Primo scivolone per le Sardine, i fondatori costretti a chiarire: "Mai con CasaPound"

Attivisti in fibrillazione dopo l'apertura della 'sardina romana' Stephen Ogongo ai simpatizzanti del gruppo di estrema destra. I fondatori: "Concetto strumentalizzato, è stata un'ingenuità". Ma CasaPound prende la palla al balzo: "Anche noi in piazza San Giovanni"

Un momento del flash-mob delle Sardine in Piazza Vittoria a Brescia, 07 dicembre 2019. ANSA / Filippo Venezia

Nessuna apertura a Casa Pound. "Le sardine sono antifasciste. Ogongo ha commesso un’ingenuità", ma il "concetto di apertura delle piazze è stato travisato e strumentalizzato". È quanto si legge in un post sulla pagina Fb di '6000 Sardine' con cui i quattro fondatori del movimento prendono le distanze dall’intervista rilasciata da Stephen Ogongo, uomo di riferimento delle sardine nella Capitale, al 'Fatto Quotidiano' in vista della manifestazione di sabato prossimo a Roma.

"Per me, almeno per ora, chiunque vuol scendere in piazza è il benvenuto. Che sia di sinistra, di Forza Italia o di CasaPound. Ai paletti penseremo dopo". Queste le parole del giornalista 45enne, già fondatore del movimento antirazzista 'Cara Italia'. Che poi ha aggiunto: "Per ora è ammesso chiunque, pure uno di CasaPound va benissimo. Basta che in piazza scenda come una Sardina".

CasaPound: "Noi in piazza con le sardine? Perché no"

Un’apertura all’elettorato di destra? Casa Pound ha preso la palla al balzo. "Perché no? Andiamo in piazza con le sardine anche noi e impostiamo con loro un dialogo frizzante" ha dichiarato al Primato Nazionale Simone Di Stefano, uno dei leader della forza politica di estrema destra. "E’ chiaro cosa non vogliono, queste sardine, ma non cosa vogliono. E’ ora di parlare di idee, magari gli piacerà il nostro mutuo sociale, chissà".

Accettate l’invito, quindi? "Andiamo sì, siamo contenti dell’invito. Di certo non canteremo 'Bella Ciao' né siamo a favore dello ius soli come Ogongo, anzi siamo fortemente contrari. Ma se le sardine sono davvero aperte alle idee, noi abbiamo tante proposte su temi sociali come la casa, il lavoro, i salari. Temi che magari possono interessare quello che sembra essere un contenitore vuoto. Andremo quindi e parleremo con le sardine. Noi di CasaPound abbiamo parlato con chiunque in tutti questi anni: destra, sinistra, centro".

Incredulità e proteste sui social

Le parole di Ogongo hanno acceso il dibattito sui social. "CasaPound non ha diritto di stare in nessuna manifestazione.  Spero che le Sardine ci pensino" scrive un utente. In tanti hanno espresso incredulità per le dichiarazioni di Ogongo anche se qualcuno fa anche notare che - in effetti - non c’è stata nessuna una vera e propria apertura a CasaPound ma "di una dichiarazione infelice e forse ingenua".

Nel gruppo Sardine di Roma, che su Facebook accoglie circa 140.000 utenti, le parole di Stephen Ogongo hanno lasciato il segno: "Se troverò un fascista in piazza San Giovanni, questo avrà la fortuna di sentire l'affetto da parte del quartiere che coloro che la pensavano come lui hanno distrutto", scrive un ragazzo.

"Mi stupisce comunque la leggerezza con la quale uno degli organizzatori possa fare una simile dichiarazione, più che strumentalizzabile... Specie nel momento in cui Santori ha criticato 'Potere al Popolo' accusandola di 'infiltrarsi' nelle piazze... Cioè i compagni non vanno bene ma siamo inclusivi con i fascisti? Bisognerebbe fare più attenzione nelle dichiarazioni pubbliche", osserva un altro membro della community.

Il post dei fondatori: "Mai con Forza Nuova o CasaPound"

I fondatori del movimento sono stati costretti a dissociarsi. "Le piazze delle sardine si sono fin da subito dichiarate antifasciste e intendono rimanerlo" si legge nel post pubblicato sulla pagina Fb di '6000 Sardine'. "Nessuna apertura a CasaPound, né a Forza Nuova. Né ora né mai". "Dal 14 novembre scorso centinaia di migliaia di persone sono scese inpiazza proprio contro quei partiti che con le idee e il linguaggio deigruppi neofascisti e neonazisti flirtano in maniera neanche troppo  nascosta. Stephen Ogongo  ha commesso un'ingenuità".

"Ci dispiace che il concetto di apertura delle piazze sia stato travisato e strumentalizzato, ma non stupisce" proseguono i fondatori del movimento. "In questo momento le piazze fanno gola a molti, lo avevamo già detto e lo ripetiamo. Rammarica che questo fraintendimento sia cavalcato da più parti. Ma è giusto dare una risposta netta. Le sardine sono antifasciste. Le sardine continueranno a riempire le piazze. Si decida da che parte stare. Noi lo abbiamo già fatto. Andrea, Giulia, Mattia, Roberto e tutte le sardine". Solo uno scivolone. E sabato c'è piazza San Giovanni. Una piazza "ingombrante". L'obiettivo è arrivare a centomila persone. 

Di Stefano (CasaPound): "Saremo in piazza senza bandiere"

Caso chiuso? Insomma. All'AdnKronos Simone Di Stefano conferma che in piazza ci saranno anche esponenti della tartaruga crociata: "Mi pare che nulla osti alla nostra partecipazione, saremo invisibili, senza bandiere. Tanti dei nostri saranno là, noi andiamo dove ci pare, come abbiamo sempre fatto, per portare le nostre idee", sottolinea Di Stefano. "E' un movimento interessante, non è che quattro persone decidono per un movimento che vuole essere di popolo, spontaneo e libero - osserva Di Stefano - Noi, comunque, ci andremo anche sulla base delle parole di Ogongo. Sono convinto che nessuno di noi sarà allontanato con la forza da una piazza libera e democratica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A 12 anni va in ospedale per il mal di pancia: scoprono che è incinta di sette mesi

  • Oroscopo Paolo Fox, le previsioni della settimana dal 20 al 26 gennaio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Sanremo 2020, la furia di Claudia Gerini contro Amadeus: "Comportamento inaccettabile"

  • Vive con il cadavere del fratello, morto da tre mesi, ai piedi del letto

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 16 Gennaio 2020

Torna su
Today è in caricamento