Salvini-Sardine, chi ha vinto la "sfida di Bibbiano": oggi si replica

A livello di partecipazione non c'è stata partita: vincono le Sardine, "solo" un migliaio di persone ad ascoltare il leader leghista. Oggi si replica a Ravenna. Ma l'unico risultato che conta sarà quello delle urne, domenica sera

La manifestazione delle Sardine in piazza Libero Grassi a Bibbiano (Re). 23 Gennaio 2020. ANSA / SERENA CAMPANINI

Sfida a breve distanza a Bibbiano tra Matteo Salvini e Mattia Santori. Oggi si replica. C'è un vincitore? A livello di partecipazione, non c'è stata partita: vincono le Sardine. Ma l'unico risultato che conta sarà quello delle urne, domenica sera. 

Distanti poche decine di metri - da una parte il palco leghista, dedicato alle 'vittime' dei casi di affidamenti illeciti, dall'altra quello delle sardine - il capitano e il portavoce si confrontano. Prima sui numeri, con Santori che "parla di 5mila, 6mila persone presenti e altre stanno arrivando". Salvini davanti a un migliaio di persone punta a un discorso dove "la politica non dovrebbe dividersi sul tema dei bambini". Ma ricordando - rivolto alle sardine che "spiace se qualcuno a pochi metri a qui fa polemica".

Salvini a Bibbiano: "Il bene dei bambini deve unire"

Salvini si presta poi come sempre all'abituale rito del selfie. Gli interventi delle mamme e dei papà del comune della Val d'Elsa, simbolo della operazione 'Angeli e demoni' sono stati toccanti: storie di bambini e bambine allontanate dalle famiglie, raccontate da uomini e donne che ci mettono la faccia, tra commozione e rabbia, spesso applaudite dalla piazza, dove non ci sono quasi per nulla simboli della Lega, e dove spicca il cartello 'i comunisti rubano i bambini'. Centinaia sono in piazza della Repubblica, chiamati a raccolta dal leader della Lega.

Il leader della Lega sembra voler parlare poco: "Questo è un giorno non della politica", dice. Anzi "il bene dei bambini deve unire", parlando da un palco dove l'unica scritta è 'Giù le mani dai bambini'. Poi lascia spazio alle 'testimonianze'. La mamma di Perla racconta il suo caso, della figlia "venduta a una famiglia abbiente". C'è chi piange dal palco e chi ringrazia Salvini per l'impegno. Ospite anche la mamma di Tommy, bambino di 17 mesi rapito e ucciso nel 2006. Il suo grido di rabbia è per il permesso premio a una dei carcerieri del piccolo.

Salvini si concentra sul tema degli affidi: "La legge va cambiata", sottolinea. Ci sono "26mila bambini allontanati", dalle proprie famiglie, "dai papà e dalle mamme". "Se anche uno solo è stato tolto senza motivo questa non è una cosa di uno Stato dignitoso". Lucia Borgonzoni, presente su palco, la presenta come la "governatrice dell'Emilia-Romagna, da lunedì prossimo" tra i fan che applaudono. Lei lo conferma, dicendo "riapriremo la commissione d'inchiesta su Bibbiano", rivendicando anche la t-shirt bianca, indossata in Senato con su scritto 'parlateci di Bibbiano'.

Bibbiano, Sardine a Salvini: "Fate marketing sui bambini"

Le sardine nel frattempo sono impegnate nella loro kermesse sonora, continuando anche dopo che Salvini ha chiuso gli interventi da piazza della Repubblica. Santori plaude alla "persone che fanno cittadinanza attiva". "Si può - aggiunge - fare politica senza partecipare direttamente, senza liste e candidati". "Noi - conclude - siamo già un partito, un partito in prima persona". Poi torna ad attaccare l'altra piazza: "Lì ci sono famiglie e una piazza strumentalizzata", aggiungendo la domanda: "Perché siamo sette volte più di voi, se quella doveva essere una piazza di tutti?".

"Giù le mani dai bambini", lo slogan utilizzato da Matteo Salvini per il comizio a Bibbiano, è "solo una strategia di marketing strumentale". Lo ha detto il leader del movimento delle Sardine, a margine della contro-manifestazione convocata nel comune emiliano. Quella di Salvini "è una strategia di marketing strumentale - ha detto Santori - che dà per scontato che solo di là" nella piazza della Lega "ci siano delle persone che hanno a che fare con dei bambini. Se contiamo il numero di maestri delle scuole elementari e d'infanzia che ci sono qui" nella piazza delle Sardine, "vedrete che vinciamo sui numeri".

"Il senso di questa manifestazione - ha detto Santori - è rendersi conto di quanta discrepanza ci sia tra il reale e la mediaticità di un fenomeno e di un caso giudiziario".

Oggi si replica a Ravenna: da una parte le Sardine in piazza Kennedy, poco distante da piazza del Popolo prenotata dal centrodestra per la chiusura della campagna elettorale. I tre leader -Salvini, Meloni e Berlusconi- saranno fianco a fianco per sostenere la candidata Lucia Borgonzoni. La lunga campagna elettorale è ormai prossima al traguardo.

salvini bibbiano ansa-2

Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni,candidata alla presidenza della regione Emilia-Romagna per la Lega, insieme ad alcuni genitori di bambini tolti alle famiglie dai servizi sociali, in piazza della Repubblica a Bibbiano (Re). 23 Gennaio 2020. ANSA / ELISABETTA BARACCHI

La campagna elettorale di Salvini fatta sull'inchiesta di Bibbiano è "uno schifo". Lo ha detto Nicola Zingaretti a margine di una iniziativa in Emilia Romagna, in una dichiarazione al Tg La7. "Le inchieste giudiziarie devono andare avanti, ma lucrare su questo è veramente uno schifo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Renzi: "Se la partita è regionale stravince Bonaccini"

"Se la partita è per chi deve fare il presidente della Regione stravince Bonaccini. Perché uno ha dimezzato l'occupazione, ha aumentato il pil, aumentato i posti di lavoro e sa fare il presidente della Regione. L'altra ha fatto la sottosegretaria ai Beni culturali e ce la ricordiamo per la maglietta 'parlateci di Bibbiano'". Lo ha detto il leader di Italia Viva Matteo Renzi intervistato a Piazzapulita su La7.

Secondo Renzi, "i cittadini non sono mai scemi. Sanno votare. Alle europee di sei mesi fa. Lo stesso giorno in cui Salvini ha preso il 34 per cento in molti comuni il centrosinistra ha stravinto le amministrative. Questo significa che la gente sa scegliere. Se prevale la lettura del dato regionale - ha osservato Renzi - si sceglie Bonaccini. Se prevale una lettura del dato nazionale, cioè Salvini contro sardine, rischiamo che il centrodestra possa farcela".

Elezioni Emilia Romagna: data, candidati e sondaggi. La guida al voto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la fidanzata di Dybala rompe il silenzio: "Tosse e dolori al corpo, sensazione perenne di disagio"

  • Belen contro Barbara d'Urso: l'affondo durante una diretta su Instagram

  • Domenica In, Roby Facchinetti annulla l'ospitata: "Bergamo è la mia città, sono devastato dal dolore"

  • Coronavirus, quale mascherina bisogna usare

  • Coronavirus, come sono cambiati i trasporti pubblici durante l'epidemia

  • Coronavirus, addio alla mamma di Piero Chiambretti

Torna su
Today è in caricamento