha portato alle urne i suoi elettori, conquistato parte dei delusi pentastellati e fagocitato anche i voti degli "esuli" bersaniani di Mdp. 

elezioni flussi voto-2

Da Forza Italia e La Sinistra i risultati più deludenti: se Silvio Berlusconi non è riuscito a mobilitare l'elettorato moderato nonostante una campagna elettorale dal finale mediaticamente eccellente, i leader della "sinistra sinistra" Fratoianni & Ferrero raccolgono, insieme, meno di 30mila preferenze. 

Interessanti anche i dati dell'istituto demoscopico Swg che fotografano anche l'identikit degli elettori.

Dai sondaggi risulta come il bacino elettorale della Lega si sia allargato attingendo ad elettori che nel 2018 avevano votato 5 stelle (17%) o non avevano votato (14%). Salvini pesca anche dal bacino di Forza Italia, molto meno da quello di Giorgia Meloni, quasi o nulla dal Pd. 

Nell'analisi territoriale spiccano il raddoppio dai voti al Centro (exploit in Umbria), e il passaggio dal 6% ad oltre il 20% a Sud e Isole.

voto lega sud-2

Di pari passo alla "discesa al Meridione" della Lega è il 5 stelle a ritirarsi dalle sue roccaforti: pur confermandosi primo partito in Sicilia, Campania, Basilicata e in molte province di Puglia e Calabria, nella circoscrizione Sud il partito di Di Maio perde quasi un milioni e 800 mila voti.E il Pd? L'arroccamento del Partito Democratico spicca nei quartieri centrali della maggiori città d'Italia, ma i "dem" lasciano le periferie alla Lega.

Boom della Lega a Roma: Salvini scippa le periferie a M5s e Pd

Se a livello provinciale il Pd tiene a Firenze e Bologna, il neosegretario Zingaretti vede erodersi una ventina di migliaia di voti in quasi tutte le circoscrizioni, segno positivo solo al Nord Est (+22mila voti) dove Carlo Calenda è capace di realizzare ben 275mila preferenze.

risultati elezioni europee 2019 italia-2

I 'dem' ormai da tempo vedono accrescere il distacco con il mondo operaio dove quasi la metà vota Lega. Professionisti delusi invece dal Movimento 5 stelle, in molti vedono ora nella flat tax della Lega una risposta alla richiesta di una riduzione del peso del cuneo fiscale.

voto operai professionisti-2

Ma il reddito di cittadinanza è stata una cambiale elettorale? Affermazione discutibile visti i risultati. L'operazione sussidio -complici anche gli importi tutt'altro che confacenti alle aspettative - non ha portato voti al Movimento 5 stelle, principale artefice della nuova misura introdotta a Gennaio: anche tra i redditi medio-bassi si assiste al boom della Lega a danno del M5S.

voto poveri-2

Man bassa di voti della Lega anche tra il ceto medio con Forza Italia in calo del 7%: Berlusconi sembra aver perso la sua capacità di calamitare i voti dei moderati.

Un dato chiaro viene anche dal voto dei giovani: il Movimento 5 stelle non piace, mentre cresce l'attrattività della Lega, complice anche la capacità di Salvini di andare a scovare i millennials usando i social network.

Infine la Lega ha ridisegnato anche l'identità del centrodestra inglobando posizioni plurali e meno estreme. Di contro il Pd vira decisamente a sinistra, complice una campagna elettorale militante centrata sui valori dell'antifascimo.

E il Movimento 5 stelle? Svuotato dell'anima di destra ormai fluita nella Lega, il corpo elettorale pentastellato si suddivide sempre più tra il centrosinistra e i "non collocati". Insomma, un partito in cerca d'autore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

eletti Berlusconi e Calenda, fuori i Mussolini: tutti gli altri nomi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus ristrutturazione al 110%, dalle seconde case agli infissi: cosa prevede il decreto

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 26 maggio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Pensioni di giugno, il pagamento arriva in anticipo (ma non per tutti)

  • Ritrovano il figlio rapito 32 anni fa: la gioia incontenibile dei genitori

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 21 maggio 2020

Torna su
Today è in caricamento