Elezioni regionali, gli ultimi sondaggi chiariscono il trend

In Emilia Romagna i sondaggi che guardano al voto di lista fotografano una situazione opposta rispetto al voto per i candidati. E in Calabria la lotta intestina ai dem rischia di far molto male al Pd

A meno di due mesi dalla prima tornata elettorale del 2020 cresce l'attenzione verso le elezioni regionali in Emilia Romagna e in Calabria che si terranno domenica 26 gennaio

Se in Emilia Romagna il centrosinistra si trova compatto nel sostenere la ricandidatura del governatore uscente Stefano Bonaccini nella sfida con la candidata del centrodestra Lucia Borgonzoni, in Calabria i sondaggi sanciscono il crollo dei consensi del governatore uscente Gerardo Mario Oliverio capace nel 2014 di essere eletto con oltre il 60% dei voti. Anche per questo Zingaretti ha chiesto e ottenuto in passo indietro da parte di Oliverio dopo un lungo tiro e molla legato al commissariamento del pd calabrese. Venerdì il segretario dem sarà a Reggio Calabria per presentare il candidato governatore del centrosinistra, l'imprenditore Pippo Callipo. A sfidarlo Francesco Aiello, candidato alla presidenza della regione Calabria di un'alleanza civica trainata dal M5S. Ancora senza un candidato il centrodestra: Salvini e Berlsconi devono ancora trovare l'accordo per l'investitura del sindaco di Cosenza Mario Occhiuto. L'alternativa potrebbe essere rappresentata dal sindaco di Vibo Valentia, Maria Limardo sempre in quota Forza Italia.

Anche per questo è prematuro avere dei sondaggi che possano svelare i consensi dei candidati. Restano i risultati ottenuti dai vari partiti alle ultime elezioni europee: lo scorso Maggio il Movimento 5 Stelle si era confermato primo partito con il 26%, la Lega ottenne il 22% dei consensi. Il Pd era terzo partito col 18%, davanti a Forza Italia (13,32%) e  Fratelli d’Italia (10,26%). 

Elezioni regionali, gli ultimi sondaggi

Se l'ultimo sondaggio di Swg vede l'emorragia di voti dal Movimento 5 stelle a livello nazionale, la polarizzazione del scontro tra centrodestra e centrosinistra - ed in primis tra Lega e Pd - si rivede anche a livello locale in Emilia Romagna. 

Il governatore uscente Stefano Bonaccini viene visto in vantaggio sulla avversaria Lucia Borgonzoni nella rilevazione scattata dall'istituto demoscopico Izi. Tuttavia i sondaggi che guardano al voto di lista fotografano una situazione opposta. 

Se infatti il candidato del centrosinistra viene visto al 45% contro il 40 per cento della senatrice della Lega, nel voto ai partiti il Carroccio risulta primo catalizzando il 30% dei consensi. Segue il Pd al 24%. 

A giocare dalla parte di Bonaccini sono le liste di sinistra che rappresenterebbero l'11% dell'elettorato emiliano romagnolo. 

E i 5 stelle? Il Movimento dopo la scelta di correre da solo si posizionerebbe intorno al 10 per cento secondo l'istituto di ricerca indipendente diretto da Giacomo Spaini.

Elezioni Emilia Romagna, sondaggio Izi

  • Lega 30%;
  • Pd 24.7%;
  • 5 Stelle 10.9%
  • Fdi 9%
  • Forza Italia 5.5%

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, ecco cosa cambia davvero dal 1° gennaio 2020

  • Bollette luce e gas, buone notizie per metà delle famiglie italiane

  • Michelle Hunziker 'presenta' le figlie Celeste e Sole: tali e quali a mamma e papà (FOTO)

  • Prende il reddito di cittadinanza ma ha un bar: la sanzione è da capogiro

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 12 dicembre 2019

  • Sonia Bruganelli: "Paolo Bonolis? La passione se n'è andata"

Torna su
Today è in caricamento